Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 14 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tubercolosi: ecco la relazione Oms 2017. Serve maggiore impegno politico per eradicare la malattia che nel 2016 ha registarto 10,4 milioni di nuovi casi e resta il maggior killer infettivo

Nel 2016 ci sono stati circa 10,4 milioni di nuovi casi di tubercolosi in tutto il mondo, il 10% dei quali sono persone che vivono con l'HIV. Sette paesi hanno rappresentato il 64% del totale, con l'India in testa, seguita da Indonesia, Cina, Filippine, Pakistan, Nigeria e Sudafrica. Circa 400mila persone con Hiv sono state coinvolte: si tratta di un calo del 4% rispetto al 2015. LA RELAZIONE OMS 2017

30 OTT - Gli sforzi globali per combattere la tubercolosi (TB) hanno salvato circa 53 milioni di vite dal 2000 e hanno ridotto il tasso di mortalità per tubercolosi del 37%, secondo il Global TB Report 2017 , rilasciato oggi dall’Oms.

Nonostante questi risultati, la TB rimane il primo killer infettivo nel 2016 ed è anche la causa principale delle morti legate alla resistenza antimicrobica e alla morte delle persone affette da HIV. I progressi per sconfiggerla nella maggior parte dei paesi sono stallo e non sono abbastanza veloci per raggiungere obiettivi globali o per chiudere i vuoti persistenti nella cura e nella prevenzione della TB.

"Mentre il mondo si è impegnato a porre fine all'epidemia di tubercolosi entro il 2030, le azioni e gli investimenti non corrispondono alle azioni politiche: abbiamo bisogno di un approccio dinamico, globale e multisettoriale". ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "La buona notizia è che abbiamo finalmente due grandi opportunità per andare avanti: la prima conferenza ministeriale mondiale dell'Oms per eradicare la tubercolosi a Mosca nel 2017, seguita dal primo incontro ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla TB nel 2018. Questi incontri svilupperanno lo slancio per ottenere l’impegno di settori diversi e accelerare i nostri sforzi per sconfiggere la TB ".


Nel 2016 ci sono stati circa 10,4 milioni di nuovi casi di tubercolosi in tutto il mondo, il 10% dei quali sono persone che vivono con l'HIV. Sette paesi hanno rappresentato il 64% del totale, con l'India in testa, seguita da Indonesia, Cina, Filippine, Pakistan, Nigeria e Sudafrica. Circa 400mila persone con Hiv sono state coinvolte: si tratta di un calo del 4% rispetto al 2015.

La TB (MDR-TB) resistente rimane un problema di sanità pubblica e una minaccia per la sicurezza sanitaria.
L'Oms stima 600.000 nuovi casi con resistenza alla rifampicina - il farmaco più efficace di prima linea -  di cui 490.000 avevano MDR-TB.
Quasi la metà di questi casi erano in India, Cina e Federazione Russa.

"Il numero totale di morti e sofferenze parlano da solo: non stiamo accelerando abbastanza velocemente", ha affermato Mario Raviglione, direttore del programma Who Global TB. "Una rapida azione a favore della copertura sanitaria universale e della protezione sociale, oltre che delle innovazioni nella ricerca, sarà fondamentale per consentire l'accesso a centri di assistenza ai pazienti ai più alti standard, soprattutto per le persone più povere e svantaggiate ".

Le lacune nella cura e nel finanziamento
Affrontare l'epidemia richiede un'azione per eliminare lacune nella cura e nel finanziamento. Essa richiede anche progressi in un particolare sottoinsieme di paesi ad alto tasso di tubercolosi .

• Sottodimensionare i casi di TB continua a essere una sfida, in particolare nei paesi con grandi settori privati non regolamentati e sistemi sanitari deboli. Dei 10,4 milioni di casi nuovi, solo 6,3 milioni sono stati rilevati e ufficialmente notificati nel 2016, lasciando uno scarto di 4,1 milioni. India, Indonesia e Nigeria rappresentavano quasi la metà di questo divario globale.

• Solo uno su cinque casi MDR-TB è stato avviato al trattamento. L'India e la Cina hanno raggruppato il 39% del divario globale. Il successo del trattamento rimane basso, al 54% a livello mondiale.

• Dai quasi mezzo milione di casi segnalati di TB associata all'HIV, il 15% non era sulla terapia antiretrovirale (ART) come raccomandato dall'Oms. La maggior parte delle lacune relative alla TB associata all'HIV si trovava nella regione africana dell'Oms.

• Il trattamento preventivo TB si sta espandendo in due gruppi di rischio prioritari: le persone che vivono con l'HIV e i bambini sotto i 5 anni. Tuttavia, la maggior parte delle persone ammissibili al trattamento preventivo TB non vi accede.

• Per la cura e la prevenzione della tubercolosi gli investimenti nei paesi a basso e medio reddito diminuiscono di quasi 2,3 miliardi di dollari rispetto ai 9,2 miliardi di dollari necessari nel 2017. Inoltre, è necessario almeno un supplemento di 1,2 miliardi di dollari l'anno per accelerare la sviluppo di nuovi vaccini, diagnostica e medicinali.

"Le difficoltà nel finanziamento della TB sono una delle ragioni principali per cui i progressi non sono abbastanza veloci per raggiungere gli obiettivi ", ha dichiarato Katherine Floyd, coordinatore dell'Unità di monitoraggio e valutazione dell'Oms presso il Global TB Program. "Abbiamo una doppia sfida: in paesi a medio reddito è necessario un maggior numero di finanziamenti nazionali, e per sostenere i paesi a basso reddito è necessario un maggior numero di donatori internazionali".

Impegno politico e azione multisettoriale
Sconfiggere l'epidemia di tubercolosi richiede un'azione che vada oltre il settore sanitario per affrontare i fattori di rischio e i determinanti della malattia. Per la prima volta il Global TB Report presenta i risultati di un nuovo quadro multisettoriale di monitoraggio che identifica i legami con l'epidemia di tubercolosi in sette obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG).

Per aumentare l'azione multisettoriale, i piani per garantire l'attenzione ai livelli più alti hanno portato alla Conferenza Globale Ministeriale dell'Oms sulla fine della tubercolosi nel periodo di sviluppo sostenibile, a Mosca, dal 16 al 17 novembre 2017, che sarà seguita dalla prima riunione ad alto livello dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla TB nel 2018, che cercherà di ottenere l'impegno da capi di stato contro la malattia.

30 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy