Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 OTTOBRE 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Aborto. In Gran Bretagna la crisi economica e l’incertezza del futuro spingono all’Ivg 


Un altro aspetto della crisi economica che si porta dietro l’incertezza sul futuro è quello legato alle interruzioni di gravidanza. In GB negli ultimi mesi è aumentato il numero di donne che ha deciso di abortire. A rivelarlo un’indagine condotta tra le donne e i Medici di famiglia 

14 AGO - In tempi di crisi economica che determinano incertezza sul futuro non è facile programmare di mettere al mondo figli. Scelte che un tempo sembravano naturali all’interno di una coppia ora devono fare i conti con una recessione che da anni sta attanagliando il mondo occidentale, in particolare Europa e Stati Uniti.
 
È il caso della Gran Bretagna dove un’indagine condotta della società “Insight Research Group”, che ha intervistato donne e medici di famiglia, ha rilevato che la crisi economica-finanziaria è tra le cause che stanno facendo aumentare negli ultimi sei mesi le interruzioni di gravidanza. Anche l’aborto quindi tra le cause di questa crisi.
 
Si, perché se le donne più giovani, ovvero quelle al di sotto dei 25 anni, sembrano aver diminuito il numero di Ivg al punto che un terzo delle ragazze ha detto di non voler mettere su famiglia finché non migliora il quadro recessivo del Paese, stessa cosa non può dirsi per le donne più mature, quindi magari già sposate o con un figlio, che a causa della crisi preferiscono interrompere la gravidanza specie se questa è inaspettata.  

 
A disegnare questo quadro sono i medici di famiglia che hanno riscontrato come esista una correlazione tra situazione economica e aumento della scelta da parte delle donne di non portare a termine una gravidanza non pianificata. 

14 agosto 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy