Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

La musica migliora la memoria dei malati di Alzheimer

Lo sostiene uno studio della Boston University School of Medicine pubblicato su Neuropsychologia.

14 MAG - Se volete far memorizzare ai pazienti con Alzheimer delle informazioni, provate a cantarle. Le memorizzeranno meglio.
Lo dimostrano i ricercatori della Boston University School of Medicine, che hanno sottoposto a pazienti malati di Alzheimer e ad anziani sani una serie di 40 canzoni. Venti venivano fatte ascoltare mentre sullo schermo di un pc ne scorreva il testo, mentre di altre 20 veniva fatto solo leggere il testo. “I pazienti con Alzheimer – ha spiegato Brandon Ally, direttore del Neuropsychology Research del Center for Translational Cognitive Neuroscience dell'Università di Boston - ricordavano meglio i testi delle canzoni quanto potevano ascoltarli anche sotto forma di musica”. E a differenza di quanto ipotizzato dai ricercato, la stessa cosa non accadeva tra gli anziani sani, che non mostravano alcuna differenza significativa tra i due tipi di lettura oppure venivano distratti dalla musica, che peggiorava la memorizzazione dei testi.

Considerato che le 40 canzoni non erano conosciute dai soggetti in esame, i ricercatori hanno dedotto che vi debba essere una fondamentale differenza nei processi di codifica e recupero delle informazioni stimolate attraverso la musica rispetto a quelle espresse semplicemente in parole. La spiegazione, secondo Ally, potrebbe essere nel fatto che “i processi musicali fanno parte di una complessa rete neurologica che, nelle persone con Alzheimer, viene attivata in tutte le aree del cervello allo stesso modo di come accade nelle aree del cervello che tipicamente agiscono sulla memoria". Il ricercatore ipotizza anche che le parole, associate alla musica, abbiamo potuto creare nei pazienti uno stato di eccitamento maggiore, rafforzando l'associazione degli stimoli e permettendo una maggiore memorizzazione e codifica delle informazioni. "Ma in questo caso – ha osservato Ally - sarebbe più difficile spiegare perché tra le persone sane non si attivi lo stesso meccanismo”.


L.C.

14 maggio 2010
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy