Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 SETTEMBRE 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale donazione sangue. Oms: “Aumentarle in metà del mondo per target 2020”. Solo 62 Paesi sono autosufficienti


Quest'anno, il tema dell’evento è ‘Il sangue ci connette tutti’ attraverso lo slogan: “Condividere la vita, donare il sangue”. Ogni anno 108 mln di donazioni, ma il 50% arriva da paesi ad alto reddito dove le donazioni sono 9 volte superiori ai paesi basso reddito. Chan (Oms): “Il più grande dono che chiunque di noi può dare o ricevere”. LA CAMPAGNA

14 GIU - “Donazioni volontarie e non retribuite devono essere aumentate rapidamente in più della metà dei paesi del mondo, al fine di garantire una fornitura affidabile di sangue sicuro per i pazienti le cui vite dipendono da questo”. Così l’Oms in una nota lancia la Giornata mondiale della donazione di sangue 2016 giunta al suo dodicesimo anno.
 
Quest'anno, il tema della giornata mondiale del donatore di sangue è ‘Il sangue ci connette tutti’, e mette in evidenza il legame comune che tutte le persone condividono con il sangue. Lo slogan, "Condividere la vita, donare il sangue", richiama l'attenzione “sul ruolo che i sistemi di donazione volontaria giocano per in incoraggiare le persone a prendersi cura gli uni degli altri e promuovere la coesione della comunità”.
 
"Anche se abbiamo molte differenze esterne, il sangue che pompa nelle nostre vene è lo stesso”, ha detto Margaret Chan, Direttore Generale dell'OMS. “Il più grande dono che chiunque può dare o ricevere”.
 
“Sono circa 108 milioni le donazioni di sangue raccolte a livello globale ogni anno – rileva l’Oms - . Quasi il 50% di queste donazioni di sangue sono però raccolte in paesi ad alto reddito, che rappresentano appena il 20% della popolazione mondiale. Il tasso medio di donazione di sangue è più di 9 volte maggiore nei paesi ad alto reddito rispetto ai paesi a basso reddito”.
 
“Tuttavia – sottolinea l’Oms -  in molti paesi, la domanda supera l'offerta, e ciò rappresenta una sfida per rendere disponibile un quantitativo sufficiente di sangue ma anche per garantirne la qualità e la sicurezza. Un adeguato approvvigionamento può essere garantito solo attraverso donazioni volontarie e non retribuite periodiche”.
 
Altro tema cado però è il controllo sui donatori volontari per la fornitura di sangue sicuro. In tutto il mondo, 25 paesi sono in grado di schermare tutto il sangue donato per uno o più infezioni (per esempio l’epatite C) spesso causate da fornitura irregolare dei kit di analisi, carenza di personale, kit per il test di scarsa qualità, o mancanza di qualità di base nei laboratori”.
 
L’Oms per questo “incoraggia tutti i paesi a istituire servizi di sangue basati sulle donazioni volontarie e non retribuite. Oggi, solo 62 paesi si avvicinano al 100% delle loro scorte di sangue nazionali attraverso donazioni di sangue volontarie e non retribuite, con 34 paesi ancora dipendenti dai donatori familiari e anche donatori remunerati per oltre il 75% del loro apporto di sangue”.
 
“Il sangue – ricorda l’Oms - può essere utilizzato insieme o separato nei suoi componenti, come le cellule rosse del sangue, piastrine, plasma, e altre "sostanze" che possono essere utilizzate per trattare una vasta gamma di malattie. Una singola unità di sangue può essere utilizzata a beneficio diversi pazienti. Le trasfusioni di sangue e di emoderivati ​​aiutano a salvare milioni di vite ogni anno, anche durante le emergenze, come i conflitti, disastri naturali, e il parto. Si può aiutare i pazienti affetti da patologie potenzialmente letali a vivere più a lungo e con una maggiore qualità della vita, e a supportare le procedure mediche e chirurgiche complesse”.
 
"Donatori di sangue volontari provengono da tutti i ceti sociali, ma hanno una cosa in comune: hanno messo gli altri prima di se stessi - persone che non conoscono nemmeno", ha detto il dottor Ed Kelley, Direttore del Dipartimento di Service Delivery e la Sicurezza del WHO. "Ogni volta che si dona il sangue, si commette un atto di eroismo disinteressato."
 

 

14 giugno 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy