Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 APRILE 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Studi odontoiatrici. Andi e Aio contro i requisiti per autorizzazioni fissati da Stato-Regioni: “Ci riportano indietro di anni”

I sindacati dei dentisti contro le misure approvate che identificano i requisiti minimi degli studi. Prada (Andi): “Accoglie solo alcune delle nostre richieste ed impone inaccettabili limitazioni”. E l’Esecutivo nazionale ha deciso di dare mandato ai propri legali per impugnare il provvedimento nelle opportune sedi giudiziarie. Colasanto (Aio): “Non vinca l’Italia dei mille intralci”

20 GIU - “L’accordo approvato –– accoglie solo alcune delle nostre richieste ed impone inaccettabili limitazioni. La nostra battaglia è quella per la tutela degli studi esistenti che non possono essere adeguati a nuovi requisiti strutturali ora previsti, mettendo a rischio l’esercizio della professione per realtà da tempo operative”. È quanto afferma il Presidente ANDI Gianfranco Prada in merito all’Accordo Stato-Regioni sui requisiti minimi per l’autorizzazione degli studi odontoiatrici.
 
“Sotto accusa – si legge in una nota - anche la stesura di alcune procedure necessarie che risulterebbero inapplicabili, così come la scelta di classificare le strutture sulla base del numero di riuniti e del personale operante e non sulle terapie odontoiatriche praticate o sulla personalità giuridica di chi richiede l’autorizzazione. Inoltre l’accordo dovrà essere applicato lasciando alle Regioni la decisione sui tempi e modalità, andando quindi ad aumentare quella disparità di normativa sul territorio nazionale che invece l’accordo avrebbe voluto azzerare”.

 
“Si tratta – sostiene l’Andi - insomma di un ulteriore passo che sembra inserito in un disegno complessivo volto a rendere sempre più difficile l’attività professionale agli studi degli odontoiatri liberi professionisti, mentre si spalancano le porte alle realtà commerciali che hanno interessi che ben poco si conciliano con la reale cura dei pazienti”
 
“Seppur i tempi di recepimento da parte delle Regioni saranno comunque lunghi ed in ogni caso interverranno i nostri Dirigenti locali a tutelare le realtà professionali – conclude la nota -  l’Esecutivo Nazionale ANDI ha deciso di dare mandato ai propri legali per impugnare il provvedimento nelle opportune sedi giudiziarie”.
 
“Delle due l’una: o l'intesa raggiunta nei giorni scorsi in Conferenza  Stato-Regioni per definire i requisiti minimi per l’autorizzazione  all’apertura ed all’esercizio delle strutture odontoiatriche non vale  per gli studi odontoiatrici privati, o o probabilmente cadrà sotto la scure del sindacato giurisdizionale, con oneri economici e degni di ben altra causa”. Parole di Stefano Colasanto segretario Associazione Italiana  Odontoiatri di Roma, tra i principali artefici, insieme al Presidente Giovanni Migliano, della normativa che “nel Lazio dopo anni di carte bollate e procedimenti giudiziari verso i dentisti disciplina la materia in modo da sollevare i professionisti  da indebiti adempimenti. O meglio, sollevava, perché le intese nelle  singole Regioni stanno per essere cancellate da nuova burocrazia  unificata a livello nazionale”.
 
“Ideate –così pare - per rendere più  uniformi le norme regionali, le nuove regole richiedono complessi  requisiti strutturali generali, impiantistici ed organizzativi per lo  studio odontoiatrico e non per quello medico, e questa è la prima  singolarità. Requisiti che regione per regione la faticosa trattativa  dei sindacati con gli assessori stava per eliminare, nel segno della  semplificazione perseguita da questo governo”, spiega Colasanto.
 
“Dopo l'intesa siglata in Conferenza Stato-Regioni il 9 giugno scorso – denuncia l’Aio - accanto ai requisiti anzidetti, molto dettagliati, per ottenere dalla  Regione la possibilità di continuare ad esercitare, l’odontoiatra - non si capisce se in qualunque caso o se in fase propedeutica all'accreditamento–  dovrebbe di nuovo produrre un faldone di dodici documenti tra cui:  dichiarazione del titolare dello studio, planimetria scala 1:100,  documento attestante il possesso dell’immobile, certificato di  agibilità rilasciato dal Comune, relazione conformità messa a terra,  piano di sicurezza per tipologia di struttura ed anche il certificato  antimafia per le società. Colasanto non è del tutto convinto che la  normativa sia applicabile”.
 
“In realtà il lavoro delle regioni com’è  chiaramente scritto nelle premesse dell’atto mirava a definire i  requisiti minimi per l’esercizio dell’attività odontoiatrica, non per  l'autorizzazione all'esercizio. Già, perché una cosa è l’idoneità di uno studio privato di un professionista odontoiatra a produrre  prestazioni odontoiatriche e un’altra è l’autorizzazione degli studi.  Quest’ultima per la quale si fa esplicito riferimento agli articoli 8  bis e 8 ter della legge 502 Bindi, attiene  solo a strutture dove si fa chirurgia ambulatoriale o diagnostica  invasiva, cioè attività “a rischio” per il paziente. Attività quale  appunto non è quella dell’Odontoiatra, come ormai riconosciuto da varie sentenze TAR . Si continua purtroppo a dimenticare che l'autorizzazione è obbligatoria solo per ambulatori ed è un primo passo verso l'accreditamento con il  Servizio sanitario pubblico”.
 
Evidenziati anche errori formali. “Almeno due, gravi. Il primo sta nella  volontà di stravolgere con un atto a partenza regionale una legge nazionale, la Bindi, che esenta le strutture odontoiatriche private dagli obblighi autorizzativi, il che è oltre le competenze della Conferenza Stato-Regioni.  Il secondo sta nella richiesta di una serie di documenti già in possesso della P.A., che quindi non possono essere richiesti di nuovo, oltretutto andando contro l'attuale criterio di cercare una maggiore semplificazione per aiutare le PMI. Infine suona ben strano che siano colpiti solo gli odontoiatri e mai i medici”.
 
“Dobbiamo purtroppo constatare che in nessuna fase la professione, nelle  sue componenti associative, è stata interpellata sulla elaborazione del  testo: per contro con strana urgenza è stato velocizzato negli ultime  mesi l’iter di approvazione del documento, “passato” con un blitz.  E  siamo a un documento che sembra apre una serie infinita di aspetti interpretativi che si tradurranno in ulteriori diversi comportamenti nelle varie regioni e confusione per i professionisti e gli organismi  di controllo, sempre che gli esiti del referendum di ottobre non  spazzino via tutto”.
 
“In ogni caso – conclude Colasanto – AIO è pronta  ad agire in tutte le sedi per rappresentare il diritto degli  Odontoiatri italiani a non essere penalizzati rispetto ad altri  professionisti sanitari e rispetto ai loro colleghi stranieri. Perché  non vinca l’Italia dei mille intralci e delle carte inutili su quanto  di buono aveva fatto la professione per avvicinare un po’ di più le  cure ai pazienti”.

20 giugno 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy