Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 30 SETTEMBRE 2023
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Pnrr. Le maggiori criticità su Case e Ospedali di Comunità e adeguamento antisismico. In ballo oltre 4 mld di euro. E anche sui target del 2023 la strada è tutta in salita. La Relazione di Fitto

di Giovanni Rodriquez

Questi tre obiettivi sono giudicati dal Governo come “elementi di debolezza” a causa anche dell'aumento dei costi. Il Ministero delle Salute segnala poi ritardi su quattro dei sette adempimenti che dovevano essere già soddisfatti entro lo scorso 31 marzo. E sugli otto adempimenti con scadenza giugno, ad oggi ne risulta portato a termine solo uno. IL RAPPORTO

09 GIU -

Nella relazione inviata al Parlamento dal ministro per gli Affari europei Raffaele Fitto sullo stato di attuazione del Pnrr, relativa al terzo semestre, per il ministero della Salute emergono due "elementi di debolezza" in tre aree della Missione 6. E non sono obiettivi di poco conto.

Queste riguardano il territorio per l'investimento 1.1 "Case di comunità (Cdc) e presa in carico della persona" (vale 2 mld di euro), l'investimento 1.3 "Rafforzamento dell'assistenza sanitaria intermedia e delle sue sue strutture (ospedali di comunità)" (vale 1 mld di euro) e l'investimento 1.2 "Verso un ospedale sicuro e sostenibile" (riguarda l'adeguamento antisismico e vale 1,6 mld). Questi tre gli ambiti sono caratterizzati da criticità riguardanti due voci: "Eventi e circostanze oggettive: aumento costi e/o scarsità di materiali" ed "Eventi e circostanze oggettive: squilibrio offerta/domanda. Insomma parliamo di investimenti per circa 4,6 mld circa un terzo della Mission 6 Salute finanziata con i soldi europei.


Quanto alla formazione in ambito sanitario, nella relazione si ricorda che "è previsto entro il primo semestre del 2023 l’aumento del numero di borse di studio in medicina generale, con l’assegnazione di 1.800 borse, garantendo il completamento di due cicli di apprendimento triennali (M6C2-14)113. In totale, entro giugno 2024 (M6C2-15), è prevista l’assegnazione di ulteriori 900 borse per un totale di 2.700 assegnazioni aggiuntive, che garantiscono il terzo ciclo di apprendimento triennale. Le attività del triennio formativo 2021-2024 sono iniziate a maggio 2022, dopo che il Ministro della Salute aveva ripartito tra le regioni le risorse per finanziare le prime 900 borse di studio per i medici di medicina generale".

"Per il triennio formativo 2022-2025 - prosegue - a settembre 2022 è stato adottato il decreto del Ministro della Salute che ripartisce alle Regioni le risorse per finanziare le ulteriori 900 borse di studio. Il decreto di riparto è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 298 del 22 dicembre 2022. Il concorso nazionale per l'accesso ai corsi di formazione specifica in medicina generale relativi al triennio 2022-2025 si è svolto entro i termini previsti. L’assegnazione di queste ulteriori 900 borse di studio completerà il target".

Oltre alla formazione, il ministero della Salute segnala sul proprio sito alcuni ritardi su quattro dei sette adempimenti che dovevano essere soddisfatti entro lo scorso 31 marzo. Questi riguardano:
- "Nuovi pazienti che ricevono assistenza domiciliare (prima parte)": il numero aggiuntivo di persone over 65 anni da trattare in assistenza domiciliare per raggiungere l'obiettivo di prendere in carico il 10% della popolazione con più di 65 anni entro il 2026. L'assistenza domiciliare integrata è un servizio per persone di tutte le età con una o più malattie croniche o una condizione clinica terminale che richiede un'assistenza sanitaria professionale continua e altamente specializzata.

- "Assegnazione codici CIG/provvedimento di convenzione per la realizzazione delle Centrali Operative Territoriali": quindi l'assegnazione del Codice CIG (codice identificativo di gara), un codice alfanumerico generato dall'Anac.

- "Assegnazione codici CIG/provvedimento di convenzione per l'interconnessione aziendale": assegnazione del Codice CIG (codice identificativo di gara), un codice alfanumerico generato dall'Anac.

- "Assegnazione di un codice CIG/provvedimento di convenzione per il progetto pilota che fornisca strumenti di intelligenza artificiale a supporto dell'assistenza primaria": assegnazione del Codice CIG (codice identificativo di gara), un codice alfanumerico generato dall'Anac.

Quanto poi agli otto obiettivi da portare a termine entro giugno 2023, attualmente risulta già raggiunto solo quello in tema di "Assegnazione di almeno 400 codici CIG/provvedimento di convenzione per la realizzazione degli Ospedali di Comunità".

Quelli ancora da portare a termine entro giugno sono invece i 7 seguenti:
- "Assegnazione dei codici CIG o convenzioni per la realizzazione delle Case della Comunità di almeno un CIG per ogni CUP": assegnazione del Codice CIG (codice identificativo di gara), un codice alfanumerico generato dall'ANAC. Le nuove costruzioni devono essere conformi ai pertinenti requisiti di cui all'allegato VI, nota 5, del regolamento (UE) 2021/241.

- "Stipula contratto per gli strumenti di intelligenza artificiale a supporto dell'assistenza primaria": stipula dell'obbligazione giuridicamente vincolante.

- "Stipula contratti per l'interconnessione aziendale": stipula dell'obbligazione giuridicamente vincolante.

- "Stipula dei contratti per la realizzazione delle Centrali Operative Territoriali": stipula dell'obbligazione giuridicamente vincolante. Il punto cruciale di questo intervento è l'entrata in funzione di almeno 600 Centrali operative (una ogni 100.000 abitanti) con la funzione di collegare e coordinare i servizi domiciliare con vari servizi territoriali, sociosanitari e ospedalieri e con la rete di emergenza, al fine di garantire la continuità, l'accessibilità e l'integrazione delle cure.

- "Reingegnerizzazione del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS) a livello locale - Completamento del patrimonio informativo (servizi applicativi) - Numero di nuovi flussi informativi nazionali adottati da tutte le 21 Regioni: riabilitazione territoriale, consultori familiari": è prevista l'adozione da parte di tutte le Regioni dei 2 nuovi flussi informativi nazionali: (1) riabilitazione territoriale e (2) consultori familiari.

- "Assegnazione di 1.800 borse di studio per la formazione specifica in medicina generale": questo investimento deve essere volto all'incremento del numero di borse di studio in medicina generale, garantendo il completamento di tre cicli di apprendimento triennali.

- "Completamento della procedura di iscrizione ai corsi di formazione manageriale": questo investimento mira ad attivare un percorso formativo per il personale con ruoli apicali all'interno degli Enti del Ssn per permettere loro di acquisire le competenze e le capacità manageriali e digitali necessarie per affrontare le sfide sanitarie attuali e future in un'ottica integrata, sostenibile, innovativa, flessibile e orientata al risultato.

A tutti questi si aggiungono, infine, altri cinque obiettivi da poter però raggiungere in un lasso di tempo più lungo, ovvero entro dicembre 2023.

Giovanni Rodriquez



09 giugno 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy