Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 12 DICEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Arriva lo sblocco per il tetto di spesa per il personale. Accordo tra Ministero Salute, Mef, Pa e Regioni. Grillo esulta: “Ora assunzioni medici e operatori per assicurare futuro a Ssn”

Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. La norma varrà per tutte le Regioni. Sul punto i Ministeri e gli Enti locali hanno trovato la quadra. Grillo: “Trovato un punto di equilibrio per avviare un cambio di rotta”. Toti (Regioni): “Un passo avanti che consente alle Regioni di modulare le proprie esigenze”. IL TESTO DELL’EMENDAMENTO

21 MAR - “A decorrere dal 2019, la spesa per il personale degli Enti del Ssn di ciascuna Regione non può superare il valore della spesa sostenuta nel 2018. Inoltre la spesa potrà essere incrementata per un importo pari al 5% dell’incremento del Fondo sanitario rispetto all’esercizio precedente. Questo importo include le risorse per il trattamento accessorio del personale. Dal 2021 l’incremento di spesa del 5% sarà subordinato all’adozione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno del Ssn. Previsto anche, previo accordo con il Mef e Salute l’incremento di spesa per i servizi esternalizzati”. È questa la natura di un emendamento (che sarà inserito nel primo dispositivo normativo possibile) concordato tra i Ministeri di Salute, Economia, Pa e le Regioni per lo sblocco del tetto di spesa per il personale sanitario (che ad oggi impone alle Regioni di rispettare i valori di spesa del 2004 ridotto dell’1,4%). La misura varrà per tutte le Regioni.
 
Grande soddisfazione del Ministro della Salute Giulia Grillo che sullo sblocco del tetto di spesa si è fortemente battuta in questi mesi.  “In questi giorni – ha scritto il Ministro su facebook -  ho portato avanti il mio impegno per superare l'anacronistico blocco delle assunzioni nella Sanità imposto dal 2009 a tutto il Ssn”.

 
“Ieri al Ministero della Salute – ha aggiunto -  abbiamo trovato un punto di equilibrio con Regioni, Ragioneria dello Stato-Mef e Funzione pubblica per avviare un cambio di rotta ormai non più rinviabile per assicurare i servizi sanitari su tutto il territorio nazionale. In un clima di grande collaborazione è stata prodotta una norma che oggi sarà portata all'attenzione dei Presidenti delle Regioni. Auspico una piena condivisione perché tutto il Paese ha bisogno di avviare nuove assunzioni di medici e operatori per assicurare futuro al nostro Ssn”.
 
 



 
“Un passo avanti che consente alle Regioni di modulare le proprie esigenze in modo più flessibile – ha detto il presidente della Liguria e vicepresidente delle Regioni, Giovanni Toti -. Era un punto da molto tempo inchiodato per un’opposizione molto rigida del Mef e oggi abbiamo fatto un passo avanti”.
 
 
L.F.

21 marzo 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy