Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 GIUGNO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Diabete. Meno ricoveri e meno spesa con collaborazione tra diabetologi e medici di famiglia

Pubblicati i primi risultati della fase sperimentale del "Progetto sulla gestione integrata del diabete" promosso dal Piemonte: meno 21,3% dei ricoveri per diabete, grazie alla collaborazione tra medici di medicina generale e specialisti. Così la spesa diminuisce di 800 mila euro l’anno.

30 NOV - Secondo molti osservatori il diabete sarà la malattia di questo millennio, vista la portata della diffusione: 4 milioni gli Italiani colpiti, quasi 1 milione le persone che si stima abbiano il diabete non ancora diagnosticato, 6,5 milioni i connazionali a elevato rischio di contrarre la malattia per uno stile di vita non sano. Soprattutto nelle forme che si sviluppano in età avanzata a partire da cattive abitudini alimentari o di attività fisica, uno dei problemi fondamentali è quello di evitare le complicazioni più importanti della malattia, che sono quelle che maggiormente incidono sulla qualità della vita dei malati. In questo senso è importante la collaborazione tra medici di medicina generale e specialisti diabetologi. Ma secondo i primi risultati del "Progetto sulla gestione integrata del diabete", stiamo forse lavorando nella giusta direzione.

Il diabete o le forme di "pre-diabete" riguardano oggi 11,5 milioni di persone nel nostro Paese: il 20% della popolazione adulta e questa malattia rischia di mettere a dura prova il sistema sanitario nazionale. Per questo l'asse medico di famiglia-diabetologo deve funzionare. I primi risultati della fase sperimentale del progetto fanno però ben sperare: nel confronto tra 2009 e 2008, la collaborazione tra medico di medicina generale e diabetologo ha prodotto una riduzione del 21,3% dei ricoveri per diabete con scompenso metabolico. Ciò ha comportato un risparmio del  7,9% sulla spesa per questi ricoveri, pari a circa 800 mila euro in un anno.


 "Un'analisi più dettagliata ha messo in evidenza come siano diminuiti i ricoveri meno necessari”, ha spiegato Carlo B. Giorda, membro della Commissione regionale del Piemonte per la gestione integrata del diabete e Presidente dell'Associazione medici diabetologi (AMD). “La spiegazione più probabile del fenomeno è che grazie alla collaborazione istituzionalizzata le persone con diabete scompensato, ad esempio quelle con glicemia superiore a 300 mg/dl, vengono inviate direttamente al  Centro di diabetologia di riferimento, anziché al pronto soccorso."
 Un risultato ottimo, che è stato possibile solo grazie al sostegno delle istituzioni. "Il progetto promosso e sostenuto dalla Regione Piemonte dimostra, finalmente con dati, che l'interazione tra professionisti - in questo caso, medico di medicina generale e diabetologo - e l'amministrazione pubblica è la chiave di volta per migliorare concretamente l'assistenza e dare un contributo significativo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale," ha sottolineato Gerardo Medea, Responsabile dell'Area metabolica della Società Italiana di Medicina Generale.

30 novembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy