Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 APRILE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Allarme alimentazione per pazienti oncologici: 20/30% muore per conseguenze malnutrizione.  Siglato accordo in Stato-Regioni su nuove linee di indirizzo

Le Linee di indirizzo hanno come obiettivi definire lo screening nutrizionale e i bisogni specifici durante il percorso terapeutico, presentare ii modello per la risposta organizzativa attraverso un percorso integrato, associato al trattamento oncologico dal primo accesso ai servizi (ospedale e day surgery,  reti  territoriali,  continuità assistenziale Mmg e Pls,  assistenza  domiciliare,  nutrizione  artificiale), applicando anche approcci innovativi  (quali i rapporti tra terapia oncologica  e microbioma), descrivere  la formazione e informazione  agli operatori sanitari. L'ACCORDO.

14 DIC - Tra i pazienti neoplastici che perdono peso corporeo, il 20-30% muore per le conseguenze dirette ed indirette della malnutrizione. Frequenza e gravità della perdita di peso variano a seconda del tipo di tumore: l' 80% dei pazienti con neoplasia del tratto gastrointestinale superiore ed il 60% di quelli con neoplasia polmonare presentano perdita di peso gia al momenta  della diagnosi.  Inoltre, perdita di peso  si verifica nel 72% delle ncoplasie pancreatiche, nel 69% delle neoplasie esofagee, net 67% delle neoplasie gastriche, nel 57% dei tumori dcl distretto testa-collo,  nel  34% dclle  neoplasie  del  colon retto, nel 31% dei casi di linfoma non-Hodgking.

Per evitare queste situazioni sono state approvate in Stato-Regioni le Linee di indirizzo percorsi nutrizionali nei pazienti oncologici che hanno come obiettivi:

• definire lo screening nutrizionale (validate per la valutazione  dello  stato  nutrizionale)  e  i bisogni specifici in ambito nutrizione  alla diagnosi, durante  il percorso terapeutico,  al follow­ up e per  la prevenzione terziaria;


• presentare ii modello per la risposta organizzativa attraverso un percorso integrato che permetta lo svolgimento di un programma nutrizionale personalizzato e associato al trattamento oncologico sin dal primo accesso ai servizi (ospedale e day surgery,  reti  territoriali,  continuità assistenziale Mmg e Pls,  assistenza  domiciliare,  nutrizione  artificiale), applicando anche approcci innovativi  (quali i rapporti tra terapia oncologica  e microbioma);

•descrivere  la formazione ed informazione  agli operatori sanitari.

Gli effetti attesi di queste raccomandazioni sono di ridurre le complicanze mediche, conseguenti alla malnutrizione e di facilitare il recupero dello stato nutrizionale e della  salute  fisica,  che costituiscono tappe essenziali  nel processo di guarigione.

E' necessario che ogni paziente sia valutato nei diversi momenti del percorso diagnostico e terapeutico per cercare di ottimizzare lo stato di nutrizione e per migliorare la sua qualità della vita, già compromessa  dalla patologia oncologica.  Quindi  la valutazione dello stato nutrizionale deve essere effettuata in tutti i pazienti al momento della diagnosi e ripetuta ad intervalli predefiniti.

Anche nel caso di un'iniziale assenza di modificazioni dello stato nutrizionale, è importante un attento controllo  poiché tale condizione può essere modificata dagli effetti secondari  delle terapie e/o dall'evoluzione della malattia. 

Una valutazione tempestiva  dello stato nutrizionale è necessaria per evidenziare le alterazioni in fase precoce, con lo scopo di aumentare l'efficacia degli interventi terapeutici.

La valutazione dello stato nutrizionale è un processo multimodale,  basato sulla storia clinica, sui trattamenti effettuati e in corso, sulla presenza di sintomi non controllati, sulla rilevazione dei parametri  antropometrici e su test di laboratorio.

Attraverso un corretto screening nutrizionale si possono identificare, in maniera rapida, quei pazienti con caratteristiche comunemente associate a problematiche nutrizionali, che devono essere sottoposti ad una valutazione  globale dello stato nutrizionale.
Valutazione dello stato nutrizionale.

I pazienti oncologici, indipendentemente dallo stadio della propria malattia (iniziale o avanzata), devono ricevere una immediata valutazione dello stato nutrizionale come parte integrante e non eludibile del percorso diagnostico. La valutazione dello stato nutrizionale, basata sulla  stretta  interazione tra medici esperti in nutrizione clinica e gli specialisti  coinvolti  nel  trattamento  della singola patologia neoplastica, che avranno condiviso gli strumenti di misura più idonei per ciascuna patologia oncologica, dovrà essere riportata in maniera esplicita nella documentazione clinica, spiegata esaurientemente al paziente e ai suoi familiari e comunicata al Mmg. Attenzione dovrà essere  posta nella valutazione della necessita di un eventuale sostegno psicologico del paziente e della sua famiglia.

Definizione de! piano nutrizionale

Riconosciuto e misurato l'eventuale deficit nutrizionale, stabilite le cause della malnutrizione e le eventuali patologie concomitanti che possano incidere negativamente, si dovrà  stilare,  attraverso modalità condivise, uno specifico piano di intervento, definendo il tipo di supporto nutrizionale necessario, le modalità di somministrazione, gli eventuali altri specialisti  da  coinvolgere,  gli accertamenti ancora necessari, i presidi da utilizzare  per il sostegno nutrizionale e i tempi di verifica  del conseguimento dei risultati programmati, in modo da definire la tempistica delle successive rivalutazioni clinico-strumentali e di laboratorio, oltre che l'identificazione delle terapie volte a controllare  le eventuali  patologie concomitanti.

In caso di sovrappeso con significative  ripercussioni  sulle possibilità terapeutiche, si dovranno istituire i necessari correttivi.

Programmazione del  follow-up specifico

Al termine della prima visita, si dovranno identificare le modalità e i tempi di verifica dei risultati dell'intervento nutrizionale  collegialmente proposto, condividendo  ii  percorso  con il  Mmg e, in caso di necessita, con il responsabile dell'assistenza domiciliare per le necessarie integrazioni operative a livello domiciliare o attraverso strutture  territoriali competenti.

Obiettivo misurabile di questa prima fase di intervento e rappresentato dalla riduzione della perdita di peso e della sarcopenia (perdita di massa muscolare) , dal miglioramento della qualità della vita e dalle variazioni delle condizioni cliniche  prima dell'intervento primario  (medico, chirurgico  o radioterapico) sulla malattia oncologica.

La creazione di Reti territoriali per la nutrizione clinica (eventualmente all'interno di percorsi assistenziali già disponibili a livello regionale) consente di  migliorare  l'accesso,  promuovere l'attivazione e l'integrazione con le reti già esistenti della terapia del dolore e delle cure palliative, garantendo ai pazienti risposte assistenziali su base regionale e in modo uniforme su tutto ii territorio nazionale, con una migliore  utilizzazione delle risorse economiche disponibili.

La definizione dei compiti delle diverse figure professionali coinvolte, insieme al Mmg e al Pls, coinvolti anche per garantire continuità assistenziale ospedale-territorio, in questo processo di integrazione terapeutica rende  evidente  l'elevato  livello  di  complessità organizzativa:

il medico nutrizionista definisce ii piano nutrizionale e ne cura l'aggiornamento continuo attraverso la verifica periodica delle condizioni  del paziente;
iI personale dietista collabora alla stesura del piano nutrizionale, valuta lo stato nutrizionale del paziente e ne controlla  l'aderenza  al programma individualizzato;
l' infermiere territoriale completa I'addestramento deIle persone addette alla cura del paziente, iniziato in ambito ospedaliero, attua la  terapia  nutrizionale  prescritta  secondo  protocolli validati, gestisce i presidi, controlla gli accessi enterali e parenterali, previene le complicanze locali, controllandone il trattamento, compila la cartella infermieristica e cura la tenuta della cartella clinica a livello domiciliare;
iI farmacista collabora con ii medico nutrizionista alla definizione delle formule nutrizionali personalizzate, fornisce le miscele,  i presidi  e le attrezzature  necessarie e svolge  una funzione di farmacovigilanza;
• potrà essere necessaria la presenza di psicologi o altre figure professionali idonee, capaci di collaborare a superare le grandi difficolta di questa specifica area assistenziale.

14 dicembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy