Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Covid. Via libera dell'Ema a vaccino aggiornato Novavax potrebbe slittare dopo metà ottobre


Se approvato diventerebbe il primo a base proteica ad essere disponibile nella versione adattata alle varianti più recenti di Sars-CoV-2, un'altra opzione accanto ai già autorizzati vaccini a mRna

10 OTT - C'è attesa per il via libera Ue al vaccino anti-Covid aggiornato di Novavax, che se approvato diventerebbe il primo a base proteica ad essere disponibile nella versione adattata alle varianti più recenti di Sars-CoV-2, un'altra opzione accanto ai già autorizzati vaccini a mRna. Ma potrebbe volerci più tempo del previsto, a quanto apprende l'Adnkronos Salute. Il vaccino in questione è fra i prodotti di cui si discute nei 4 giorni di meeting del Comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell'Agenzia europea del farmaco Ema, in corso fino a giovedì 12 ottobre, ma questa sessione potrebbe concludersi senza un responso definitivo sulla versione di Nuvaxovid adattata alla variante XBB.1.5 (Kraken). L'ok era atteso entro metà ottobre, come si prospettava anche nella circolare del ministero della Salute italiano sulla campagna vaccinale contro Covid-19 per l'autunno-inverno.

Che ottobre sia l'orizzonte temporale previsto da Ema lo aveva peraltro confermato anche il direttore esecutivo dell'ente regolatorio Ue, Emer Cooke, durante un briefing tenuto il 21 settembre insieme all'Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie). Il vaccino proteico adiuvato di Novavax è "in fase di valutazione al momento", aveva fatto il punto Cooke. "Abbiamo ricevuto la richiesta di autorizzazione per il monovalente mirato alla sottovariante Omicron XBB.1.5 e la valutazione è cominciata il 24 agosto". Il prodotto, aveva aggiunto, è "calendarizzato per la discussione nel Chmp a ottobre".

Così è in effetti, come conferma anche l'agenda del comitato pubblicata online. Ma potrebbe essere difficile che il via libera arrivi questa settimana, potrebbe volerci più tempo. A rallentare il percorso un insieme di elementi, questioni tecniche da definire e ulteriori dati richiesti. Sono questioni che potrebbero risolversi rapidamente, ma ad oggi non c'è certezza e quindi può esserci un rischio che l'ok slitti.

10 ottobre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy