Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 24 SETTEMBRE 2019
Piemonte
segui quotidianosanita.it

Infermiere in commissione disciplinare. NurSind scrive a Lorenzin: “Si adoperi per il ripristino dello stato di diritto”

La commissione disciplinare, convocata per giudicare l’operato dell’infermiere, si riunirà il 22 febbraio prossimo. “È un atto intimidatorio che avalla un comportamento illecito giustificando che una barella venga trattenuta in Pronto Soccorso per ore”.

19 FEB - “La preghiamo di dar seguito alle sue nobili parole adoperandosi per il ripristino dello stato di diritto che qui parrebbe definitivamente scomparso. La dignità dei lavoratori, la salvaguardia della vita umana e la tutela dei soggetti deboli non valgono la difesa ad oltranza di dirigenti arroganti e di un sistema che sfoggia sempre più l’arroganza dell’impunità”.

È questo uno dei passi chiave di una lettera indirizzata dal NurSind Piemonte al ministro della Salute Beatrice Lorenzin per sollecitare un suo intervento nel caso dell’infermiere richiamato in consiglio disciplinare dopo aver tentato di ‘sbloccare’ un ambulanza.
“Stefano - ricorda il NurSind - infermiere della Centrale Operativa 118 di Torino, “reo” di aver chiamato i Carabinieri per liberare l’ennesimo mezzo di soccorso sottratto alla cittadinanza, trattenuto in un ospedale del torinese per mancanza di barelle. Un’azione che ha scatenato le ire dei dirigenti di Pronto Soccorso e 118. La commissione disciplinare, convocata per giudicare l’operato del collega, si riunirà il 22 febbraio prossimo”.


Per il coordinatore regionale NurSind Piemonte Francesco Coppolella e il segretario territoriale NurSind Torino Giuseppe Summa, “la convocazione disciplinare in questo caso oltre a rappresentare un atto intimidatorio, ha avallato un comportamento illecito giustificando che una barella venga trattenuta in Pronto Soccorso per ore. Ecco, Ministro, - concludono - noi riteniamo che ci sia qualcosa di malato in un sistema che istruisce procedimenti così rapidi in nome di una “lesa maestà” inesistente, ma che non batte ciglio di fronte a morti che potevano essere evitate”.

19 febbraio 2018
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer La lettera

Altri articoli in QS Piemonte

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy