Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 26 SETTEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Per gli europei vite più lunghe e più sane, ma i progressi non sono uniformi. Rapporto Oms 

L’Oms ha appena pubblicato la relazione europea sulla salute 2018, che sottolinea un aumento dell'aspettativa di vita e una riduzione della mortalità prematura, ma avverte che il fumo, l'alcol, il sovrappeso e l'obesità stanno ostacolando il progresso in alcuni paesi. La pubblicazione dell'Organizzazione mondiale della Sanità, rivela che alcuni paesi europei godono del più alto senso di "soddisfazione di vita" registrato in qualsiasi parte del mondo,tuttavia esistono notevoli discrepanze per numerosi indicatori chiave e la mancata interruzione degli effetti negativi del fumo di tabacco, del consumo di alcol, del sovrappeso e dell'obesità. IL RAPPORTO

12 SET - Salute in Europa: nella Regione Europea Oms le persone vivono in media più di un anno in più rispetto a cinque anni fa, anche se c’è ancora oltre un decennio di differenza (11,5 anni) tra paesi con l'aspettativa di vita più alta e più bassa; il senso di benessere degli europei è tra i più alti del mondo, ma le variazioni da paese a paese sono pronunciate; sono stati compiuti buoni progressi nella riduzione delle morti per tutte le cause (tutte le età) dall'inizio del millennio, con una riduzione di circa il 25% in 15 anni.

L’Oms ha appena pubblicato la sua la relazione europea sulla salute 2018, che sottolinea un aumento dell'aspettativa di vita e una riduzione della mortalità prematura, ma avverte che il fumo, l'alcol, il sovrappeso e l'obesità stanno ostacolando il progresso in alcuni paesi.
 
La pubblicazione dell'Organizzazione mondiale della Sanità, rivela che l'aspettativa di vita nella Regione Europea Oms continua a crescere e che alcuni paesi europei godono del più alto senso di "soddisfazione di vita" registrato in qualsiasi parte del mondo. Tuttavia esistono, appunto, notevoli discrepanze tra i vari paesi rilevate attraverso numerosi indicatori chiave e la mancata interruzione o inversione degli effetti negativi del fumo di tabacco, del consumo di alcol, del sovrappeso e dell'obesità.
 
Complessivamente, l'Europa sta superando l'obiettivo di ridurre i decessi prematuri dalle quattro principali malattie non trasmissibili - malattie cardiovascolari, cancro, diabete mellito e malattie respiratorie croniche - dell'1,5% annuo fino al 2020. Gli ultimi dati indicano un calo medio del 2% all'anno . Tuttavia, i fattori dello stile di vita che influenzano la mortalità da queste cause restano una preoccupazione importante e possono rallentare o persino invertire i guadagni di aspettativa di vita se non controllati:
 
Il rapporto europeo sulla salute 2018 è stato lanciato pochi giorni prima della riunione annuale del Comitato regionale per l'Europa dell'Oms, che si terrà dal 17 al 20 settembre a Roma, dove i risultati saranno discussi dai delegati dei 53 Stati membri del La regione europea come base per il loro processo decisionale.
 
"L'ultimo rapporto sulla salute in Europa mostra che la maggior parte dei paesi europei ha compiuto passi significativi verso il raggiungimento degli obiettivi chiave fissati da Health 2020, contribuendo così al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile legati alla salute dell'agenda 2030", ha affermato Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell'Oms Europa. "Il progresso è tuttavia disomogeneo, sia all'interno che tra paesi, tra i sessi e tra le generazioni. I fattori di rischio legati allo stile di vita sono motivo di preoccupazione, poiché possono rallentare o persino invertire i grandi guadagni dell'aspettativa di vita se lasciati senza controllo".
 
I risultati negativi del Rapporto sono soprattutto cinque:
 
- le percentuali di fumo di tabacco sono le più alte al mondo, con una persona su tre di età compresa tra 15 e oltre che ne fa uso;
 
- l'uso di alcol è in calo generale, ma il consumo degli adulti è ancora il più alto del mondo. I livelli di consumo variano da paese a paese, da 1 a 15 litri pro capite ogni anno;
 
- oltre la metà della popolazione è in sovrappeso e le tendenze per sovrappeso e obesità negli adulti sono in una fase di crescita in gran parte dell'Europa, con notevoli variazioni tra paesi;
 
- i tassi di vaccinazione infantile stanno migliorando in generale in tutta Europa, ma recenti epidemie di morbillo e rosolia in alcuni paesi stanno mettendo a repentaglio la capacità della Regione di eliminare queste malattie;
 
- le morti per cause esterne da lesioni o avvelenamenti sono diminuite costantemente di circa il 12% in cinque anni; tuttavia tali morti erano oltre tre volte più alte tra gli uomini rispetto alle donne.
 
Pubblicato ogni tre anni, il rapporto sanitario europeo ha come obiettivo il monitoraggio dei progressi rispetto agli obiettivi fissati dal quadro europeo Salute 2020, che mira a istituire sistemi di assistenza sanitaria equi, sostenibili e universali in Europa per consentire agli individui di controllare le decisioni sulla salute.
 
La relazione del 2018 riconosce che è stato raggiunto un grande traguardo dopo l'adozione di Health 2020 nel 2012. La maggior parte dei paesi europei sta dimostrando un reale impegno a migliorare la salute delle proprie popolazioni fissando obiettivi, adottando strategie e misurando i progressi.
 
Nel 2016, 38 paesi della Regione Europea dell'Oms hanno riferito di aver fissato obiettivi per la salute e il benessere, o programmato di farlo nel prossimo futuro, mentre 42 paesi avevano messo in atto strategie per affrontare le disuguaglianze, rispetto ai soli 29 paesi del 2010.
 
Anche se resta ancora molto da fare, questo impegno e l'esperienza acquisita con l'attuazione di Health 2020 mettono gli Stati membri della Regione Europea dell'Oms in una posizione di forza per guadagnare nel prossimo decennio una posizione migliore e realizzare lo Sviluppo Sostenibile correlato agli obiettivi di  salute.
 
"Noi dell'Oms stiamo lavorando con i paesi europei, utilizzando metodi all'avanguardia per la raccolta di prove qualitative per integrare i numeri. Ciò ci consente di riunire informazioni sanitarie, ricerca sanitaria e traduzione delle conoscenze per comprendere meglio le esperienze e le esigenze degli europei e rafforzare le politiche per la salute pubblica ", ha detto Claudia Stein, direttrice della Divisione di informazione, prove, ricerca e Innovazione, Ufficio regionale dell'Oms per l'Europa.
 
Questo approccio è al centro di un piano d'azione per rafforzare l'uso delle prove, delle informazioni e della ricerca per l'elaborazione delle politiche nella Regione europea. Il piano d'azione sarà attuato attraverso l'iniziativa europea per l'informazione sanitaria (EHII) dell'Oms, un forum multipartner, che coordina le informazioni sulla salute, la ricerca e la traduzione delle conoscenze in tutta la regione europea, iniziativa unica tra le regioni dell'Oms.
 
Al Rapporto sono allegate alcune schede informative.
 

Quella sui vaccini ad esempio sottolinea tra l’altro che la copertura delle vaccinazioni è leggermente aumentata negli ultimi anni; tuttavia esistono ancora grandi disparità tra e all'interno dei paesi.
I dati disponibili per l'Oms (ma non inclusi nel rapporto) indicano che durante l'immunizzazione la copertura con due dosi di vaccino contro il morbillo ad esempio è aumentata dall'88% nei bambini nel 2016 al 90% nel 2017, alcune comunità hanno riportato una copertura superiore al 95%, mentre per 
la copertura di altri era inferiore al 70 per cento.
 
Questo secondo l’Oms lascia alcune comunità vulnerabili agli attacchi di morbillo, che sarebbe invece  facilmente prevenibile usando i vaccini sicuri, efficaci e disponibili.

Il comitato di verifica per l'eliminazione del morbillo e della rosolia indica che approssimativamente l'80% dei paesi europei ha interrotto la trasmissione endemica del morbillo e della rosolia da più di 12 mesi.
 
I paesi in cui sia il morbillo che la rosolia rimangono endemici (10 per il morbillo e 11 per la rosolia) sono principalmente paesi a medio reddito (ma c’è anche l’Italia tra questi) che affrontano sfide significative nel settore finanziario e per la sostenibilità operativa dei loro programmi di immunizzazione.
Tuttavia, per raggiungere e mantenere l'obiettivo di eliminazione del morbillo e della rosolia delineato in Europa con il Vaccine Action Plan 2015-2020, è essenziale che tutti i paesi, indipendentemente dal reddito, sviluppino interventi di immunizzazione specifici.

LE SCHEDE INFORMATIVE:

- EHR 2018 - Più che numeri - prove per tutti

- Malattie trasmissibili - immunizzazione e trattamento della tubercolosi

- Quadri di politica sanitaria europea nel loro contesto

- Fattori dello stile di vita che influenzano la morte prematura da malattie non trasmissibili


- Raggiungere una copertura sanitaria universale, ridurre le disuguaglianze sanitarie e migliorare il benessere della popolazione europea

- Utilizzo di nuove forme di prova per riflettere i valori fondamentali di Health 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


  

12 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy