Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattie non trasmissibili: Onu si impegna in 13 azioni per sconfiggerle. In Italia sono responsabili del 91% dei decessi. Ma da qui al 2025 potremmo ridurre i morti di oltre il 40%

L'Assemblea generale Onu ha concordato con l'Oms di aderire al piano di interventi per sconfiggere le malattie non trasmissibili (NCD, tra cui sono comprese tumori, malattie cardiache e polmonari, ictus e diabete). In Italia trend in diminuzione ma restano responsabili del 91% dei decessi, tra cui il 36% per malattie cardiovascolari e il 27% per cancro. Con più prevenzione, sempre in Italia, 246.200 vite, su un totale di oltre 584.000 decessi per NCD, potrebbero essere salvate entro il 2025. PIANO DI AZIONE OMS SULLE NCDPROFILI NAZIONALI NCD 2018.

30 SET - Malattie non trasmissibili (NCD):  i capi di stato e di governo riuniti nell’Assemblea generale delle nazioni unite si sono impegnati a compiere 13 nuovi passi per affrontarle per promuovere la salute mentale e il benessere. Tra queste le più numerose e gravi sono tumori, malattie cardiache e polmonari, ictus e diabete.
 
"I leader mondiali hanno intrapreso una serie di passi fondamentali per sconfiggere le NCD", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità. "Questi si aggiungono a un'opportunità storica per promuovere la salute, salvare vite umane e far crescere le economie".
 
I leader mondiali hanno accettato di assumersi la responsabilità per gli sforzi dei loro paesi di prevenire e curare le malattie non trasmissibili.

Hanno anche convenuto, tra le 13 azioni previste, che questi sforzi dovrebbero includere leggi e misure fiscali per proteggere le persone dal tabacco, cibi malsani e altri prodotti nocivi, ad esempio limitando la pubblicità di alcolici, vietando il fumo e tassando le bevande zuccherate.
 
Si sono poi impegnati a implementare una serie di politiche raccomandate dall'Oms per prevenire e controllare le malattie non trasmissibili, come campagne di educazione pubblica e sensibilizzazione per promuovere stili di vita più sani, vaccinazioni a largo raggio contro il virus HPV per proteggersi dal cancro della cervice uterina  e trattare l'ipertensione e il diabete.

L'Oms stima che l'attuazione di tutte queste politiche potrebbe portare a 350 miliardi di dollari di crescita economica nei paesi a basso e medio reddito entro il 2030.
 
Altri impegni specifici si concentrano sull'arresto dell'obesità infantile, sulla promozione dell'attività fisica regolare, sulla riduzione dell'inquinamento atmosferico e sul miglioramento della salute mentale.
 
La dichiarazione politica ribadisce la leadership mondiale dell'Oms nella lotta contro le malattie non trasmissibili e nella promozione della salute mentale, ed esorta l'Organizzazione a continuare a lavorare a stretto contatto con i partner chiave, compresi i governi, la società civile e il settore privato.
 
In particolare, invita i produttori di alimenti a intraprendere diverse azioni tra cui la riformulazione dei prodotti per ridurre il sale, gli zuccheri liberi e i grassi trans saturi e prodotti industrialmente, usando l'etichettatura nutrizionale sul cibo confezionato per informare i consumatori e limitando la commercializzazione di alimenti e bevande non salutari per i bambini.

Le NCD, principalmente malattie cardiovascolari e respiratorie, tumori e diabete, rappresentano attualmente la causa di morte di sette persone su 10 in tutto nel mondo (41 milioni), tra cui 15 milioni tra 30 e 69 anni, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Le condizioni e i disturbi mentali sono una preoccupazione correlata, con la depressione che colpisce circa 300 milioni di persone.
 
Il tredicesimo programma generale di lavoro dell'Oms 2019-2023 enfatizza in modo particolare la risposta all'epidemia di malattie non trasmissibili e la promozione della salute mentale, con gli investimenti nella copertura sanitaria universale al centro delle risposte nazionali.

L'Oms si è impegnata, durante questo periodo, a garantire che 1 miliardo di persone in più beneficino di copertura sanitaria universale; 1 miliardo di persone in più godono di una salute e di un benessere migliori; e 1 miliardo di persone in più sono meglio tutelate dalle emergenze sanitarie.

In occasione dell’Assemblea Onu, l’Oms ha anche diffuso il suo terzo rapporto sui profili nazionali delle malattie non trasmissibili per valutare i progressi nazionali nel raggiungere gli obiettivi per prevenire e controllare le malattie non trasmissibili.

Il rapporto ha rilevato che il rischio di morte prematura da uno dei quattro NCD principali era sceso al 18% nel 2016, una riduzione relativa del 5% dal 2010. Tuttavia, è improbabile che il tasso di progresso raggiunga l'obiettivo di sviluppo sostenibile di un terzo di riduzione delle morti premature da malattie non trasmissibili entro il 2030.

Il rapporto ha inoltre rilevato che rimangono significative lacune nei servizi sanitari e nell'accesso a farmaci e tecnologie per la gestione delle malattie non trasmissibili.

Per quanto riguarda l’Italia, il nuovo rapporto Oms indica una progressiva riduzione delle morti per malattie non trasmissibili e la possibilità di raggiungere entro il 2025 il target fissato dagli obiettivi di sviluppo sostenibile che porterebbe a 246.200 decessi in meno per queste malattie nel nostro Paese.

Attualmente, parliamosempre di Italia, il complesso delle NCD è responsabile 91% dei decessi, tra cui il 36% per malattie cardiovascolari e il 27% per cancro.

Unico indicatore che nelle proiezioni Oms è indicato in controtendenza rispetto al raggiungimento degli obiettivi è quello dell’obesità che al 2025 si allontanerebbe significativamente – in peggio - dai risultati stabiliti.
 



In generale, l’Oms indica tra i maggiori fattori di rischio modificabili comportamenti come l'uso di tabacco, l'inattività fisica, l'alimentazione scorretta e l'uso dannoso di alcol:

- il tabacco è causa di oltre 7,2 milioni di morti ogni anno (compresi gli effetti dell'esposizione al fumo passivo) e si prevede che aumenterà notevolmente nei prossimi anni;

- 4,1 milioni di morti annuali sono state attribuite all'assunzione di sale / sodio in eccesso;

- oltre la metà dei 3,3 milioni di decessi annuali attribuibili all'uso di alcolici proviene da malattie non trasmissibili che questo genera, tra cui il cancro;
- 1,6 milioni di morti all'anno possono essere attribuiti a un'attività fisica insufficiente.

I fattori di rischio metabolici contribuiscono a quattro situazioni chiave che aumentano il rischio di NCD:

- aumento della pressione sanguigna;

- sovrappeso / obesità;

- iperglicemia (alti livelli di glucosio nel sangue);

- iperlipidemia (alti livelli di grasso nel sangue).

In termini di decessi attribuibili, il principale fattore di rischio metabolico a livello mondiale è l'aumento della pressione sanguigna (a cui è attribuito il 19% delle morti globali,  seguito da sovrappeso e obesità e aumento della glicemia.
 
Dal punto di vista socioeconomico le malattie non trasmissibili minacciano i progressi per raggiungere gli obiettivi dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, che include quello di ridurre i decessi prematuri da NCD di un terzo entro il 2030.

La povertà è strettamente legata alle malattie non trasmissibili. Si prevede che il rapido aumento delle malattie non trasmissibili ostacolerà le iniziative di riduzione della povertà nei paesi a basso reddito, in particolare aumentando i costi delle famiglie associati all'assistenza sanitaria.

Le persone vulnerabili e socialmente svantaggiate diventano più malate e muoiono prima delle persone con posizioni sociali più elevate, soprattutto perché sono più a rischio di essere esposte a prodotti nocivi, come tabacco o pratiche alimentari non salutari, e hanno un accesso limitato ai servizi sanitari.

In contesti con risorse limitate, i costi dell'assistenza sanitaria per le malattie non trasmissibili riducono rapidamente le risorse domestiche. I costi esorbitanti delle malattie non trasmissibili, tra cui trattamenti spesso lunghi e costosi e perdita di capofamiglia, costringono ogni anno milioni di persone alla povertà e soffocano lo sviluppo.

30 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy