Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 OTTOBRE 2021
Lazio
segui quotidianosanita.it

Lazio. E' ancora bagarre per il bando Cup. I sindacati: “Importi inferiori, a rischio livelli occupazionali”. Il 4 settembre presidio sotto la Regione

Per i confederali  "il taglio delle ore di lavoro e non dà garanzie né sul riassorbimento di tutti i lavoratori attualmente impiegati nelle varie commesse”. E spiegano: “Chiediamo, senza risposta, un incontro alla Regione da metà luglio”. Alla mobilitazione ha aderito anche il Comitato Lavoratori Cup che, in caso la situazione non si sbloccasse, annuncia uno sciopero a oltranza a partire dall'8 settembre. 

01 SET - Si annuncia ampia e variegata la mobilitazione relativa alla gara Unica Centralizzata del Cup. Cgil, Cisl e Uil hanno indetto un presidio che si terrà il 4 settembre dalle ore 10,00 alle ore 14,00 sotto la Regione Lazio, p.zza Oderico da Pordenone. All’iniziativa ha aderito, proprio nelle ultime ore, il Comitato Lavoratori Cup che invierà una folta delegazione e che ha raccolto ad oggi, a partire dal 5 agosto, complessivamente oltre 5.000 firme con la partecipazione di tantissimi lavoratori che operano nelle varie ditte esterne dei servizi Cup delle Asl e delle Aziende ospedaliere.

I sindacati confederali hanno più volte segnalato di aver chiesto un incontro ai vertici regionali, senza tuttavia ricevere alcuna risposta. “Il bando per dare in appalto il Cup alle cooperative era stato messo da parte qualche mese fa da Zingaretti in seguito alle note inchieste giudiziarie – spiega Mauro Mastropietri, segretario Cgil Fp Roma e Lazio e responsabile sociosanitario assistenziale educativo – E’ stato poi riproposto e pubblicato a metà luglio”.

C’è però un parte del testo che ha destato immediata preoccupazione. “L’impegno in termini di importi di spesa da parte della Regione è inferiore rispetto al precedente bando – sottolinea – Chiediamo quindi un incontro per ricevere chiarimenti riguardo il mantenimento dei livelli occupazionali. C’è il concreto rischio che vengano persi centinaia di posti di lavoro su un totale di quasi 2.000 operatori”. Nel complesso, infatti,  "il taglio delle ore di lavoro e non dà garanzie né sul riassorbimento di tutti i lavoratori attualmente impiegati nelle varie commesse, né sulle eventuali condizioni di tutela”. Il 4 luglio si cercherà quindi di ottenere un incontro. In caso contrario, il Comitato Lavoratori Cup del Lazio ha già fissato uno sciopero a oltranza a partire dall’8 settembre sino al 21 settembre, data di scadenza del bando. 

 
Gennaro Barbieri

01 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Lazio

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy