Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Italia tra gli ultimi in Europa per il numero di infermieri


20 GEN -

Nel 2020 si sono registrati circa 3,9 milioni di infermieri attivi negli Stati membri dell'UE. Gli infermieri nella classificazione Eurostat includono singoli professionisti e infermieri associati.

- Gli infermieri si assumono la responsabilità della pianificazione e della gestione dell'assistenza ai pazienti, inclusa la supervisione di altri operatori sanitari, lavorando autonomamente o in team con medici e altri nell'applicazione di misure preventive e cure curative. In molti Stati membri dell'UE è sempre più consentito loro di esercitare in modo indipendente come professionisti. Ciò dipende tuttavia in una certa misura dalle loro qualifiche e dal livello di formazione, con una percentuale crescente di infermieri che seguono corsi universitari fino alla laurea.

- I professionisti associati forniscono assistenza infermieristica di base e assistenza personale a persone che soffrono degli effetti dell'invecchiamento, della malattia, di un infortunio o di altre menomazioni fisiche o mentali; possono anche fornire consulenza sanitaria ai pazienti e alle famiglie o monitorare le condizioni dei pazienti. Gli infermieri associati generalmente lavorano a supporto dell'attuazione dei piani di assistenza sanitaria, trattamento e riferimento stabiliti da medici, infermieri e altri professionisti sanitari e sotto la loro supervisione.

Il numero di infermieri

Il numero di infermieri può variare tra gli Stati europei in base alle differenze nei sistemi sanitari e al modo in cui gli infermieri sono classificati. Allo stesso modo, il numero di infermieri rispetto ad altro personale (come i medici) varia anche tra i diversi fornitori di assistenza sanitaria, ad esempio tra ospedali e strutture di assistenza infermieristica a lungo termine.

Nel 2020, la Germania aveva il numero più alto di infermieri attivi tra gli Stati membri dell'UE, con poco più di un milione; questo era notevolmente superiore al secondo numero più alto registrato in Francia (764.000 infermieri professionalmente attivi). A sua volta, il numero di infermieri in Francia è stato il doppio di quello registrato in Italia (373.000 tra dipendenti e liberi professionisti), mentre la Spagna (289.000; comprese le ostetriche) è stato l'unico altro Stato membro a segnalare più di 200.000 infermieri.

L'Irlanda aveva 1 617 infermieri ogni 100 000 abitanti, seguita a una certa distanza dalla Finlandia con 1 357 infermieri ogni 100 000 abitanti (dati 2018). Germania, Francia, Paesi Bassi, Belgio (dati 2018), Svezia (dati 2019), Austria, Slovenia e Danimarca (dati 2019) hanno tutti registrato più di 1 000 infermieri ogni 100 000 abitanti; questo è stato anche il caso del Lussemburgo (dove i dati più recenti disponibili erano per il 2017). In altre parole, vi erano 11 Stati membri dell'UE in cui almeno l'1,0 % della popolazione era costituita da infermieri.

Altrove, il numero di infermieri era generalmente compreso tra 500 e 900 per 100.000 abitanti nel 2020. Bulgaria (421), Lettonia (418) e Grecia (338 considerando i soli ospedali) hanno registrato rapporti più bassi. Un confronto degli ultimi dati per Irlanda e Grecia mostra che nella prima c'erano 4,8 volte più infermieri ogni 100.000 abitanti. Espresso in modo diverso, ogni infermiere in Irlanda copriva una media di 62 abitanti, mentre in Grecia lo stesso rapporto indicava che ogni infermiere che lavorava in un ospedale copriva una media di 296 abitanti (dati 2019).

L’Italia ha un numero di infermieri ogni 100.000 abitanti di 626, inferiore alla media europea di 251 infermieri ogni 100.000 abitanti che diventano 337 se il calcolo è effettuato solo sui Paesi aderenti all’Ue che hanno una media di infermiere ogni 100.000 abitanti di circa 963.

Dei 25 Stati membri dell'UE per i quali sono disponibili dati, il numero di infermieri attivi rispetto alla dimensione della popolazione è diminuito in tre. 

La diminuzione maggiore è stata registrata in Lettonia, dove il numero di infermieri è diminuito di 50 per 100.000 abitanti durante il periodo in esame. Diminuzioni sono state registrate anche in Bulgaria (-17 per 100.000 abitanti) e Svezia (-12 per 100.000 abitanti nel periodo 2015-2019).

La formazione
Per quanto riguarda i laureati, tra i 23 Stati membri dell'UE per i quali sono disponibili dati, vi erano 121.000 infermieri laureati nel 2020 (dati 2018 o 2019 per alcuni Stati membri). 

Tra il 2010 e il 2020, c'è stato un aumento del numero di infermieri laureati nella maggior parte degli Stati membri dell'UE. Molti di questi hanno registrato tassi di crescita moltoin  elevati poiché il numero di laureati era più di 2,5 volte superiore nel 2020 (rispetto al 2010) a  Malta e Ungheria. 

Al contrario, il numero di laureati infermieri è diminuito in undici Stati membri, dimezzandosi circa in Croazia, Cipro Lussemburgo e Slovacchia, mentre in Italia è rimasto pressoché invariato (nel 2020 è 17 e nel 2010 era 16).

Espresso per 100.000 abitanti, il numero di infermieri laureati nel 2020 ha raggiunto in Europa il picco in Svizzera (112 per 100.000 abitanti).

L’Italia è tra i Paesi con il minor numero di laureati in infermieristica: 17 per 100.000 abitanti, al quintultimo posto nella classifica generale europea

I tassi più bassi di infermieri laureati per 100.000 abitanti sono stati registrati in Bulgaria e Montenegro (7 per 100.000 abitanti). Il numero di infermieri laureati per 100.000 abitanti è aumentato tra il 2010 e il 2020 nella maggior parte (13 su 23) degli Stati membri dell'UE per i quali sono disponibili dati; si noti che per ciascuno di essi si è registrato anche un aumento del numero complessivo dei laureati (indipendentemente dall'andamento demografico).

Gli infermieri nei paesi del G7
Analogamente a quanto fatto per i medici, analizzando gli ultimi dati OCSE (Health at a Glance 2022), rispetto ai paesi maggiormente industrializzati e quindi in teoria con maggiori disponibilità e dotazioni tecnologiche e possibilità di investimento, per quanto riguarda il numero di infermieri ogni 1.000 abitanti l’Italia è all’ultimo posto nel 2021 con circa 6,6 infermieri contro i 12,1 del Giappone e, penultimo, gli 8,7 del Regno Unito.

Rispetto ai laureati, i 17 infermieri ogni 100mila abitanti del 2020 pongono l’Italia ancora una volta all’ultimo posto nella classifica rispetto agli altri paesi del G7 preceduta al penultimo posto dai circa 38 infermieri ogni 100mila abitanti della Francia nella classifica che vede primi gli Stati Uniti con oltre 65 infermieri ogni 100mila abitanti laureati nel 2020.



20 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy