Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 MAGGIO 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Nel Regno Unito arriva il divieto di fumo per i nati dal 1° gennaio 2009


Primo ok alla legge sul tabacco e i vaporizzatori che mira a impedire che i ragazzi nati dal 2009 possano acquistare legalmente tabacco. Sunak ha affermato che affronterà "la più grande causa interamente prevenibile di malattia, disabilità e morte". Ma si registra anche la contrarietà di alcuni membri del partito conservatore al governo, tra cui gli ex primi ministri Liz Truss e Boris Johnson, per i quali lo Stato non dovrebbe interferire nel modo in cui le persone vivono la propria vita.

17 APR -

Il piano del primo ministro britannico Rishi Sunak di vietare l'acquisto di sigarette ai nati dal 2009 ha superato il suo primo voto parlamentare martedì, anche se dozzine dei suoi stessi parlamentari hanno votato contro.

Il piano di Sunak di imporre alcune delle regole antifumo più severe al mondo ha riscontrato la contrarietà di alcuni membri del partito conservatore al governo, tra cui gli ex primi ministri Liz Truss e Boris Johnson, peri quali lo Stato non dovrebbe interferire nel modo in cui le persone vivono la propria vita.

La legge sul tabacco e i vaporizzatori mira a impedire che i ragazzi nati dal 2009 possano acquistare legalmente tabacco, piuttosto che criminalizzare l’abitudine. Sunak ha affermato che affronterà "la più grande causa interamente prevenibile di malattia, disabilità e morte". Secondo le stime dell’Office for National Statistics, nel Regno Unito nel 2022 circa 6,4 milioni di persone erano fumatori, circa il 13% della popolazione adulta. Un dato molto più basso rispetto ad altri paesi europei come Italia, Germania e Francia, dove tra il 18% e il 23% degli adulti fuma, secondo i dati Ocse.

Attorno al divieto di fumo si registra un deciso sostegno non solo da parte di medici e sanitari, per i quali questa abitudine causa 80.000 morti ogni anno oltre a molte altre malattie, ma anche della popolazione generale. Un sondaggio di YouGov suggerisce che un terzo degli elettori sostiene un approccio graduale al divieto, il 30% sostiene un divieto per tutti allo stesso tempo e solo un quarto sostiene che non dovrebbe esserci alcun divieto di fumo.


“Il fumo è la prima causa prevenibile di disabilità, malattia e morte” nel Regno Unito. “Essendo le ragioni contro questi prodotti dannosi sono così forti, non sorprende che la maggioranza dei britannici – compresi coloro che fumano e coloro che vendono tabacco – sostengano il piano per proteggere la prossima generazione dal fumo. Il nostro piano salverà vite umane, allevierà la pressione sul nostro sistema sanitario nazionale e garantirà un futuro migliore ai nostri figli”. Così il ministro della Sanità Pubblica del Regno Unito, Andrea Leadsom, ha commentato il primo via libera del Parlamento alla legge contro il fumo tra i nati dopo il 1° gennaio 2009.

“La verità – ha evidenziato Victoria Atkins, segretaria di Stato per la salute e l'assistenza sociale - è che non esiste un livello sicuro di consumo di tabacco”. Per Atkins, “sebbene lo svapo possa svolgere un ruolo utile nell’aiutare i fumatori adulti a smettere, i non fumatori e i bambini non dovrebbero mai iniziare ad utilizzare questi prodotti. Gli impatti a lungo termine dello svapo sulla salute sono ancora sconosciuti e la nicotina contenuta al suo interno può creare una forte dipendenza”.



17 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy