Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 11 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaiolo delle scimmie. Ecdc: “In Europa un totale di 88 casi confermati e 42 sospetti. Verificare la disponibilità per il personale sanitario di vaccini contro il vaiolo, di antivirali e DPI”


Lo rimarca il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie in una raccomandazione emessa nel primo pomeriggio. Sollecitati anche azioni e interventi per incentivare la tempestiva identificazione, la gestione, il tracciamento dei contatti e la segnalazione di nuovi casi. Casi confermati in nove Paesi della Ue (in tutto 67), nel Regno Unito (20) e in Svizzera (1). Ma il virus è stato rilevato anche negli Usa, in Australia, in Canada e in Israele. IL RAPPORTO

23 MAG -

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha diramato oggi pomeriggio una nuova raccomandazione ai paesi dell'UE/SEE per concentrarsi sulla tempestiva identificazione, gestione, tracciamento dei contatti e segnalazione di nuovi casi di vaiolo delle scimmie.

Ecdc sollecita anche ad aggiornare i meccanismi di tracciamento dei contatti, la capacità diagnostica per gli orthopoxvirus e a rivedere la disponibilità di vaccini contro il vaiolo, antivirali e dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari.

Aggiornamento della situazione epidemiologica:
• Il 18 maggio, il Portogallo ha segnalato 14 casi di MPXV confermati mediante PCR. Tutti i casi erano uomini con una presentazione clinica di eruzioni cutanee (alcune ulcerative), febbre, mialgia e astenia. Nessuno dei casi ha richiesto il ricovero in ospedale. Il 20 maggio sono stati registrati altri nove casi confermati, portando il numero totale di casi confermati a 23. In due casi è stato identificato il clade dell'Africa occidentale.
• Il 19 maggio, la Spagna ha segnalato sette casi confermati e 23 sospetti di MPX, tutti tra uomini. Il 20 maggio, sono stati segnalati ulteriori 16 casi. Il 22 maggio sono stati confermati altri sette casi, con 39 nuovi casi sospetti sotto inchiesta.

• Il 19 maggio, il Belgio ha segnalato un caso confermato in un uomo con precedenti di viaggio a Lisbona, in Portogallo. Il suo compagno ha sviluppato sintomi simili ed è stato confermato il 20 maggio. Al 22 maggio, un totale di quattro casi confermati è stato segnalato.
• Il 19 maggio, la Germania ha confermato il suo primo caso in un uomo con precedenti di viaggio in Spagna e Portogallo. Il 20 maggio, sono stati segnalati altri due casi confermati.
• Il 20 maggio, la Francia ha segnalato il suo primo caso confermato in un uomo senza precedenti di viaggio, con tre casi aggiuntivi ancora sotto inchiesta.
• Il 20 maggio, l'Italia ha segnalato un caso confermato di MPX in un uomo che ha richiesto il ricovero in ospedale con una storia di viaggio in Spagna. Il 21 maggio sono stati segnalati altri due casi confermati.
• Il 20 maggio, la Svezia ha segnalato un caso confermato in un uomo con precedenti di viaggio in Italia.
• Il 20 maggio, i Paesi Bassi hanno segnalato un caso confermato, si tratta di un uomo con una storia di viaggio in Belgio.
• Il 22 maggio, l'Austria ha segnalato il suo primo caso confermato.

Al 23 maggio 2022, quindi sono rilevati 67 casi confermati in nove Stati membri UE/SEE e almeno ulteriori 42 casi sospetti oggetto di indagine.

Il 7 maggio 2022, il Regno Unito ha segnalato il primo caso importato di vaiolo delle scimmie (MPX) in una persona che viaggiava dalla Nigeria. Il caso ha riferito di aver sviluppato una malattia simile a un'eruzione cutanea il 29 aprile 2022 e ha viaggiato da Lagos a Londra il 3-4 maggio. 

Il 13 maggio  sono stati segnalati altri due casi di MPX che fanno parte della stessa famiglia e non sono collegati al singolo caso importato dalla Nigeria notificato il 7 maggio. 

Nessuno degli individui in questo cluster aveva viaggiato o avuto contatti con chiunque avesse una storia di viaggio rilevante.

Il 15 maggio segnalati altri quattro casi di MPX, confermati dalla PCR. Nessuno di questi casi ha collegamenti epidemiologici noti al caso importato dalla Nigeria (notificato il 7 maggio) o al cluster familiare (notificato il 13 maggio). I quattro casi erano uomini che avevano rapporti sessuali con uomini (MSM) e presentavano un'eruzione cutanea. 

Il 18 maggio sono stati segnalati altri due casi (anche MSM), uno a Londra e uno nel sud-est di Inghilterra.

Il 20 maggio, 11 casi aggiuntivi sono stati segnalati dall'UKHSA, portando il numero totale di casi MPX confermati in Inghilterra a 20. Tutti i casi segnalati nel Regno Unito sono stati confermati come causati dal clade dell'Africa occidentale MPXV.

Il 22 maggio, la Svizzera ha segnalato un caso confermato con una storia di viaggio in Europa, portando i casi totali in Europa a 88 casi confermati e 42 sospetti.

Sono stati segnalati casi anche al di fuori dell'Europa: il 18 maggio 2022 il Canada ha segnalato due casi confermati e altri 20 casi che sono stati osservati in cliniche per infezioni sessualmente trasmissibili (STI), tutti uomini; un caso confermato a Boston, negli Stati Uniti, in un maschio adulto con un viaggio recente in Canada e un caso probabile a New York City. Il 19 maggio 2022, l'Australia ha segnalato due casi confermati, uno era un uomo con una storia di viaggio nel Regno Unito. Il 20 maggio 2022 Israele ha riportato una conferma su un caso e altri casi sospetti. 

I casi di vaiolo delle scimmie umano attualmente diagnosticati sono principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, il che suggerisce – scrive l’Ecdc - che “la trasmissione potrebbe aver luogo durante le relazioni intime”.

Ecdc ribadisce che la trasmissione può avvenire attraverso il contatto ravvicinato della mucosa o della pelle non integra con il materiale infettivo delle lesioni o attraverso grandi goccioline respiratorie durante il contatto prolungato faccia a faccia.

Livello di rischio. Sulla base della valutazione epidemiologica dell'ECDC, la probabilità che il vaccino delle scimmie si diffonda è elevato in persone che hanno più partner sessuali. Il rischio complessivo è invece valutato come moderato per le persone che hanno partner sessuali multipli (compresi alcuni gruppi di MSM) e basso per la popolazione più ampia.

“La maggior parte dei casi attuali si è presentata con sintomi di malattia lievi e, per la popolazione più ampia, la probabilità di diffusione è molto bassa", ha affermato Andrea Ammon, direttore dell'ECDC che ha aggiunto, “tuttavia, la probabilità di un'ulteriore diffusione del virus attraverso uno stretto contatto, ad esempio durante le attività sessuali tra persone con più partner sessuali, è considerata alta".

“Sono preoccupata per l'aumento del numero di casi di vaiolo delle scimmie segnalati nell'UE e nel mondo”, ha detto Stella Kyriakides, Commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare che ha aggiunto: “Stiamo monitorando da vicino la situazione e, sebbene attualmente la probabilità di diffusione nella popolazione più ampia sia bassa, la situazione è in evoluzione. Dobbiamo tutti rimanere vigili, garantire che siano disponibili la tracciabilità dei contatti e un'adeguata capacità diagnostica e garantire di avere a disposizione i vaccini, gli antivirali e i dispositivi di protezione individuale necessari per gli operatori sanitari”.

La commissaria UE ha poi aggiunto che “siamo stati in stretto contatto con gli Stati membri sin dalle prime segnalazioni di casi di virus del vaiolo delle scimmie nell'UE e siamo pronti a sostenere e coordinare attivamente la risposta dell'UE con tutte le risorse a disposizione dell'UE. Il comitato per la sicurezza sanitaria dell'UE discuterà domani del vaiolo delle scimmie e la nostra autorità di risposta e preparazione alle emergenze sanitarie (HERA), ECDC ed EMA stanno lavorando a stretto contatto per garantire che le informazioni sulla situazione epidemiologica e la disponibilità di vaccini e trattamenti siano assicurate".

Ecdc ricorda inoltre che il virus del vaiolo delle scimmie può causare malattie gravi in alcuni gruppi di popolazione, come bambini piccoli, donne in gravidanza e persone immunosoppresse e che sono necessarie ulteriori indagini per stimare con precisione il livello di morbilità e mortalità in questo focolaio.

Se si verifica la trasmissione da uomo ad animale e il virus si diffonde in una popolazione animale, c'è il rischio che la malattia diventi endemica in Europa. Pertanto, è necessaria una stretta collaborazione intersettoriale tra le autorità sanitarie pubbliche umane e veterinarie per gestire gli animali domestici esposti e prevenire la trasmissione della malattia alla fauna selvatica.

Le raccomandazioni per chi ha l’infezione. Le persone infette dovrebbero rimanere isolate fino alla caduta delle croste e in particolare dovrebbero evitare contatti ravvicinati con persone immunosoppresse e animali domestici. Si consiglia inoltre di astenersi dall'attività sessuale e da uno stretto contatto fisico fino alla guarigione dell'eruzione cutanea. La maggior parte dei casi può rimanere a casa con cure di supporto.

I contatti stretti dei casi di vaiolo delle scimmie dovrebbero auto-monitorarsi per lo sviluppo dei sintomi per 21 giorni dopo l'ultima esposizione.
I contatti stretti dovrebbero inoltre essere sospesi dalle donazioni di sangue, organi o midollo osseo per un minimo di 21 giorni dall'ultimo giorno di esposizione.



23 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Risk assessment

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy