Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 02 LUGLIO 2016
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Ma per Bloomberg l’Italia ha il 6° sistema sanitario più efficiente del mondo

06 NOV - La multinazionale della comunicazione americana ha stilato la classifica dei Paesi con i sistemi sanitari più efficienti. E l’Italia, nella classifica guidata da Hong Kong, Singapore e Giappone, è sesta (seconda in Europa solo alla Spagna). Ma prima di scorrere la graduatoria riportiamo il metodo prescelto dall’Agenzia statunitense. Ogni paese (48 quelli presi in esame) è stato classificato in base a tre criteri : la speranza di vita (60 %), il costo della sanità in percentuale sul Pil (30 %) e in assoluto il costo pro capite per l’assistenza sanitaria (10 %) che comprende i servizi di prevenzione e cura della salute, la pianificazione familiare, attività di nutrizione e gli aiuti di emergenza. I paesi sono stati misurati su ogni criterio ed i punteggi sono stati ponderati e sommati per ottenere i loro valori di efficienza. Nella classifica sono inclusi paesi con popolazione di almeno cinque milioni di abitanti, il PIL pro capite di almeno  5.000 dollari e l'aspettativa di vita di almeno 70 anni. L'elaborazione è effettuata su dati World Bank, International Monetary Fund, World Health Organization, Hong Kong Department of Health.


Tornando alla classifica sorprende il 46° posto degli Stati Uniti, preceduti da Iran (45°), Cuba (al 28° posto) e Libia (sorprendentemente all’undicesimo posto). Guardando all’Europa la Svezia è al decimo posto, l’Inghilterra al 14° e la Francia al diciannovesimo. Da notare come Grecia e Germania occupino il 30° posto.

Sull’Huffington Post il commento della classifica lascia trasparire come a prescindere dal sistema di erogazione dell’offerta (pubblico o privato) vince il sistema che ha un controllo statale capillare.

“Il fattore unificante sembra essere uno stretto controllo del governo su un sistema universale (che può assumere varie forme) un fatto evidente nei primi tre sistemi sanitari più efficienti al mondo : Hong Kong, Singapore e Giappone. Al terzo posto nella lista di Bloomberg, il sistema giapponese prevede l'assistenza sanitaria universale, con la partecipazione obbligatoria finanziata da imposte sui salari versati dal datore di lavoro e dipendente, o premi in base al reddito per i lavoratori autonomi. È richiesta anche l'assistenza a lungo termine per coloro di età superiore a 40 anni. Il Giappone controlla i costi fissando tariffe per tutto, dai farmaci alle procedure, eliminando così la concorrenza tra i fornitori di assicurazione. Mentre la maggior parte degli ospedali del paese sono di proprietà e gestione privata, il governo attua norme intelligenti per garantire che il sistema rimanga universale ed egualitario.
Il sistema di assistenza sanitaria di Singapore è in gran parte finanziato da contributi individuali, ed è spesso salutato dai conservatori come un faro di responsabilità personale. Ma, come il conservatore David Frum nota il sistema è effettivamente alimentato dalla mano invisibile del settore pubblico: gli individui sono tenuti a contribuire con una percentuale del loro stipendio mensile in base all'età a un fondo personale per pagare per i trattamenti e le spese ospedaliere. Inoltre, il governo fornisce una rete di sicurezza per coprire le spese per le quali i risparmi personali sono inadeguati. La sanità privata svolge ancora un ruolo nel sistema di Singapore, ma in secondo piano rispetto alle offerte del pubblico, che vantano la maggior parte dei medici, infermieri, e le procedure eseguite.

Nonostante sia considerato da alcuni come avere l'economia più libera del mondo, il sistema di assistenza sanitaria universale di Hong Kong prevede la partecipazione del governo in modo pesante. La medicina pubblica è vista come la "pietra angolare" del sistema. Gli ospedali pubblici sono scelti dal 90 per cento dei cittadini, mentre le numerose opzioni private sono per lo più utilizzati dai ricchi. Tutta questa attenzione del governo non sta prendendo molto più di un morso della vivace economia dello Stato. Secondo Bloomberg, Hong Kong spende solo il 3,8 per cento del PIL per l'assistenza sanitaria pro capite".
 
L.F.
 


06 novembre 2013
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy