Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 SETTEMBRE 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Le linee guida contro la depressione in maternità

01 DIC - le="margin-left: 14.2pt;"> Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale. Questi gli ambiti di intervento delle linee guida per il trattamento dei disturbi psicopatologici in gravidanza e puerperali presentate dall’Osservatorio Nazionale per la Salute della Donna (Onda) e ideate dagli specialisti di sei centri di eccellenza (vedi dettagli a fondo pagina).
 
Rivolte a tutti gli operatori attivi in ambito di disturbi psichiatrici, le nuove linee guida si propongono come:

   1. Strumento di supporto ai professionisti per le prime modalità di riconoscimento delle problematiche di salute mentale.
   2. Ausilio per un migliore approccio alla patologia con al definizione delle azioni di prevenzioni, delle indicazioni per la diagnosi dei disturbi specifici e delle modalità di trattamento per ogni singola patologia.
   3. Documento di standard minimo di indicazione al quale ricorrere prima di un necessario e imprescindibile giudizio clinico da parte del professionista.


I tratti salienti delle Linee guida suddivisi in Prevenzione, Diagnosi e Trattamento possono essere così riassunti:

 
PREVENZIONE IN EPOCA PERINATALE
Il periodo perinatale, che si estende dalla gravidanza fino al 1° anno postpartum, presenta una considerevole variabilità di disturbi mentali che richiede una adeguata identificazione e conseguente gestione. Circa il 16% delle donne soffre di un disturbo mentale in questa fase della vita con ripercussioni importanti sull’impatto della vita della puerpera, sul bambino, sulla relazione mamma-bambino e su tutto l’entourage familiare.
 
DIAGNOSI: LE FORME DI DEPRESSIONE

   Depressione
La depressione in gravidanza si manifesta in 1 donna su 10 con un picco di frequenza intorno alla 32° settimana di gravidanza. Essa può essere la manifestazione di un continuum depressivo o una ricorrenza di una condizione depressiva precedente. Sono a maggior rischio le donne che hanno sospeso un trattamento antidepressivo per la gravidanza, più soggette anche a depressione postpartum.
Sintomi
I sintomi depressivi in gravidanza possono essere associati ad una patologia intrinseca oppure correlati ad eventi di vita stressanti. Le più tipiche manifestazioni sono:
    * Incapacità a concentrarsi
    * Ansia
    * Estrema irritabilità con gli altri e con se stessa
    * Problemi del sonno (insonnia o ipersonnia)
    * Perdita o aumento dell’appetito
    * Sentirsi stanca per la maggior parte del tempo
    * Incapacità di provare piacere
    * Costante tristezza e pianto
    * Agorafobia: difficoltà ad uscire di casa ed esporsi in situazioni sociali
    * Tendenze ossessive-compulsive come lavarsi ripetutamente le mani
Fattori di rischio
    * Storia psicopatologica pregressa
    * Familiarità psichiatrica
    * Storia di psicopatologia in gravidanza
    * Precedente depressione postparum
    * Patologie endocrine (ipotiroidismo)
    * SPM o DDPM
    * Giovane età
    * Recenti eventi di vita stressanti
    * Complicanze ostetriche
    * Nascita pre-termine, problemi di salute del bambino, temperamento difficile del bambino
    * Storia di abuso
    * Violenza domestica
    * Abuso di droghe e alcol
    * Gravidanza indesiderata o non programmata
    * Gravidanze ravvicinate
    * Lungo tempo di concepimento e/o pratiche di procreazione medicalmente assistita
    * Mancanza di supporto sociale
    * Relazione conflittuale con il partner
    * Modalità di coping disfunzionali
    * Baby blues non risolta
    * Esperienza di nascita deludente
    * Impossibilità di allattare
    * Livello socio-economico basso
    * Disoccupazione
    * Essere primipara
    * Interruzione recente di farmaci psicotropi
    * Caratteristiche di personalità quali: soggetta a sensi di colpa, perfezionismo, sentirsi incapaci di apprendere, bassa autostima

   Ansia
L’ansia in gravidanza è associata a conseguenze negative sullo sviluppo fetale e alla possibilità di manifestare una depressione postpartum. La maggiore difficoltà ad individuare i disturbi d’ansia durante la gravidanza è dovuta alla sovrapposizione di sintomi fisici e psichici propri dell’esperienza di gravidanza con manifestazioni di un disturbo d’ansia specifico (panico, disturbo ossessivo compulsivo, Disturbo Post Traumatico [PTSD])
Sintomi
Sintomi fisici propri della gravidanza ma anche di uno stato di ansia in gravidanza sono:
    * Iperemesi
    * Vomito e nausea
    * Affaticamento
    * Astenia
    * Disturbi dell’alimentazione
    * Disturbi del sonno
    * Fenomeni come ‘gambe senza riposo’ o pesanti
Fattori di rischio
    * Storia psicopatologica pregressa
    * Familiarità psichiatrica
    * Storia di psicopatologia in gravidanza
    * Precedente disturbo di ansia nel post-partum
    * Parto traumatico (fattore specifico di rischio per PTSD)
    * Abuso sessuale (fattore specifico di rischio per PTSD)

 Maternity Blues
Con una incidenza del 50-80%, il Matrenity Blues si manifesta con un decorso transitorio e reversibile determinato dalla brusca caduta dei livelli estro progestinici che tende alla risoluzione spontanea entro una settimana/10 giorni.
Sintomi
    * Deflessione timica di grado lieve
    * Sentimenti di inadeguatezza rispetto al proprio ruolo di madre
    * Labilità emotiva (crisi di pianto)
    * Disforia (irritabilità)
    * Ansia
    * Insonnia
Nelle donne affette da maternity blues si è riscontrato un rischio di sviluppare depressione postpartum di 3.8 volte maggiore e un rischio di 3.9 volte maggiore di manifestare una patologia dello spettro d’ansia rispetto alle restanti donne.

Depressione post-partum
Colpisce il 10-15% delle donne durante il primo anno di vita del bambino, con manifestazioni immediatamente successive al parto, il più delle volte entro i  4-6 mesi dalla nascita del bimbo.
Sintomi
    * Umore depresso
    * Anedonia perdita della capacità di provare piacere
    * Modificazione peso e/o appetito
    * Alterazione del sonno (aumento/riduzione tempi di sonno)
    * Astenia: affaticabilità o mancanza di energie
    * Isolamento
    * Sentimenti di colpa e inutilità, bassa autostima, impotenza e disvalore
    * Ansia e relativi connotati somatici
    * Perdita della libido
    * Riduzione della concentrazione
    * Pensieri ricorrenti di morte e/o progettualità di suicidio
    * Agitazione/rallentamento psicomotorio
Perché il disturbo sia conclamato devono essere presenti almeno 5 dei sopra-elencati sintomi e perdurare da almeno due settimane per quasi ogni giorno.

 

Psicosi puerperale
Si manifesta 1 ogni 1000 parti di bambini nati vivi. Se una donna ha manifestato un episodio di psicosi puerperale avrà un rischio del 25-75% di avere una ricaduta nelle gravidanze successive
Sintomi
    * Ideazione delirante
    * Fenomeni allucinatori
    * Irrequietezza, agitazione motoria o comportamenti bizzarri
    * Timori e preoccupazioni eccessive ed irrazionali rispetto al bambino
    * Fluttuazioni dell’umore con emozioni inappropriate
    * Umore elevato con aumentato livello di energia sino ad un pattern di comportamento maniacale
    * Impossibilità di dormire (insonnia resistente)
    * Il comportamento può sembrare fuori dalla realtà come ad esempio non curarsi dei bisogni fisici e psicologici del bambino. Incapacità di rispondere ai bisogni del bambino (sopravvivenza, salute e nutrimento).
Fattori di rischio
    * Età avanzata
    * Precedente episodio di psicosi postpartum
    * Storia psicopatologica pregressa
    * Familiarità psichiatrica
    * Insonnia
    * Disturbo di personalità borderline
    * Primo parto
    * Nascita pre-termine, problemi di salute del bambino, temperamento difficile del bambino
    * Veneti traumatici durante l’anno precedente

Disturbo della relazione madre-bambino
La relazione madre-bambino inizia già durante la gravidanza e consiste essenzialmente in idee ed emozioni attivate dal bambino che trovano la loro espressione nei comportamenti affettivi e protettivi della madre.
Sintomi
    * Rammarico per la gravidanza
    * Ostilità verso il bambino
    * Sollievo quando si è lontani dal bambino
    * Tentativi di evasione o fuga dal contesto relazionale
    * Richiesta che un parente o una madre adottiva allevi il bambino
    * Celata o dichiarata voglia che il bambino sia rubato o che muoia improvvisamente
Fattori di rischio
    * Gravidanza non pianificata
    * Gravidanza non desiderata
    * Nascita prematura
    * Separazione precoce (es. ospedalizzazione della madre o del bimbo)
    * Malformazione congenita, handicap del bambino
    * Depressione postpartum
    * Sesso del bambino

Si differenza dalla depressione postpartum perché questo disturbo è centrato sulla inadeguata risposta emotiva della madre verso il proprio bambino. In una minoranza, circa l’1% della madri, sviluppano emozioni negative verso il bambino che possono raggiungere sentimenti di antipatia, odio o rifiuto fino a rabbia patologica quando le richieste del bambino suscitano nella mamma impulsi aggressivi che possono portare alle urla, all’abuso ed in casi estremi all’infanticidio.

 
TRATTAMENTO DELLA PSICOPATOLOGIA PERINATALE

 Saper ascoltare
La presenza di sentimenti contrastanti ed emozioni ambivalenti possono caratterizzare questo percorso di adattamento alla maternità, pertanto è necessario avere una apertura accogliente e non giudicante ed un ascolto attivo per esplorare la natura e i significati degli stessi e diminuire la probabilità che evolvano su un continuum di gravità.

 

Saper riconoscere
È importante avere la consapevolezza che indagando il malessere di una madre in gravidanza o nel postpartum si possono rilevare le condizioni cliniche ad alto rischio per la donna o per il bambino.

Saper chiedere
Sviscerare qualsiasi domanda possa essere indicatrice di vissuti di conflittualità o traumi nella donna

 

OPZIONI TERAPEUTICHE


Trattamenti

IN GRAVIDANZA E NEL POSTPARTUM

Trattamenti non farmacologici
  • Interventi psicoeducazionali
  • Psicoterapia

Terapia cognitivo-comportamentale

Terapia interpersonale

Terapia psicodinamica

  • Supporto psicologico
  • Tecniche di rilassamento

Trattamento farmacologico

Antidepressivi

Ansiolitici

Stabilizzatori dell’umore

Antipsicotici


Trattamento combinato

Un approccio integrato dove farmaco e psicoterapia lavorano insieme è il miglior intervento terapeutico che si possa strutturare con il quale si raggiunge il maggior successo di guarigione dai sintomi




 
 
I SEI CENTRI COINVOLTI
 
TORINO
A.O.U. MOLINETTE - DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE
La Struttura ComplessaUniversitaria di Psichiatria diretta dal Prof. Filippo Bogetto è situata all’interno dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria San Giovanni Battista di Torino (comunemente noto come Ospedale Molinette). La struttura è composta da un reparto di degenza ospedaliera di quattordici letti e da un ambulatorio di secondo livello per quanto riguarda la patologia inerente la psichiatria generale. All’interno di tale ambulatorio si segnala in particolare il Servizio per i Disturbi Depressivi e d’Ansia, di cui è responsabile il Prof. Giuseppe Maina.
Contatti
Via Cherasco, 11 – 10126 Torino
Tel: 011.6336740 - 011.6335425 - 011.6634848
E-mail: giuseppe.maina@unito.it
 
MILANO
A.O. FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO - CENTRO PSICHE DONNA
Il Centro Psiche Donna è nato nel 2004 all’Ospedale Macedonio-Melloni, Fatebenefratelli di Milano. È un Centro pubblico ambulatoriale specializzato nello studio, prevenzione e cura delle malattie psicologiche e dei disturbi psichiatrici relativi ai passaggi più significativi del ciclo di vita femminile, quali la gravidanza, il post-partum, il periodo mestruale e la menopausa. La gravidanza e il postpartum sono le aree di elezione. Ampio spazio è dedicato alla ricerca al fine di conseguire risultati basati sulle evidenze utili a realizzare la migliore pratica clinica collegata al paziente e migliorare le strategie di prevenzione e gli interventi curativi.
Il responsabile del Centro è la dr.ssa Roberta Anniverno e il direttore del Dipartimento di Neuroscienze è il prof. Claudio Mencacci.
Contatti
Via Macedonio Melloni, 52 – 20129 Milano
Tel: 02.6363.3313 (Si accede attraverso un appuntamento che viene fissato anche telefonicamente con la segreteria, aperta tutti i giorni dalle 9 alle 12)
 
PISA
A.O. UNIVERSITÀ PISANA - PND-RESCU
(Perinatal Depression Research And Screening Unit)
Dal 2004 presso il Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Pisa si è costituita un’equipe di ricerca (PND-ReScU) composta da medici psichiatri e psicologi che, in stretta collaborazione con il Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia (Unità Operative I e II) e l’Unità Operativa di Psicologia (Azienda Sanitaria Locale 5), si propone l’obiettivo di prevenire, individuare e gestire la psicopatologia del periodo perinatale. Questa collaborazione ha permesso la realizzazione di vari progetti, la stesura di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e la nascita di un servizio ambulatoriale per rispondere alle crescenti richieste assistenziali provenienti da questa area critica. L’attività assistenziale è disponibile all’interno della AOUP per gli operatori della Azienda stessa. Il responsabile del centro è il prof.Mauro Mauri
Contatti
Via Roma, 67 – 56127 Pisa
Numero Verde: 800598171 (dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9 alle ore 13)
E-mail: pndrescu@gmail.com
 
ANCONA
A.O.U. OSPEDALI RIUNITI – ANCONA
Il DEGRA è un Centro Specialistico Ambulatoriale, finalizzato alla prevenzione e alla terapia dei Disturbi Affettivi (depressione, disturbo bipolare, ecc.) e Ansiosi (disturbo da panico, ansia generalizzata, ecc.) in gravidanza e nel postpartum. Presso il Centro è possibile effettuare, su appuntamento, consulenze e trattamenti specialistici di tipo psicofarmacologico e psicoterapico ad orientamento cognitivo-comportamentale. Il Centro fornisce, inoltre, informazioni/consulenze telefoniche e materiale bibliografico aggiornato sulla gestione dei disturbi psichici e sulla efficacia e sicurezza dei trattamenti psicofarmacologici e psicoterapici durante la gravidanza e nel post-partum. Il direttore della clinica psichiatrica e responsabile del centro è il prof. Cesario Bellantuono
Contatti
Via Conca, 71 – 60126 Torrette (Ancona)
Call center: 366.1940863 – 071.5965469 (Da martedì a venerdì, dalle 9 alle 16)
E-mail: c.bellantuono@univpm.it - degra@depressionegravidanza.it
Sito web: www.depressionegravidanza.it
 
NAPOLI
UNIVERSITÀ DI NAPOLI SUN – DIPARTIMENTO DI PSICHIATRIA
Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Napoli SUN è un Centro Collaboratore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che svolge attività clinico-assistenziale, formativa e di ricerca nell’ambito della salute mentale. Nel Dipartimento, inoltre, ha sede Centro per la Prevenzione, Diagnosi e Terapia della Depressione in Gravidanza e nel Post-partum. Quest’ultimo opera in collaborazione con il Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Neonatologia e con quello di Medicina Sperimentale della stessa Università al fine di garantire alle donne con problematiche depressive nel corso della gravidanza e/o nel post-partum un’assistenza che si preoccupi non solo della loro salute mentale e fisica, ma anche di un corretto accompagnamento al parto e al puerperio nonché di un adeguato supporto per il recupero e reinserimento lavorativo per la donna che lavore. Oltre all’attività clinico-assistenziale, il centro è attivamente impegnato nella ricerca e caratterizzazione dei fattori di rischio biologici, clinici e psicosociali per la depressione in gravidanza e nel post-partum ai fini dell’individuazione di possibili misure di prevenzione. Il direttore del dipartimento di Psichiatria è il prof. Mario Maj.
Contatti
Largo Madonna delle Grazie, 80138 Napoli
Tel: 081.5666503 (segreteria); 081.5666505 (reparto); 081.5666514 (ambulatorio)
Fax: 081.5666523 - E-mail: majmario@tin.it
 
CATANIA
A.O.U. VITTORIO EMANUELE – POLICLINICO “G. RODOLICO”
UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA
La struttura U.O.P.I. è così articolata nelle sue molteplici attività: Attività di reparto,day-hospital e ambulatorio; Attività di consulenza e colloqui psicoterapici; attività di psichiatria di liaison; attività di ricerca (protocolli di ricerca, trial farmacologici); corsi di aggiornamento ed organizzazione di eventi scientifici. Il reparto è costituito da 15 posti letto e 2 di Day Hospital. È qui attivo un ambulatorio dedicato alle problematiche relative alla psichiatria di genere in stretta collaborazione con la Clinica Ginecologica del Policlinico Universitario. In questo ambito la Clinica Psichiatrica partecipa alla definizione dei percorsi diagnostico-terapeutici basati sulle evidenze e finalizzate alla riduzione del parto cesareo. Il responsabile dell’Unità Operativa di Psichiatria è il prof. Eugenio Aguglia.
Contatti
Via Santa Sofia, 78 – 95124 Catania
Tel: 095. 3782468 - Fax: 095. 3782470
E-Mail: eugenio.aguglia@unict.it
 

01 dicembre 2011
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy