Quotidiano on line
di informazione sanitaria
23 FEBBRAIO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

“Geolocalizzazione e autista soccorritore. Così cambieremo il 118”. Ecco la proposta di riforma del Movimento 5 Stelle

Il disegno di legge, a prima firma Rino Marinello, è stato presentato oggi nel corso di una conferenza organizzata al Senato. Marinello: "Ho lavorato 30 anni nella sanità e appena sono arrivato in Senato sono voluto intervenire su due aspetti per me fondamentali: l'autista soccorritore e l'istituzione dell'infermiere famiglia. Il primo ha un ruolo fondamentale anche e soprattutto per omogeneizzare su tutto il territorio nazionale il servizio di emergenza". IL TESTO

14 NOV - Un sistema di geocalizzazione, l’inquadramento di chi lavora nel sistema urgenza-emergenza del 118 e il riconoscimento della figura dell’autista soccorritore. È questa la ricetta delineata oggi durante la conferenza "Ripensare il sistema 118. Dal M5S una proposta di riforma dell'emergenza" organizzata da Maria Domenica Castellone, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, e Rino Marinello, del M5S, primo firmatario del ddl che istituisce la figura dell'autista soccorritore, in Sala Caduti di Nassirya, a Palazzo Madama, insieme al presidente Sis 118 Mario Balzanelli, a Nicola Draoli, del Comitato centrale Fnopi, Carlo Spirito, membro del Dipartimento Nazionale Sanità di Federconsumatori e Olivier Compte, il papà di Simon Gautier, il giovane francese caduto in un dirupo durante un'escursione in Cilento e ritrovato senza vita giorni dopo. 
 
"La testimonianza di Olivier Compte - ha detto Castellone - ci fa capire quanto sia importante pensare a un riordino del sistema operativo di soccorso 118, che rappresenta spesso la via di primo accesso al Ssn. Com'è possibile nell'era delle blockchain e di tecnologie avanzatissime non riuscire a trovare un corpo se non prima di dieci giorni? Per questo ho presentato una mozione con l'obiettivo di far diventare l'organizzazione del servizio 118 uniforme su tutto il territorio nazionale e prevedere l'articolazione in dipartimenti con centrali operative all'avanguardia, soprattutto per i sistemi di geolocalizzazione. E' necessario poi armonizzare il ruolo dei volontari con quello del personale strutturato e istituire la figura di autista soccorritore".

 
Su questo, le ha fatto eco Marinello, "ho presentato un ddl. Ho lavorato 30 anni nella sanità e appena sono arrivato in Senato sono voluto intervenire su due aspetti per me fondamentali: l'autista soccorritore e l'istituzione dell'infermiere famiglia. Il primo ha un ruolo fondamentale anche e soprattutto per omogeneizzare su tutto il territorio nazionale il servizio di emergenza. Abbiamo già sentito i volontari, il disegno di legge è emendabile e faremo molte audizioni per migliorarlo, ma la formazione deve restare un cardine. Guidare un'ambulanza non è solo l'atto della guida, l'autista deve saper interloquire con la centrale operativa e saper collaborare con il medico e l'infermiere. Propongo un registro a cui chi fa un corso si potrà iscrivere e quando servirà assumere degli autisti sarà obbligatorio prenderlo da quel registro".  

14 novembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy