Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 FEBBRAIO 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Si va verso proroga obbligo di mascherina al chiuso per trasporti, cinema, teatri e luoghi a rischio come ospedali e Rsa

di Giovanni Rodriquez

Non dovrà essere invece indossata nei bar, ristoranti, negozi e sul luogo di lavoro (salvo assembramenti). Il sottosegretario alla Salute Costa: "Credo che sia giunto il momento di dare fiducia agli italiani e di affidarsi al loro buon senso per quelle situazioni a maggior rischio passando dall'obbligo ad una raccomandazione per la mascherina al chiuso ad eccezione di alcuni luoghi, in modo da arrivare a un'estate senza restrizioni".

27 APR -

Restano ormai 72 ore per ufficializzare una decisione sull'obbligo di mascherine al chiuso. In mancanza di una scelta da parte del governo, dal 1° maggio verrebbe infatti meno ogni obbligo di mascherina secondo il timing fissato dal decreto riaperture. Una possibilità al momento più che remota.

Al momento, al ministero della Salute si sarebbe propensi a prolungare l'uso obbligatorio delle mascherine al chiuso in tutti quei luoghi più affollati e a rischio contagio. Quanto alla modalità, dovrebbe essere presentato un emendamento al decreto riaperture. Dal momento però che la conversione in legge arriverà certamente dopo il termine ultimo del 1° maggio, la via individuata dovrebbe essere quella di un'ordinanza ponte del ministero della Salute che andrebbe a prorogare in alcuni ambiti l'obbligo di mascherina in attesa dell'approvazione del decreto.

Ma dove si dovranno continuare ad indossare le mascherine? A spiegarlo a Quotidiano Sanità è stato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa: "Credo si continuerà a mantenere l'obbligo al chiuso riservandolo però solo ad alcune situazioni più a rischio trasporti pubblici, cinema, teatri e luoghi dove c'è un affollamento maggiore. In questi contesti è ragionevole pensare a una proroga di un mese dell'obbligo". Ovviamente la mascherina si manterrebbe anche in quei luoghi dove resterà in vigore per tutto il 2022 l'obbligo di vaccinazione per il personale sanitario, come ospedali e Rsa.

Per tutto il resto invece, conferma Costa, "si potrà passare a una raccomandazione". Verrebbe quindi meno l'uso della mascherina nei bar, ristoranti così come all'interno degli esercizi commerciali. "Si tratterebbe in sostanza di lanciare un messaggio di fiducia nei confronti degli italiani e di affidarsi al loro buon senso per quelle situazioni a maggior rischio. Questo - aggiunge Costa - lo vediamo già oggi anche all’aperto: nonostante non vi sia più alcun obbligo in vigore molte persone continuano a utilizzare le mascherine soprattutto nelle situazioni più affollate”.

Resta ancora incerto cosa verrà deciso per i luoghi di lavoro pubblico. L'auspicio del sottosegretario è che, anche in questo caso, "si possa arrivare a una raccomandazione e affidarci a un senso di responsabilità dei cittadini". Resta però sul tavolo l'opzione di un prolungamento dell'obbligo. Questo potrebbe riguardare l'utilizzo anche della semplice mascherina chirurgica.

L'obiettivo è quello di traghettare la popolazione verso una prossima fine di ogni restrizione. "Ragioniamo per arrivare a un'estate senza restrizioni", conclude Costa.

Giovanni Rodriquez



27 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy