Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 27 AGOSTO 2016
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Infermieri. Raccontare la verità non è mai 'politichese'

14 MAR - Gentile direttore,
si rimane basiti a leggere di fantomatici inviti ad abbandonare il politichese (dal presidente del Comitato Infermieri Dirigenti), tanto più se quell' invito proviene da chi dirige negli ospedali quegli infermieri che ormai saturi gridano tutti i giorni contro un  dilagante demansionamento che sta minando, questo si, il decoro della professione Infermieristica.
 
Mi chiedo se queste persone vivono la realtà che vivo quegli Infermieri che loro stessi dirigono, o vivono in un’altra galassia, perché tale è ormai la distanza tra la dirigenza infermieristica e gli Infermieri che il dubbio è legittimo.
 
Emblematica è  l’idea di crearsi un  proprio codice deontologico, come a voler rimarcare l'appartenenza  ad un’altra categoria professionale, non ci risulta per esempio che i direttori sanitari  abbiano  un codice deontologico diverso dai loro colleghi medici.
 
Qualche recente sentenza ha giustificato il demansionamento  proprio con quel famigerato art. 49 del c. d. , quello degli infermieri si badi bene, perché i dirigenti Infermieristici si sono ben guardati dell’ inserire nel loro c.d. un articolo di siffatta fattura, anzi nonostante le ripetute richieste di abrogazione proveniente ormai dalla stragrande maggioranza degli infermieri, quelli che lavorano nelle corsie s’intende, si sono mostrati sempre sordi,  come si è mostrato sordo l’Ipasvi , del resto sempre più frequentemente dirigenti infermieristici e componenti Ipasvi sono la stessa cosa.

 
Lamentare, scrivere e protestare per la condizione di sfruttamento, sia mansionale che retributiva, che vivono gli Infermieri non è politichese, parlare di comma 566, di Infermiere specialista ecc. e non rendesi conto della condizione cui versano gli Infermieri Italiani,  questo si che è politichese.
 
O forse fa paura che gli infermieri, grazie a chi scrive in “Politichese” e li istruisce sui propri diritti e doveri, iniziano ad aprire finalmente gli occhi?  E poco ci interessa se qualcuno definisce tutto ciò “politichese”.
 
Matteo Incaviglia
Segretario AADI (Associazione Avvocatura di Diritto Infermieristico)

14 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy