Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 GENNAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Influenza: siamo pronti? Le indicazioni dell’Oms, un corso on line e cinque falsi miti da sfatare. Ogni anno 650.000 morti


Il 2018 è anche il 100° anniversario di una delle più catastrofiche crisi della salute pubblica nella storia moderna legate a questi tipi di virus: la pandemia influenzale del 1918 conosciuta come "influenza spagnola". "Un'altra pandemia causata da un nuovo virus dell'influenza è una certezza, ma non sappiamo quando accadrà, quale ceppo virale sarà e quanto sarà grave la malattia", ha detto Wenqing Zhang, direttore del Global Influenza Programme dell'Oms .

12 OTT - L'influenza può non è sempre considerata dalla maggior parte delle persone come una grave malattia. I sintomi: mal di testa, naso che cola, tosse e dolore muscolare, possono far confondere le persone con un forte raffreddore. 

Eppure l'influenza stagionale uccide fino a 650.000 persone ogni anno. Ecco perché le vaccinazioni contro l'influenza sono così importanti, specialmente per proteggere i bambini piccoli, gli anziani, le donne incinte o le persone che hanno un sistema immunitario vulnerabile.

Un esempio: quando 100 passeggeri su un volo da Dubai a New York nel settembre 2018 si sono ammalati di sintomi respiratori, i funzionari sanitari erano preoccupati di essere difronte a una grave malattia respiratoria chiamata MERS-CoV (coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente) e hanno messo in quarantena l'aereo fino a ulteriori i controlli sanitari. I test hanno dimostrato che molti erano positivi per il virus dell'influenza, che può essere facilmente diffuso quando le persone sono in stretto contatto o in spazi contenuti come aeroporti e aerei per diverse ore.

Ciò che la maggior parte delle persone conosce dell’influenza' è l'influenza stagionale, così chiamata perché arriva nella stagione più fredda due volte l'anno (una volta nell'inverno settentrionale e una volta nell'inverno dell'emisfero australe) nelle zone temperate del mondo e circola tutto l'anno nei tropici e subtropici.

Ma il virus dell'influenza è in costante mutamento  per “sfuggire” al nostro sistema immunitario. Quando si identifica un nuovo virus che può facilmente infettare ed essere diffuso tra le persone e per il quale la maggior parte degli individui non ha immunità, il contagio può trasformarsi in una pandemia. 

"Un'altra pandemia causata da un nuovo virus dell'influenza è una certezza, ma non sappiamo quando accadrà, quale ceppo virale sarà e quanto sarà grave la malattia", ha detto Wenqing Zhang, direttore del Global Influenza Programme dell'Oms "Questa incertezza rende l'influenza molto diversa da molti altri agenti patogeni".
 


Il 2018 è anche il 100° anniversario di una delle più catastrofiche crisi della salute pubblica nella storia moderna legate a questi tipi di virus: la pandemia influenzale del 1918 conosciuta come "influenza spagnola". 

L’Oms in questa occasione ha diffuso un corso on line sull’influenza e pubblicato sul suo sito i cinque “falsi miti” sul vaccino antinfluenzale

Mito 1: l'influenza non è grave, quindi non ho bisogno del vaccino

Falso: fino a 650.000 persone all'anno possono morire di influenza. E questo dato è legato solo alle morti per problemi respiratori, quindi il probabile impatto è ancora più alto. Anche le persone sane possono contrarre l'influenza, ma soprattutto le persone il cui sistema immunitario è vulnerabile. La maggior parte delle persone si riprende in poche settimane, ma alcune possono sviluppare complicanze tra cui infezioni del seno e dell'orecchio, polmonite, infiammazioni al cuore o al cervello.

 Mito 2: il vaccino antinfluenzale può dare l'influenza

Falso: il vaccino contro l'influenza contiene un virus inattivato che non può darti influenza. Se ci si sente doloranti o leggermente febbrili, è una normale reazione del sistema immunitario al vaccino e generalmente dura solo un giorno o due. 

 Mito 3: il vaccino antinfluenzale può causare gravi effetti collaterali

Falso: il vaccino antinfluenzale è sicuro. Gli effetti collaterali gravi sono estremamente rari. Una su un milione di persone può avere la sindrome di Guillain-Barré (GBS), che causa debolezza muscolare e paralisi. 

 Mito 4: ho fatto il vaccino e ho ancora l'influenza, quindi non funziona

Falso:  molti virus influenzali circolano continuamente, motivo per cui le persone possono avere l'influenza nonostante siano vaccinate poiché il virus è specifico per un ceppo. Tuttavia, essere vaccinati migliora la possibilità di essere protetti dall'influenza. Questo è particolarmente importante per fermare il virus che colpisce le persone con sistemi immunitari vulnerabili.

 Mito 5: sono incinta quindi non dovrei fare il vaccino antinfluenzale

Falso: le donne incinte dovrebbero in particolare fare il vaccino antinfluenzale poiché il loro sistema immunitario è più debole del solito. Il vaccino antinfluenzale inattivato è sicuro in qualsiasi fase della gravidanza. 
 
Video sull'influenza spiegata da Martin Friede, coordinatore della la ricerca sui vaccini (IVR) dell'Oms
 


12 ottobre 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy