Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Anziani: isolamento sociale, fattore di rischio per la demenza. Può combatterlo la tecnologia


La tecnologia può aiutare gli anziani a uscire dall’isolamento sociale, acclarato fattore di rischio per la demenza. E’ quanto suggeriscono due studi USA che hanno osservato oltre 5 mila over 65 per nove anni. Mandare mail o messaggi dal cellulare può ridurre del 31% il rischio di andare incontro a isolamento sociale.

13 GEN - Due studi pubblicati sul Journal of the American Geriatric Society hanno evidenziato che l’isolamento sociale è un fattore di rischio sostanziale per la demenza tra gli over 65 e hanno identificato nella tecnologia una risorsa efficace per intervenire. I due studi, basati sui dati dal National Health and Aging Trends Study, sono stati condotti da ricercatori della Johns Hopkins Medicine e della Bloomberg School of Public Health di Baltimora.

Le due ricerche, in realtà, non stabiliscono un rapporto di causa-effetto diretto tra demenza ed isolamento sociale, definito come mancanza di contatti sociali e interazioni con le persone su base regolare. Secondo quanto dichiarato dagli stessi ricercatori, però, i lavori rafforzano l’evidenza che l’isolamento aumenta il rischio di demenza e suggeriscono che è sufficiente anche solo inviare email o messaggi per ridurre questo rischio.

Nel primo studio sono stati raccolti dati da 5.022 persone over 65 anni a cui è stato chiesto di completare un’intervista, ogni anno, di persona, per valutare la funzionalità cognitiva, lo stato di salute e il benessere complessivo. All’inizio dello studio, il 23% dei partecipanti era socialmente isolato e non mostrava segni di demenza. Alla fine del periodo di nove anni di studio, il 21% del campione totale aveva sviluppato demenza. E i ricercatori hanno concluso che il rischio di sviluppare demenza in nove anni era del 27% più alto tra chi faceva una vita socialmente isolata.

Il secondo studio ha dimostrato che si può intervenire per ridurre questo rischio, in particolare ricorrendo alle nuove tecnologie di comunicazione. Usando lo stesso database precedente, il team americano ha osservato che più del 70% delle persone dai 65 anni in su che non erano socialmente isolate all’inizio dello studio avevano un cellulare o un computer e usavano regolarmente email o messaggi per comunicare con altri. Nel periodo di quattro anni in cui è stata condotta la ricerca, l’accesso a queste tecnologie determinava una riduzione del 31% del rischio di andare incontro a isolamento sociale.

Fonti: Journal of the American Geriatric Society 2023-2022

13 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy