Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 AGOSTO 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Ucraina. Ecco cosa sta facendo l’Oms per gestire l’emergenza sanitaria dopo l’invasione russa. Intervista a Jarno Habicht che guida la rappresentanza dell’Oms nel Paese


“Nell'ultima settimana ci siamo rifocalizzati e risettati per rispondere alle enormi sfide sanitarie che il Paese deve ora affrontare. Solo tre settimane fa sognavamo di poter ancora svolgere parte del nostro lavoro di sviluppo, ma ora bisogna fare i conti con l'enorme portata della crisi umanitaria. In questo momento, dobbiamo concentrarci sulla risposta umanitaria, ma anche iniziare a pensare alla fase di ripresa, non sapendo se questa guerra finirà nel prossimo futuro o se durerà a lungo”.

21 MAR - Jarno Habicht ha lavorato con l'OMS negli ultimi 19 anni e ha servito come rappresentante dell'OMS in Ucraina dal 2018. In questa intervista pubblicata sul sito dell’Oms Europa, che abbiamo deciso di pubblicare integralmente, Habicht risponde alle domande sulla preparazione dell'OMS ai conflitti armati nel paese e sulla risposta umanitaria con particolare riferimento alla salute
 
Dottor Habicht qual è stata la sua esperienza in Ucraina prima dell'inizio dell'attuale offensiva militare russa?
L'Ucraina è stato il paese più dinamico in cui lavorare dal punto di vista sanitario. Dal 2014, 3,4 milioni di persone nella regione del Donbas, nel sud-est dell'Ucraina, hanno avuto bisogno di assistenza umanitaria in ambito sanitario. Inoltre, quando ho iniziato a lavorare qui, l'epidemia di morbillo nel paese era la seconda più grande al mondo. E, naturalmente, abbiamo dovuto affrontare il COVID-19 dal 2020, quindi ho lavorato a stretto contatto con il governo per sviluppare un piano nazionale di preparazione e risposta strategica al COVID-19 e naturalmente sono stato impegnato nelle nostre attività di risposta alla pandemia in tutto il paese. Poi, alla fine dell'anno scorso, è stato rilevato un focolaio di poliomielite, quindi abbiamo iniziato a lavorare, insieme al Ministero della Salute e ai partner, per vaccinare tutti i bambini di età compresa tra 6 mesi e 6 anni. Dal 2016, L'Ucraina è stata impegnata in un processo di riforma della sanità e, nonostante tutte queste emergenze sanitarie in corso, le riforme del governo volte alla copertura sanitaria universale non si sono fermate. Sono state create nuove istituzioni e applicate nuove pratiche. Tutto sommato, come professionista della salute pubblica, è stato molto impegnativo, ma molto gratificante, lavorare in Ucraina in tutti questi anni.
 
Da quanto tempo l'OMS si sta preparando per la possibile escalation del conflitto in Ucraina?
In Ucraina, abbiamo sempre lavorato sulla preparazione alle emergenze, ma è da ottobre/novembre dell’anno scorso che le nostre iniziative sono entrate in una fase più attiva. Ciò includeva le visite ai territori nella parte orientale dell'Ucraina, il rifornimento dei nostri magazzini e la consegna di materiali sanitari a ospedali selezionati e il coinvolgimento di colleghi dell'ufficio regionale e della sede centrale per valutare le nostre operazioni. A dicembre, abbiamo anche istituito le nostre squadre mediche di emergenza, informato le autorità e tradotto in ucraino le linee guida e i materiali dell'OMS incentrati sui conflitti armati.
All'inizio di quest'anno, abbiamo anche preposizionato forniture per traumi - materiali salvavita essenziali e trattamenti per le lesioni - nei nostri magazzini e ospedali, e il dottor Hans Kluge, il direttore regionale dell'OMS, ha fatto una visita speciale nel paese per discutere di cosa sarebbe stato necessario fare dal punto di vista della salute di fronte all'escalation della violenza.
 
Come si è sentito quando è iniziata l'offensiva militare russa?
Alla fine di febbraio, quando è iniziata l'offensiva militare, era periodo di vacanze scolastiche, quindi le persone forse si sentivano più rilassate del solito, con il risultato che l’attacco fu ancora più scioccante. Avevamo appena firmato un accordo biennale di collaborazione tra l'OMS e le autorità sanitarie nazionali a gennaio per portare ulteriormente avanti l'agenda sanitaria comune, quindi non vedevamo l'ora di avviare tutti quei cambiamenti positivi che avevamo immaginato e programmato. Avremmo anche dovuto tenere una conferenza nazionale alla fine di marzo sulle riforme ospedaliere, sostenuta dall'OMS e dalla Banca mondiale e ci stavamo preparando a celebrare la Giornata mondiale della salute il 7 aprile. Tutte queste iniziative hanno dovuto essere sospese. Le ultime settimane hanno comportato l'apprendimento, la riflessione e il venire a patti con la situazione, nonostante ci stessimo preparando alle ostilità da molto tempo,
 
Come si è adattato l'Ufficio nazionale dell'OMS in risposta alla guerra?
Abbiamo un team molto agile e dinamico: lavoriamo ovunque ci troviamo. Alcuni colleghi si sono trasferiti; altri sono stati temporaneamente evacuati; altri ancora sono arrivati ora in Ucraina. Una cosa che abbiamo imparato dall'emergenza COVID-19 è che, ovunque tu sia, sei virtualmente connesso ai colleghi. Abbiamo incontri online giornalieri che coinvolgono il personale in oltre 20 paesi. Abbiamo anche più di 60 colleghi in Ucraina, alcuni a Kiev, altri altrove.
 
Cosa è stata in grado di fare l'OMS per sostenere la risposta sanitaria in Ucraina?
Sono molto orgoglioso del fatto che, grazie alla nostra esperienza e spirito di squadra, siamo una delle agenzie delle Nazioni Unite che è stata in grado di consegnare merci a Kiev e in altre città. Inoltre, in tutti i miei 19 anni di esperienza con l'OMS, devo dire che non ho mai visto agire i 3 livelli dell'OMS – quartier generale, Ufficio regionale e Ufficio nazionale –così all’unisono. Stiamo trovando soluzioni e stiamo davvero mettendo insieme i nostri cervelli e le persone migliori per rispondere. È così che abbiamo ricevuto forniture mediche da Dubai alla Polonia, dalla Polonia all'Ucraina e dall'Ucraina ai singoli ospedali in tutto il paese. Il nostro ufficio nazionale dell'OMS è solo una piccola squadra, ma siamo in grado di mobilitare migliaia di persone in tutta l'organizzazione per supportare l'Ucraina.
 
Come descriverebbe l'attuale situazione sanitaria e umanitaria nel Paese?
Sta cambiando ogni giorno. In meno di un mese, oltre 3 milioni di persone hanno lasciato il Paese e quasi 2 milioni sono sfollati. Ciò è avvenuto più velocemente che in qualsiasi precedente crisi europea. Non esiste un posto sicuro in Ucraina in questo momento, ma dobbiamo garantire che i servizi sanitari siano disponibili.
Nel frattempo, l'offensiva militare continua, con un certo numero di città completamente isolate: le persone stanno finendo il cibo e l'acqua e gli ospedali potrebbero non avere elettricità. Peggio ancora, abbiamo assistito a molti attacchi agli operatori sanitari e alle strutture sanitarie, nonché ai pazienti. Questo accade quotidianamente ed è inaccettabile. Quindi, se mi chiedi come descrivere la situazione ti dico che, ogni giorno le cose peggiorano, il che significa che ogni giorno la risposta sanitaria diventa più difficile.
 
Come sta affrontando la situazione lei e il suo staff?
Personalmente, tendo a lavorare. È anche importante dormire: fortunatamente per me, più sono stressato, meglio dormo! Onestamente, però, è difficile, soprattutto perché tutto ciò che possiedo è a Kiev: i miei vestiti, il mio appartamento. Affrontare tutto questo è difficile e tutti noi avremo storie da raccontare ma in un secondo momento.
Nell'ultima settimana ci siamo rifocalizzati e risettati per rispondere alle enormi sfide sanitarie che il Paese deve ora affrontare. Solo tre settimane fa sognavamo di poter ancora svolgere parte del nostro lavoro di sviluppo, ma ora bisogna fare i conti con l'enorme portata della crisi umanitaria. In questo momento, dobbiamo concentrarci sulla risposta umanitaria, ma anche iniziare a pensare alla fase di ripresa, non sapendo se questa guerra finirà nel prossimo futuro o se durerà a lungo.
 
Fonte: Oms Europa
Traduzione a cura della redazione di Quotidiano Sanità

21 marzo 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy