Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 AGOSTO 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Ucraina. Dall’inizio della guerra già colpite 31 strutture sanitarie. Unicef, Oms e Unfpa chiedono di fermare gli attacchi alla sanità


In 24 incidenti le strutture sanitarie sono state danneggiate o distrutte, mentre in cinque casi le ambulanze sono state danneggiate o distrutte. Questi attacchi hanno causato almeno 12 morti e 34 feriti. In Ucraina dall'inizio della guerra ci sono state più di 4.300 nascite e si prevede che 80.000 donne ucraine partoriranno nei prossimi tre mesi.
 

14 MAR - Fermare gli attacchi alle strutture sanitarie ucraine: questo l'appello contenuto in una dichiarazione congiunta del Direttore generale dell'UNICEF Catherine Russell, del Direttore generale dell'UNFPA Dr. Natalia Kanem e del Direttore generale dell'OMS Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus che riportiamo integralmente:
 
"Oggi, chiediamo la cessazione immediata di tutti gli attacchi all'assistenza sanitaria in Ucraina. Questi orribili attacchi stanno uccidendo e causando gravi ferite a pazienti e operatori sanitari, distruggendo infrastrutture sanitarie vitali e costringendo migliaia di persone a rinunciare all'accesso ai servizi sanitari nonostante le terribili necessità.
 
Attaccare i più vulnerabili - neonati, bambini, donne in gravidanza, coloro che già soffrono di malattie e disturbi e gli operatori sanitari che rischiano la propria vita per salvare vite umane - è un atto di crudeltà inconcepibile.
 
In Ucraina, dall'inizio della guerra, sono stati documentati 31 attacchi all'assistenza sanitaria attraverso il Sistema di sorveglianza degli attacchi all'assistenza sanitaria (SSA) dell'OMS . Secondo questi rapporti, in 24 incidenti le strutture sanitarie sono state danneggiate o distrutte, mentre in cinque casi le ambulanze sono state danneggiate o distrutte. Questi attacchi hanno causato almeno 12 morti e 34 feriti, e hanno colpito l'accesso e la disponibilità di servizi sanitari essenziali. L'OMS sta verificando ulteriori rapporti, poiché gli attacchi continuano ad essere segnalati nonostante gli appelli alla protezione dell'assistenza sanitaria.
 
Gli attacchi all'assistenza sanitaria e agli operatori sanitari hanno un impatto diretto sulla capacità delle persone di accedere ai servizi sanitari essenziali - specialmente donne, bambini e altri gruppi vulnerabili. Abbiamo già visto che i bisogni di assistenza sanitaria delle donne in gravidanza, delle neomamme, dei bambini più piccoli e degli anziani all'interno dell'Ucraina stanno aumentando, mentre l'accesso ai servizi è fortemente limitato dalla violenza.
 
Per esempio, in Ucraina, dall'inizio della guerra, ci sono state più di 4.300 nascite e si prevede che 80.000 donne ucraine partoriranno nei prossimi tre mesi. L'ossigeno e le forniture mediche, anche per la gestione delle complicazioni della gravidanza, si stanno esaurendo pericolosamente.
Il sistema sanitario in Ucraina è chiaramente sotto pressione, e il suo collasso sarebbe una catastrofe. Ogni sforzo deve essere fatto per evitare che questo accada. Il diritto internazionale umanitario e i diritti umani devono essere rispettati, e la protezione dei civili deve essere la nostra massima priorità.
 
I partner umanitari e gli operatori sanitari devono essere in grado di mantenere e rafforzare in sicurezza la fornitura di servizi sanitari essenziali, compresa la vaccinazione contro il COVID-19 e la polio, e la fornitura di medicinali salvavita per i civili in tutta l'Ucraina e per i rifugiati che attraversano i paesi vicini. I servizi sanitari dovrebbero essere sistematicamente disponibili ai valichi di frontiera, comprese le procedure di assistenza rapida e di rinvio per i bambini e le donne in gravidanza.
 
È fondamentale che gli attori umanitari abbiano un accesso sicuro e senza impedimenti per raggiungere TUTTI i civili in difficoltà, ovunque essi siano. L'UNICEF, l'UNFPA e l'OMS stanno lavorando con i partner per aumentare i servizi salvavita e il sostegno per soddisfare i bisogni sanitari urgenti.
 
Dobbiamo essere in grado di consegnare in sicurezza le forniture mediche di emergenza - comprese quelle necessarie per le cure ostetriche e neonatali - ai centri sanitari, alle strutture temporanee e ai rifugi sotterranei.
L'assistenza e i servizi sanitari devono essere protetti da tutti gli atti di violenza e gli ostacoli. Nel mezzo della pandemia da COVID-19 in corso, che ha già messo a dura prova i sistemi sanitari e gli operatori sanitari, tali attacchi hanno il potenziale di essere ancora più devastanti per la popolazione civile.
 
Per il bene degli operatori sanitari, e per tutte le persone in Ucraina che hanno bisogno di accedere ai servizi salvavita che forniscono, gli attacchi a tutta l'assistenza sanitaria e alle altre infrastrutture civili devono cessare.
Infine, chiediamo un cessate il fuoco immediato, che includa l'accesso senza ostacoli in modo che le persone in difficoltà possano usufruire dell'assistenza umanitaria. Una risoluzione pacifica per porre fine alla guerra in Ucraina è possibile".

14 marzo 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy