Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 04 MARZO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Specializzandi nei centri di raccolta sangue. Il regolamento non convince l’Avis 

di Gianpietro Briola 

28 NOV - Gentile Direttore,
nei giorni scorsi è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un regolamento che disciplina l’attività trasfusionale, da parte dei laureati in medicina e chirurgia, negli enti e nelle associazioni che svolgono attività di raccolta sangue ed emoderivati senza scopo di lucro.

Si tratta di un provvedimento che abbiamo accolto inizialmente con favore, percependo la sensibilità delle istituzioni verso le criticità del nostro sistema sanitario e la necessità di rafforzare il sistema della raccolta di sangue e plasma, elementi sempre più strategici per il nostro Paese.
Il documento in questione, tuttavia, lascia più interrogativi di quelli a cui risponde, rischiando di frustrare tutti quei risultati che, negli ultimi anni, avevano portato a contrastare in modo efficace la carenza di personale sanitario nei centri di raccolta.

Il nuovo decreto, infatti, pone un interrogativo sulle attività che gli specializzandi portavano avanti sulla base di apposite convenzioni tra università e associazioni, rischiando di mettere in pericolo le attività di raccolta di molte Regioni che, proprio tramite il ricorso agli specializzandi, riuscivano a garantire l’autosufficienza di plasma.

Da maggio, infatti, per gli specializzandi era possibile prestare la propria collaborazione volontaria e occasionale, con contratto libero-professionale, agli enti e alle associazioni che, senza scopo di lucro, svolgono attività di raccolta di sangue ed emocomponenti. Tale attività veniva permessa nell’attesa di un regolamento che, oggi, sembra ribadire esattamente il contrario di quanto avrebbe dovuto disciplinare.

Il passo indietro non riguarda solo il merito, ma lo stesso metodo. Il Ministero, infatti, sembrerebbe aver scelto di non confrontarsi con nessuno all’interno del CIVIS e del CNS, lasciando completamente all’oscuro quelle stesse realtà che oggi si trovano a dover subire un cambio di indirizzo così importante, che rischia di bloccare i centri di raccolta e di arrestare la capacità del sistema sangue di raggiungere l’autosufficienza.

Nell’auspicio che il Ministero della Salute chiarisca al più presto i dubbi interpretativi sul decreto, modificando il provvedimento ove fosse necessario, come AVIS Nazionale non possiamo esimerci dal chiedere al Ministro Schillaci un momento di confronto con le associazioni che oggi reggono il sistema della raccolta di sangue e plasma e, con il Centro Nazionale Sangue, avviare una strategia comune verso l’autosufficienza, affinché criticità come questa non si debbano verificare in futuro.

Gianpietro Briola
Presidente AVIS Nazionale

28 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy