Quotidiano on line
di informazione sanitaria
04 DICEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Non di solo vaccino vive la Sanità, ma soprattutto di professionalità e passione

di Ciro Isidoro

22 AGO -

Gentile Direttore,
i ricoveri nelle terapie subintensive e intensive e i decessi provocati dalla pandemia COVID-19 da marzo 2020 a oggi hanno fortemente provato la tenuta del nostro sistema sanitario, ma soprattutto hanno messo a dura prova la tenuta fisica e psichica dei medici e più in generale di tutti gli operatori della sanità.

I vaccini anti-COVID-19, già disponibili a dicembre 2020 e resi obbligatori per i medici (e i sanitari tutti) da marzo 2021, hanno rappresentato una prima soluzione tampone (nel senso di aver attenuato la gravità della malattia e limitato il numero dei pazienti che necessitano ricoveri), e tuttavia non hanno risolto definitivamente il problema.

Molti medici (e sanitari) dubitando dell’efficacia e della sicurezza di questi vaccini a mRNA hanno rifiutato la vaccinazione.  Questi medici sono stati etichettati in modo denigratorio “no-vax”, e sono stati sospesi dall’esercizio professionale senza stipendio (come previsto dalla legge).

E così abbiamo assistito e stiamo assistendo a qualcosa di surreale, e anche di poco edificante. In pratica, medici (e altri professionisti della salute) che per tutto il 2020 hanno lavorato fianco a fianco fino allo sfinimento per curare i pazienti ammalati di COVID-19 improvvisamente dal marzo 2021 sono divisi in SI-vax (i vaccinati) e in NO-vax (i non vaccinati, quale che ne sia la motivazione). Insomma, il virus li aveva uniti e il vaccino li ha divisi. Ma “a chi giova questa divisione?” Provo a rispondere con una domanda: forse ai politici che devono trovare il capro espiatorio di tutti i disastri fatti nella sanità pubblica e che la gestione della pandemia ha evidenziato in tutte le sue criticità?

E i pazienti? Già, i pazienti… ci sono anche loro, che non capiscono ma subiscono (si veda Ester Maragò).

E quale è stata la soluzione adottata dalla politica per far fronte a queste criticità? Ancora una volta una soluzione transitoria (ormai, si parla solo di “transizione” e non di “soluzione”): rivolgersi alle cooperative di colleghi in pensione che offrono servizi a caro prezzo.

Domandarsi perché la sanità tutta è allo sbando e quale dovrebbe essere e quale potrà essere il futuro della professione medica è un tabù da no-vax?

I motivi del disamore alla professione e dell’impossibilità di esercitarla come vorremmo noi e come ce lo chiedono i nostri pazienti sono stati ben illustrati dal Prof. Ivan Cavicchi su questo giornale e riassunti da Ornella Mancin. E la soluzione non è dividere i medici in pro- e anti-vax. Dobbiamo tornare a lavorare insieme per il bene del paziente, come prima del vaccino.

Sfide ben più grandi ci attendono: l’impatto della tecnologia e della digitalizzazione, il ruolo dell’insegnamento universitario e del tutoraggio professionale, le diverse mansioni e la collaborazione tra i professionisti della sanità, la formazione specialistica post-laurea, e molto altro. E solo insieme potremo affrontarle, avendo ben presenti tutte le implicazioni e per non subirne le possibili distorsioni.

E in questo l’ordine dei medici assume un ruolo importante nel governare la “transizione” alla nuova professione, impedendo di disperdere il patrimonio culturale e umano del “vecchio” medico. Perché non di solo vaccino vive la sanità, bensì e soprattutto di capacità professionale e di passione e amore per il paziente.

Ciro Isidoro

Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia, Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara

 



22 agosto 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy