Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 03 DICEMBRE 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Canone Rai. Snami: “Non paghiamo, sigilliamo i PC, e torniamo al cartaceo!”


L’invio da parte della Rai di una lettera in cui si richiede a medici e ai professionisti il pagamento di un abbonamento speciale a chi è in possesso anche solo di computer non va proprio giù ai medici dello Snami. Testa: “Noi non guardiamo la TV nei nostri computer, li usiamo per lavorare”.

20 FEB - “Noi non guardiamo la TV nei nostri computer, li usiamo per lavorare - esordisce Angelo Testa, Presidente Nazionale dello SNAMI, particolarmente stizzito per quello che definisce testualmente “l'ennesimo indecente attacco mortificante” nei confronti della classe medica”.
Il riferimento è alla richiesta pervenuta ai medici, ma anche ad altri professionisti, del pagamento di 400 euro annuali. “Molti Colleghi, infatti, ci segnalano di aver ricevuto una  lettera dalla RAI con oggetto: abbonamento speciale alla televisione , in cui si informa che per le vigenti normative (art. 27 del R.D.L. Del 21-2-1938 n° 246 e art. 16 della L. 23-12-1999 n° 488 ), vi è l'obbligo del pagamento di un abbonamento speciale a chi è in possesso di un computer. L'imposta è richiesta anche in assenza di televisori nello studio professionale   per la sola presenza di strumenti atti a ricevere, anche potenzialmente, le frequenze della tv di Stato”.
Già le associazioni dei Veterinari per lo stesso motivo avevano presentato, tramite dei parlamentari, una interrogazione al Ministro Monti e al Ministro Passera, e così lo stesso faranno i Medici perché ci sia, attraverso un emendamento al decreto-liberalizzazioni, una modifica urgente delle leggi di riferimento.

“Utilizziamo i PC - ribadisce il Presidente del Sindacato Autonomo - per svolgere il nostro lavoro secondo quanto previsto dal contratto della Medicina Generale, non per guardare i programmi della Rai”.
“Se, come forma di protesta, ci costringessero a  tornare al cartaceo – specifica Testa - , con tanti saluti alla modernizzazione e semplificazione, ci sarebbe la  paralisi della sanità in 24 ore. Via i certificati di invalidità e di malattia on line, no alle ricette redatte al pc, no ai collegamenti tra medici e con le altre strutture sanitarie, spento il filo diretto al Progetto Sole in Emilia Romagna, al SISS in Lombardia ed ad altri sistemi regionali. Si allungherebbero i tempi negli ambulatori anche dell'80%, con  notevoli ripercussioni negative sui tempi d’attesa”.
“ Stiamo allertando i nostri avvocati per un'azione dura come risposta a questo ennesima richiesta di denaro - conclude il Presidente dello Snami - .Ci opporremo in tutte le maniere, a questo ulteriore ingiustificato attacco alla classe medica che già sta dando il suo notevole contributo alla risoluzione della crisi, continuando a lavorare  con i contratti bloccati ed il potere d’acquisto sempre minore.Non sono tollerabili nuovi assurdi immotivati balzelli”.

20 febbraio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy