Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Toscana. Infortuni sul lavoro: siglato accordo su prevenzione con Procura della Repubblica

Rafforzare la vigilanza sui luoghi di lavoro, sviluppare azioni che promuovano l’osservanza delle norme reprimendo le violazioni, definire procedure omogenee su tutto il territorio per favorire le segnalazioni di infortuni e malattie professionali. Sono questi i contenuti dell’accordo siglato questa mattina dall’assessore alla Salute, Daniela Scaramuccia e dal Procuratore generale, Beniamo Deidda.

14 SET - Regione Toscana e Procura della Repubblica hanno firmato questa mattina un protocollo per il rafforzamento della tutela della salute e della sicurezza sul luoghi di lavoro, con particolare riferimento alla prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. A siglarlo,
l’assessore al diritto alla Salute, Daniela Scaramuccia, e il Procuratore generale, Beniamino Deidda.
Ecco i sintesi i punti di intervento della nuova intesa: rafforzare l’attività di prevenzione e di vigilanza sui luoghi di lavoro, per contrastare gli infortuni e le malattie professionali. Sviluppare azioni efficaci che promuovano l’osservanza delle norme e reprimano le violazioni. Definire procedure omogenee su tutto il territorio regionale per favorire il flusso delle segnalazioni di infortuni e malattie professionali che abbiano avuto come conseguenza lesioni gravi, gravissime, o la morte del lavoratore.
Nel protocollo, la Regione si impegna anche a riutilizzare una parte delle somme derivanti dalle sanzioni comminate dai dipartimenti della prevenzione delle Asl alle ditte che hanno violato la normativa sulla sicurezza: queste risorse (circa 3 milioni e mezzo di euro sui circa 5 milioni che annualmente provengono dalle sanzioni) verranno destinate al potenziamento delle attività  di prevenzione e vigilanza svolte dalle Asl.


Ad oggi il trend degli infortuni sul lavoro in Toscana è costantemente decrescente. Nel periodo 2000-2009 gli infortuni sono calati dagli 82.403 (di cui 93 mortali) del 2000 ai 63.177 (di cui 69 mortali) del 2009. Nel 2010, il dato è ulteriormente sceso: 61.993 incidenti, di cui 57 mortali (sono gli incidenti denunciati all’Inail, avvenuti nel luogo di lavoro, in circolazione stradale e in itinere, cioè nel percorso casa-lavoro-casa).
Sono aumentate, invece, le malattie professionali denunciate all’Inail. Nel 2009 sono state 3.647 (322 nel settore agricoltura, 3.325 nel settore industria e servizi). Nel 2010 sono salite a 4.669 (539 agricoltura, 4.130 industria e servizi).


“Da molti anni la Toscana è impegnata sul fronte della tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro – ha detto l’assessore Scaramuccia -. I dati ci dicono che il trend degli infortuni, anche di quelli mortali, è in costante diminuzione. Sono invece in aumento le malattie professionali denunziate all’Inail, soprattutto per una maggiore attenzione alla diagnosi e per un ampliamento delle patologie riconosciute, conseguente all’avvenuta modifica della normativa”. “Il potenziamento delle azioni di vigilanza da parte delle Asl – ha proseguito - e, contemporaneamente, l’intervento più massiccio della magistratura perché sia garantito l’esercizio della funzione penale in caso di violazione della normativa, sono due cardini fondamentali del sistema di prevenzione e repressione dei reati. Grazie al protocollo che abbiamo firmato oggi – ha concluso Scaramuccia - Regione e Procura della Repubblica, ciascuna nel proprio ambito di competenza, potranno sviluppare azioni comuni e rafforzare la necessaria collaborazione”. 


“Al fondo della scelta di sottoscrivere questo accordo tra Regione Toscana e Procura Generale – ha dichiarato il Procuratore generale, Beniamino Deidda - è la comune convinzione della necessità di contrastare un gravissimo fenomeno criminoso dalle intollerabili conseguenze sociali, che vanno dai danni alla salute delle persone fino al sacrificio della vita, a forme di invalidità permanente, agli altissimi costi per le rendite, la cura delle malattie e il recupero della salute”. “Le Autorità regionali e la Procura Generale sono risolute a rafforzare l’azione di vigilanza e di repressione, che sono due facce inscindibili di un unico impegno – ha concluso -. In nessuna materia, come in questa, la prevenzione e la repressione hanno altrettanto bisogno di sinergia e hanno una così alta valenza pedagogica e civile”. 

Il protocollo prevede che Regione e Procura promuovano e ottimizzino, in termini di completezza e tempestività delle informazioni, la collaborazione tra loro e con gli altri enti destinatari delle informazioni sugli infortuni e sulle patologie da lavoro. Che ciascuna parte, per la propria competenza, adotti iniziative per accrescere la capacità di diagnosi precoce delle malattie professionali e sensibilizzare i professionisti (medici competenti, medici di famiglia, ospedalieri, specialisti); e per potenziare l’attività degli uffici preposti alla vigilanza e alla repressione delle violazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Le Procure sul territorio e le Asl collaboreranno, infine, anche per avviare percorsi di accompagnamento delle imprese, per promuovere sempre di più la cultura della sicurezza ed elevare i livelli di tutela dei lavoratori, in particolare nei settori di attività più delicate e pericolose.

14 settembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy