Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Malattie cardiovascolari. Oms Europa: “Uccidono ogni giorno 10.000 persone nella regione europea”. Gli uomini i più colpiti. Ridurre consumo sale e controllare ipertensione


Oltre a quello di genere, esiste anche un divario geografico: la probabilità di morire giovani (30-69 anni) a causa di una malattia cardiovascolare è quasi cinque volte più alta nell’Europa orientale e in Asia centrale rispetto all’Europa occidentale. Il nuovo rapporto Oms/Europa promuove un approccio integrato per ridurre l’assunzione di sale e controllare meglio i livelli di ipertensione. Queste misure possono salvare migliaia di vite ogni giorno in tutta la regione europea. IL DOCUMENTO

15 MAG -

La maggior parte delle persone nella regione europea dell’Oms consuma troppo sale e più di un adulto su tre di età compresa tra 30 e 79 anni soffre di ipertensione, il termine medico per indicare la pressione alta. Ciò è importante perché un’elevata assunzione di sale aumenta la pressione sanguigna, che è uno dei principali fattori di rischio per malattie cardiovascolari come infarti e ictus.

Un nuovo rapporto OMS/Europa “Azione su sale e ipertensione” richiede un approccio integrato per ridurre l'assunzione di sale e migliorare l'individuazione e il controllo dell'ipertensione per proteggere la salute delle persone.

Morire precocemente per malattie cardiovascolari: statistiche allarmanti
Le malattie cardiovascolari (CVD) sono la causa principale di disabilità e morte prematura nella regione europea, causando oltre il 42,5% di tutti i decessi ogni anno. Ciò significa 10.000 morti ogni giorno.

Secondo il rapporto Oms/Europa, gli uomini nella regione hanno quasi 2,5 volte più probabilità di morire di malattie cardiovascolari rispetto alle donne. Esiste anche un divario geografico: la probabilità di morire giovani (30-69 anni) a causa di una malattia cardiovascolare è quasi cinque volte più alta nell’Europa orientale e in Asia centrale rispetto all’Europa occidentale.


“Le malattie cardiovascolari e l’ipertensione sono in gran parte prevenibili e controllabili - ha affermato Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’Oms per l’Europa -. Quattro milioni, una cifra sconcertante, è il numero di decessi causati da malattie cardiovascolari ogni anno – principalmente tra gli uomini, in particolare nella parte orientale della regione dell’Oms. Questi sono i fatti, ma questo è qualcosa che possiamo cambiare. Sappiamo cosa funziona, ma ancora una volta non riusciamo a implementare approcci basati sull’evidenza, con conseguenti livelli inaccettabilmente elevati di morti evitabili. L’attuazione di politiche mirate per ridurre l’assunzione di sale del 25% potrebbe salvare circa 900.000 vite dalle malattie cardiovascolari entro il 2030”.

Elevato consumo di sale: una grave minaccia sanitaria per la Regione
Quasi tutti i paesi della regione europea (51 su 53) hanno un consumo medio giornaliero di sale superiore al livello massimo raccomandato dall’Oms di 5 g (circa un cucchiaino) al giorno.

Il consumo eccessivo di sale è il principale fattore di ipertensione e, di conseguenza, di morte per infarto, ictus e altre malattie cardiovascolari. Il cibo di strada e gli alimenti trasformati sono spesso i principali colpevoli.

La regolamentazione della quantità di sale negli alimenti trasformati può potenzialmente avere un impatto positivo sulla salute delle persone.

Pressione alta: un killer silenzioso
L’ipertensione arteriosa è il principale fattore di rischio di morte e disabilità nella regione europea, causando quasi un quarto dei decessi e il 13% delle disabilità. Di solito non presenta sintomi e, se rimane incontrollato, può avere conseguenze potenzialmente devastanti come infarti e ictus. La regione europea ha la più alta prevalenza di pressione sanguigna nel mondo.

Un approccio integrato: ridurre l'apporto di sale e controllare l'ipertensione
Il nuovo rapporto Oms/Europa promuove un approccio integrato per ridurre l’assunzione di sale e controllare meglio i livelli di ipertensione. Queste misure possono salvare migliaia di vite ogni giorno in tutta la regione europea. Sappiamo cosa funziona e sono disponibili interventi e strumenti basati sull’evidenza che riducono l’assunzione di sale e controllano l’ipertensione, ma molti paesi non sono in grado di implementarli. I decisori possono intraprendere azioni più incisive per rompere queste barriere e garantire una salute migliore alle persone:
- Introdurre politiche obbligatorie per ridurre l’assunzione di sale. Sono necessarie misure a livello di popolazione per ridurre l’assunzione di sale verso il massimo raccomandato dall’OMS. Ciò include la fissazione di limiti obbligatori sulla quantità di sale negli alimenti comunemente consumati, compresi gli alimenti confezionati e gli alimenti serviti nei punti vendita e nelle mense; etichette obbligatorie sulla parte anteriore della confezione per aiutare i consumatori a fare scelte informate e più sane; e campagne di sensibilizzazione pubblica per sostenere il cambiamento di comportamento per ridurre il consumo di sale nella popolazione.

- Resistere all'opposizione dell'industria. La riduzione del sale a livello di popolazione evidenzia gli interessi fondamentali opposti della sanità pubblica e dell’industria alimentare. Dal punto di vista dell'industria alimentare, gli alimenti ad alto contenuto di sale tendono a produrre i maggiori profitti. Ma il fatto è che questi alimenti mettono a rischio la salute dei clienti. La riduzione del sale a livello di popolazione attraverso la riformulazione obbligatoria produce risultati rapidi, è fattibile, fa risparmiare costi e, in definitiva, salva vite umane.

- Trattare efficacemente l'ipertensione. L’ipertensione dovrebbe essere diagnosticata e gestita con protocolli di trattamento standardizzati e cure di gruppo in contesti di assistenza primaria. È fondamentale migliorare l’accesso ai farmaci e ai dispositivi medici essenziali per le persone a cui è stata diagnosticata l’ipertensione.

- Migliorare le linee guida. L’evidenza dimostra che è più probabile che vengano messe in atto linee guida semplificate e di facile utilizzo, rilevanti per le situazioni cliniche locali.

- Migliorare la conoscenza del paziente. Le prove dicono che migliorare la conoscenza del paziente sull’ipertensione, sulle sue complicanze e sull’efficacia del trattamento migliora l’aderenza ai farmaci per trattare l’ipertensione.

- Adottare un approccio centrato sul paziente. Dare la priorità a ciò che conta per il paziente può anche migliorare l’aderenza.

- Attuare una politica attenta al genere. Ciò può aiutare ad affrontare le disuguaglianze nella rilevazione e nel controllo dell’ipertensione.

- Rafforzare la resilienza della catena di fornitura. Migliorare la resilienza della catena di approvvigionamento contro le emergenze garantisce un trattamento ininterrotto.



15 maggio 2024
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il report

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy