Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 SETTEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Anziani. Vivere in solitudine aumenta probabilità di assumere ansiolitici, antidepressivi e antidolorifici

di Lisa Rapaport

La solitudine è una “patologia” che negli anziani è responsabile di un maggior consumo di ansiolitici, antidepressivi e antidolorifici. L’evidenza emerge da uno studio consotto in USA su oltre 6 mila over 65 che hanno partecipato al sondaggio National Social Life, Health, and Aging Project.

27 LUG - (Reuters Health) – Gli anziani che vivono in solitudine hanno maggiori probabilità di assumere ansiolitici, antidepressivi e antidolorifici rispetto ai coetanei che non si sentono soli. A evidenziarlo è uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine da un team di scienziati coordinato da Ashwin Kotwal, dell’Università della California di San Francisco.

I ricercatori hanno esaminato i dati relativi a 6.017 adulti americani di età pari o superiore a 65 anni, che hanno partecipato al sondaggio National Social Life, Health, and Aging Project in tre step, nel 2005, 2010 e 2015.

Complessivamente, 2.388 partecipanti, pari al 40%, sono stati ‘classificati’ come soggetti a bassa o moderata solitudine, mentre 396, pari al 7%, erano molto soli. Questi ultimi, in particolare, avevano una probabilità significativamente maggiore di quelli che non avvertivano la solitudine di assumere antinfiammatori non steroidei, oppioidi, benzodiazepine, sedativi e antidepressivi. Anche la politerapia era più comune tra i partecipanti molto soli.

“La solitudine è strettamente collegata a malattie che, per essere trattate, fanno uso di farmaci ad alto rischio, come dolore, difficoltà di dormire o depressione”, spiega Ashwin Kotwal, secondo il quale è possibile anche che “gli anziani che assumono questi farmaci possano sperimentare la solitudine a causa dei farmaci stessi”.


Il 58% dei partecipanti che erano ‘molto soli’, poi, assumevano almeno cinque farmaci, senza contare integratori e vitamine, rispetto al 46% di coloro che non si sentivano soli. Inoltre, un maggior numero di pazienti molto soli assumeva oppioidi, l’11%, rispetto ai partecipanti che avevano una solitudine bassa o moderata, l’8%, o nessuna solitudine, il 6%. Allo stesso modo, i pazienti più soli assumevano sedativi, il 23%, rispetto a quelli con una grado di solitudine da bassa a moderata, il 13%, o assente, il 9%. Infine, una percentuale maggiore di persone ‘molto sole’ assumeva anche FANS, 19% vs. 11%, benzodiazepine, il 14% vs. 5%, e antidepressivi, il 26% vs. 12%.

Fonte: JAMA Internal Medicine

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

27 luglio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy