Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 GIUGNO 2017
Cronache
segui quotidianosanita.it

Emorragia post-partum. Prima causa di morte materna nei Paesi poveri. Ma anche una delle più evitabili

10 OTT - Obiettivo: abbattere la mortalità materna nei Paesi in via di sviluppo dove, ad esempio, l’emorragia post-partum rappresenta la prima causa di morte delle madri (circa il 30% dei casi totali), eppure sarebbe una delle più prevenibili.
A lanciare l’allarme, e le iniziative per abbattere la mortalità materna, in particolare attraverso la prevenzione e il trattamento delle emorragie post-partum e della fistola ostetrica, è la Figo, la Federazione internazionale di ostetricia e ginecologia riunita in questi giorni a Roma per il XX Congresso Nazionale.
 
“Le morti evitabili durante la gravidanza e il parto si verificano in grande numero nei Paesi in via di sviluppo, dove l’incidenza va dai 200 ai 2.000 casi ogni 100.000 nati vivi. Inoltre, per ogni donna che muore, si stima che 16-30 donne sopratvvivano a complicanze evitabili, spesso miseramente ", ha affermato Gamal Serour, presidente della Figo, presentando oggi le più recenti iniziative della Federazione per invertire questa realtà.
 
In particolare, per la prevenzione e il trattamento della Emorragia post-partum è fondamentale e l'ossitocina. Che però richiede una somministrazione parenterale, nonché attrezzature sterili e refrigerazione, tutti fattori che impediscono l'uso in condizioni di scarse risorse come quelle in cui vivono le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo. Ecco allora che il Misoprostol, un analogo sintetico della prostaglandina E1, è sempre più adottato come una strategia alternativa, approvato anche dalla Figo e da altri organismi internazionali.

 
"La nostra iniziativa, finanziata da Gynuity Health Projects della Fondazione Bill & Melinda Gates Foundation, è parte di un progetto globale per tradurre la ricerca scientifica in politiche efficaci, in programmi e in pratica ", ha spiegato Hamid Rushwan, Ad Figo.
 
“Un'altra grande preoccupazione per le donne che partoriscono in condizioni di scarse risorse è la fistola ostetrica, forse la più tragica delle complicanze prevenibili del parto, le donne colpite in quasi tutti i casi, perdono i loro bambini, soffrono di problemi di salute, tra cui l'incontinenza cronica, e spesso sono abbandonate dai mariti, costretti a vivere nella vergogna e segregazione sociale ", ha continuato. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno tra le 50.000 a 100.000 donne sviluppano la fistola ostetrica. Più di 2.000.000 di donne vivono con fistola ostetrica non trattata in Africa sub-sahariana e in Asia, dove i medici sono dotati di troppi pochi strumenti e competenze necessarie per riparare le fistole e curare le pazienti.
 
Figo, in collaborazione con altri soggetti interessati, ha recentemente lanciato la sua iniziativa che si concentra sulla prevenzione e la cura della fistola ostetrica in 12 paesi africani e asiatici. “L'obiettivo è quello di garantire una formazione di alta qualità clinica per la cura delle donne con fistola ostetrica e per aumentare la capacità dei servizi e del personale di fornire una gestione efficace e un trattamento completo delle fistole", ha aggiunto il professor Rushwan.
 
A tal fine la Figo ha anche coordinato l’elaborazione di un manuale dedicato che consenta ai medici di acquisire le competenze necessarie per prevenire le fistole e trattarle chirurgicamente, così come per garantire un’adeguata assistenza medica e psico-sociale per le donne che hanno subito il problema.
 
Il manuale è stato realizzato con il finanziamento del Fondo delle Nazioni Unite (UNFPA), e con la collaborazione dei chirurghi specialisti e organizzazioni sanitarie professionali e specializzate.
 
La Figo è anche coinvolta nell’offerta di corsi di formazione in Emorragia post-partum, chirurgia ,ini-invasiva (MIS), ostetrica e competenze di chirurgia per le disfunzioni del pavimento pelvico , Si tratta di programmi formativi condotti anche in questo caso in molti paesi africani e asiatici, come strategia per ridurre la mortalità e morbilità materna.
 

10 ottobre 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy