Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 MARZO 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tabacco. Nuovo report Oms: ogni anno 7 mln di morti di cui 900mila per fumo passivo. Lotta senza quartiere alle multinazionali e ai nuovi prodotti da fumo. Stop ai distributori automatici

Nel mondo i fumatori sono circa 1,1 miliardi e secondo l'Oms la metà è destinata a morire per i danni della dipendenza. Vera Luiza da Costa e Silva, responsabile del Segretariato per la lotta al fumo dell'Oms in apertura della ottava sessione di bilancio dell'attività dell'organizzazione su questo fronte si scaglia contro le multinazionali: "Con i suoi bilanci astronomici, l'industria del tabacco continua i suoi furiosi sforzi per minare l'attuazione del nostro trattato". RAPPORTO SUI PROGRESSI 2018 WHO-FCTC - PROTOCOLLO PER ELIMINARE IL COMMERCIO ILLECITO DI TABACCO - SINTESI DEL TRATTATO WHO-FCTC.

02 OTT - La Conferenza sulla convenzione quadro dell'Oms per il controllo del tabacco (FCTC) ha aperto il 1° ottobre la sua ottava sessione (COP 8), per definire una tabella di marcia per rafforzare e ampliare la portata del trattato di salute globale.

La Conferenza, che si concluderà il 6 ottobre, riunisce delegazioni di 137 paesi, insieme a rappresentanti delle agenzie delle Nazioni Unite, di altre organizzazioni intergovernative e della società civile. I partecipanti alla conferenza esamineranno i progressi nella riduzione dell'uso del tabacco e le strategie per affrontare l'emergere di nuovi prodotti del tabacco e l'interferenza dell'industria del tabacco negli sforzi di controllo del tabacco.
 
Secondo i dati Oms Il tabacco uccide fino a metà dei suoi utilizzatori, più di 7 milioni di persone ogni anno. Oltre 6 milioni di quelle morti sono il risultato del consumo diretto di tabacco, mentre circa 890.000 sono il risultato di fumo passivo per i non fumatori.

Circa l'80% degli 1,1 miliardi di fumatori del mondo vive in paesi a basso e medio reddito.


Il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha aperto la conferenza definendo il trattato sul controllo del tabacco come una delle più grandi conquiste della salute pubblica degli ultimi vent'anni.

"Da quando è entrato in vigore 13 anni fa, l'FCTC rimane uno degli strumenti più potenti per promuovere la salute pubblica", afferma Tedros. "Attraverso l'attuazione di questo trattato, stiamo facendo grandi progressi e stiamo salvando delle vite".

Come risultato di questo trattato, i paesi hanno approvato leggi articolate sul controllo del tabacco, prevedendo l'aumento delle tasse sul tabacco, la creazione di spazi senza fumo e la diffusione sistematica delle avvertenze sui danni e sui divieti sia sulle confezioni che su appositi spazi di comunicazione.

Durante la prima sessione è stata presentata una nuova relazione sullo stato di avanzamento globale sull'attuazione dell'FCTC dell'Oms. Dal nuovo rapporto emerge che sebbene lo stato di attuazione sia costantemente migliorato dall'entrata in vigore della Convenzione nel 2005, i progressi verso l'attuazione dei vari articoli non sono uniformi, con tassi che vanno dall'88 al 13 per cento.

Importanti progressi sono stati osservati nell'attuazione di misure relative alla riduzione della domanda di tabacco. Oltre il 90% dei paesi  ha dichiarato di aver introdotto politiche fiscali e/o tariffarie e la stessa percentuale ha dichiarato di aver vietato il fumo in tutti i luoghi pubblici. 

Un numero considerevole ha anche condiviso la propria esperienza nell'estensione o nella pianificazione del divieto di fumare in ambienti esterni, e sull'inclusione di nuovi prodotti nella legislazione esistente riguardante il fumo.

Le avvertenze sanitarie sui pacchetti di tabacco sono ora richieste in quasi il 90% dei paesi. La diagnosi e i servizi sanitari per il trattamento della dipendenza da fumo sono inclusi nei programmi nazionali di controllo del tabacco in più dei due terzi dei paesi, il che rappresenta un progresso significativo rispetto alla metà del 2016.

Mentre la maggior parte dei paesi ha  segnalato l'esistenza di un divieto generale su tutte le pubblicità, la promozione e la sponsorizzazione del tabacco, la pubblicità transfrontaliera rimane meno regolamentata e difficile da far rispettare. Oltre due terzi delle parti hanno anche riferito di aver promulgato o rafforzato la legislazione volta a contrastare il commercio illecito a livello nazionale.
 
Nel 2018, un numero crescente di paesi ha riferito di aver messo in atto o sviluppato strategie nazionali multisettoriali e piani d'azione per il controllo del tabacco, con quasi due terzi che segnalano le misure adottate per impedire l'interferenza dell'industria del tabacco con le politiche di controllo del tabacco.

Anche se l'85% delle parti ha vietato la vendita di prodotti del tabacco ai minori e un numero crescente di parti ha aumentato l'età minima per acquistare prodotti del tabacco, c'è ancora spazio per miglioramenti, in particolare nel divieto di scaffalature self-service e distributori automatici.

I sistemi nazionali di sorveglianza del tabacco istituiti da oltre il 70% delle parti, i progressi della ricerca e l'osservazione dei modelli di consumo del tabacco hanno contribuito a migliorare il monitoraggio dei progressi verso l'attuazione della FCTC dell'Oms.
 
"Molti governi hanno messo in atto azioni di controllo del tabacco e hanno chiaramente progredito nell'attuazione della Convenzione", afferma Vera Luiza da Costa e Silva, responsabile del Segretariato FCTC dell'Oms. "Ma questo non è il momento di essere compiacenti. Con i suoi bilanci astronomici, l'industria del tabacco continua i suoi furiosi sforzi per minare l'attuazione del nostro trattato", ha detto al dirigente Oms.
 
Costa e Silva ha in proposito citato quelle cha definito politiche “aggressive di commercializzazione” da parte delle aziende del tabacco con l’introduzione nel mercato di  “nuovi prodotti utilizzando le scappatoie esistenti nelle legislazioni per bypassare le normative sul controllo del tabacco”.

"Dobbiamo continuare a lavorare per portare insieme risorse e volontà politica, per proteggere il trattato dall'industria del tabacco che continua ad essere la barriera numero uno per la salute pubblica", ha concluso lapidaria Costa e Silva.

Ma tra le nuove priorità delle strategie anti fumo dell’Oms figura ora anche una rafforzata attenzione agli impatti negativi della sua produzione sull'ambiente e sullo sviluppo economico dei Paesi.

"Ci auguriamo che questa conferenza sia il punto di partenza per una più ampia applicazione della FCTC come un trattato internazionale che si estende oltre il controllo del tabacco per supportare strategie che promuovano lo sviluppo sostenibile e proteggano le risorse ambientali", ha chiarito in proposito Costa e Silva.

Alla quale ha fatto eco Michael Møller, direttore generale dell'Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, che ha sottolineato la necessità fondamentale di collegare il controllo del tabacco con le strategie di sviluppo sostenibile.
 
"Fumare è un problema di sviluppo perché colpisce i più vulnerabili già messi a dura prova dai sistemi sanitari, alimentando un circolo vizioso di povertà e disuguaglianza", afferma Møller. "Raggiungere l'Agenda 2030 e ridurre l'onere delle malattie non trasmissibili (di cui molte provocate dall’uso del tabacco) richiede un'azione tempestiva e diffusa a tutti i livelli".
 
Le ricadute sull’ambiente della filiera globale del tabacco sono documentati in un nuovo rapporto,  Fumo di sigaretta: una valutazione dell'impronta ambientale globale del tabacco , che sarà resa disponibile durante la conferenza. Il rapporto è prodotto congiuntamente dal Segretariato FCTC e dai ricercatori dell'Imperial College di Londra.

02 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy