Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 29 GIUGNO 2016
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Infermieri e nuove competenze. Perché sono necessari gli Stati generali richiesti dal Nursind

07 AGO - Gentile direttore,
ho letto l’interessante e lucido commento di Nursind al modello dell’Ipasvi sulla evoluzione delle competenze  avanzate .Mi piace il modo con cui Andrea Bottega (Nursind nazionale) prende in mano la questione. Come dargli torto, con quali argomentazioni? Mi permetto di inserirmi per sostenerlo.

Penso che questo documento, analitico, critico e propositivo insieme sia stato più che mai opportuno per più motivi:

1) perché il metodo usato per la realizzazione del progetto è  un  metodo sbagliato, che ci ha portato su una strada pericolosa e chiusa, volto a preservare il pensiero unico  e che continua a ripetersi con i suoi errori: aumentare la  distanza tra chi lavora e chi decide per loro senza di loro;

2) perché  far nascere una guerra tra medici ed infermieri in un momento difficile come questo, dove i professionisti chiedono di essere aiutati, dove il nostro Ssn “finisce”, ritengo che sia paradossale. Mi duole dirlo, lo dico con imbarazzo, lo avevo già detto in precedenza (QS, 19 aprile 2012), ma questa guerra poteva essere evitata saggiamente e strategicamente adottando un altro metodo. Il conflitto fra le professioni esiste perché i professionisti non sono più quelli di ieri e per questo occorre, urgentemente, contattarli e ridefinirli. Uno studio di fattibilità serio, precedente la presentazione  ufficiale del progetto sull’evoluzione di competenze, avrebbe evidenziato  l’assenza di attività progettuali,  preliminari, determinanti ai fini  del raggiungimento dell’obiettivo: cercare un accordo con i medici. Se, infatti, nel razionale del progetto, si fosse ragionato pensando che per il nuovo malato serviva  un nuovo infermiere e che  cambiando l’infermiere sarebbero conseguentemente servite nuove relazioni con il medico, avremmo dovuto inserire  fra i portatori di interesse anche il medico, a prescindere dai problemi del medico, e nell’interesse degli infermieri. Entrambi i progetti di cambiamento, quello medico con l’esigenza di definire l’atto medico piuttosto che il medico, e quello infermieristico, ad un progettista, neanche troppo bravo, sarebbero subito apparsi forieri di fallimento , se l’obiettivo era  quello di evolvere professionalmente. Si sa, infatti, che non si cresce più da soli, non si è mai cresciuti da soli.


3)perché quel progetto non permette di sperare in una svolta ideologica, politica per gli infermieri e la professione, come invece sembra manifestare. Con quel progetto si acquisiranno nuove competenze tecniche che non permetteranno però di risolvere in alcun modo i problemi che gli infermieri hanno nella realtà; rimarremo una professione senza potere, cioè senza la capacità relazionale di influenzare asimmetricamente altri attori, perché la professione è svolta da infermieri, che lavorano nella quotidianità clinica, che non possono spendere i propri valori in istituzioni( lavorative e di rappresentanza)  che non istituzionalizzano quei valori, e quindi dove non c’è relazione tra gli infermieri e quelle istituzioni, e da infermieri ( dirigenti lavorativi e di rappresentanza) che  credono che il potere sia un attributo, una qualità connaturata della persona  e non una relazione tra chi detiene il potere e chi è soggetto a quella  detenzione. Con questo progetto si vuol far credere di  assumere un atteggiamento corporativo, che pure agli infermieri servirebbe, quando corporativo non lo è, a partire dal metodo, perché non contempla il pensiero di chi dovrebbe formare il corpo, e quando si sa che il  corpo è composto da più organi.
Nel commento di Bottega si avverte un discreto, sobrio  richiamo alla ragionevolezza, all’uso di una volontà che  cerchi di  ridurre quella distanza di cui sopra parlavo  e ricomporre ciò che è stato separato e provare a redistribuire un potere professionale capace di mettere in relazione  tutta la comunità infermieristica e questa con le istituzioni. Per farlo è necessario che il progetto esca dai luoghi chiusi dove di solito si progetta e nasca là dove esiste il bisogno di progettare, di innovare, nella comunità. È necessario che si dia l’opportunità di influenzarsi reciprocamente perché il potere non è mai assoluto anche quando sembra che lo sia. E allora perché non recuperare errori fatti da altri in precedenti spazi di potere decisionale ed in altri tempi ? Perché non iniziare ad aprire strade chiuse invece di chiudere anche le collaterali?

Apprezzo in Nursind la volontà di cercare nuove relazioni, come quelle sindacali che propone, che dovrebbero aiutare  medici ed infermieri a trovare un intesa su “quel nuovo modo di intendersi” e da li anche  nuove forme contrattuali; dopo solo dopo, a livello organizzativo, questo nuovo genere di infermiere e di medico,  dovrebbe potersi spendere  in nuovi modelli e nuove organizzazioni non più frammentate, divise, separate, ma interconnesse. Cavicchi nel libro curato da Chiara D’Angelo, ‘il Riformatore e l’infermiere’, parla di costruzione dell’infermiere rinunciando ad una logica unilineare. Credo che il salto evolutivo, per medici ed infermieri,  consista prioritariamente in questo atteggiamento non tanto di rinuncia a ciò che preme in termini di utilità singola, ma di scelta per ciò che produce utilità plurali. Formare un nuovo corpo, formato da medici ed infermieri insieme. 

La nuova Presidente Barbara Mangiacavalli ha dimostrato più volte in questo breve tempo di essere ‘vitale’, puntuale nelle diverse vicende di attualità che riguardano gli infermieri e non solo, ha, insomma, dimostrato cenni  di cambiamento o perlomeno di essere presente con un nuovo concetto di presenza. Sono convinta che vorrà fermarsi a riflettere sulle domande legittime che Bottega pone nel suo documento e relative alle questioni di ‘metodo’ e di  ‘merito’ progettuale. Io penso che dovrà farlo perché sono le domande che si pongono gli infermieri; spero che voglia,  finalmente, dare avvio a quel processo di consultazione discorsiva dei Suoi infermieri  che nell’intervista su Infermieristicamente di Chiara D’Angelo  definii ‘Consensus meetin’ e che dovrebbero portare agli Stati generali.

Dopo gli Stati generali le due Presidenti, Mangiacavalli e Chersevani, potrebbero pensare ad un accordo , non prima.
 
Marcella Gostinelli
Infermiera
 

07 agosto 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy