Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 10 AGOSTO 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Le donne? Devono stare a casa per 1 italiano su 5. La realtà è che tra lavoro di cura e impegno professionale le donne lavorano molto di più degli uomini


È quanto emerge dal sondaggio realizzato da Tecnè su “Donne e media: la sottile linea rossa della discriminazione di genere” presentato nel corso del confronto al Senato ‘Buone notizie Più voce alle donne’ promosso su iniziativa della vicepresidente del Senato Rossomando e dalla Sottosegretaria alla Salute Zampa che sottolinea: “Usiamo la specificità del pensiero femminile per cambiare le cose che non vanno”

06 DIC - Donne ancora assorbite dal lavoro familiare e che per un italiano su cinque, ben oltre 8 milioni, dovrebbero restare a casa per prendersi cura dei figli senza lavorare fuori casa. Nella realtà le donne lavorano molto più degli uomini se si somma all’impegno professionale anche la cura della casa e dei figli che occupa un tempo pari a 6 ore e 15 minuti al giorno. Nell’81,9% dei casi, infatti, è la madre a farsi carico del lavoro familiare, mentre il padre ‘casa e famiglia’ rappresenta uno sparuto 6,8%.

Questo è solo uno dei fenomeni esplorati dal sondaggio commissionato dall’Agenzia Dire a Tecnè su ‘Donne e media: la sottile linea rossa della discriminazione di genere’, condotto su un campione di 2mila italiani, dai 18 anni in su, che conferma un senso diffuso di discriminazione e un’affermazione ancora inadeguata delle pari opportunità.
 
Il sondaggio è stato presentato ieri a Roma al Senato della Repubblica, in occasione dell’evento dedicato al primo anno di DireDonne, canale dell’Agenzia Dire dedicato al pensiero di genere e alle pari opportunità. ‘Buone notizie Più voce alle donne’ è il titolo dell’appuntamento, promosso su iniziativa della vicepresidente del Senato Anna Rossomando e dell’onorevole Sandra Zampa, Sottosegretaria alla Salute ideatrice di DireDonne.

 
“Il progetto DireDonne – ha spiegato Zampa – è nato per valorizzare le competenze e perché esiste una specificità del pensiero femminile, come conferma proprio il sondaggio Tecnè; e usare questa specificità può essere una buona opportunità per provare a cambiare le cose che non vanno”.
 
Cosa è emerso dal sondaggio? Le donne lavorano molto più degli uomini se si somma all’impegno professionale anche la cura della casa e dei figli che occupa un tempo pari a 6 ore e 15 minuti al giorno. Nell’81,9% dei casi, infatti, è la madre a farsi carico del lavoro familiare, mentre il padre ‘casa e famiglia’ rappresenta uno sparuto 6,8%. La percentuale cresce all’aumentare della fascia di età, passando dal 73,3% delle 18-34enni al 90,6% delle ultrasessantacinquenni. Condizione che non cambia di molto anche nei casi di coppie con figli in cui entrambi i genitori sono lavoratori full time. Il tempo dedicato al lavoro familiare è, infatti, per il 65,1% a carico delle donne e solo per il 34,9% agli uomini. Quasi un italiano su cinque (19,1%) pensa che le donne dovrebbero stare a casa per prendersi cura della famiglia, un dato piuttosto omogeneo da Nord a Sud, che cresce però all’aumentare dell’età (28,5% degli ultrasessantacinquenni) e diminuisce tra chi ha titoli di studio più elevati (8,6%).
 
Donne e retribuzioni. Dal punto di vista del ‘gender pay gap’ (divario retributivo di genere) le donne, a parità di ruolo, guadagnano meno per il 39,7% degli intervistati, convinzione radicata soprattutto nel campione femminile (54,6%). Per il 56%, invece, hanno più o meno lo stesso guadagno dei colleghi, opinione diffusa, ancora una volta, soprattutto tra gli uomini (69,9%).
 
Donne nei media. Per il 31,8% degli italiani le donne continuano ad essere meno valorizzate nel mondo dell’informazione, nonostante il 68% ritenga che abbiano una capacità specifica e una lettura interpretativa della realtà diversa dagli uomini. Nel campione maschile è dominante la convinzione che siano adeguatamente presenti nei media, ma questo dato si conferma solo nella metà di quello femminile (51,5%). Il 63,1% ritiene che giornaliste, conduttrici e professioniste dell’informazione abbiano ruoli analoghi a quelli dei loro colleghi, ma solo il 51,2% delle donne ritiene che sia così contro il 76,1% degli uomini. Il 51,8% degli italiani, poi, crede che non cambierebbe nulla se le donne avessero ruoli importanti nel mondo dell’informazione, tesi sostenuta dal 63,3% degli uomini. Solo il 36,5% degli intervistati crede che sarebbe migliore e a pensarla così sono soprattutto le donne (51,3%). Per qualcuno (6,8%) sarebbe addirittura peggiore. Il 68%, però, crede che le donne abbiano una specifica capacità di pensare e leggere la realtà diversa rispetto agli uomini. A pensarla così sono il 75,7% delle donne contro il 59,6% degli uomini.
 
Le donne in politica. Oltre i 16 milioni di italiani sono convinti che le donne siano penalizzate in politica e sono 4 italiani su 10 a pensare che le cose andrebbero meglio se ci fossero più donne con ruoli importanti. Un dato che sostengono gli uomini per un 20%, contro il 58,3% delle donne. Per ben 24 milioni di italiani non cambierebbe nulla e anche questa volta la convinzione è più radicata tra gli uomini (64,2%) che tra donne (36,1%).
 
“È importantissimo il tema del linguaggio sui temi della violenza – ha sottolineato la vicepresidente del Senato, Anna Rossomando – ma non c’è solo questo. L’informazione non può essere neutrale o indifferente ai ruoli delle donne nella società. Oggi registriamo un avanzamento, ma siamo ancora lontani da una parità di forma e sostanza sia perché nelle testate giornalistiche le donne non hanno ancora sufficienti ruoli apicali, sia per la rappresentazione delle donne sui temi importanti. Il ruolo delle donne – ha ribadito – spesso non viene riconosciuto anche perché non viene rappresentato e c’è una battaglia di valori che deve esser fatta attraverso l’informazione. C’è stato l’impegno di alcuni uomini qui presenti a non prender parte ad appuntamenti in cui non ci sia rappresentanza femminile e questo mi sembra importante perché è un tema che non riguarda solo le donne, ma la democrazia”.
 
E allora quali le buone notizie che bisogna ancora scrivere? “Che il protagonismo e l’intelligenza delle donne siano davvero rispecchiati nell’informazione e che la loro voce arrivi alla società sempre più forte” ha concluso la Sottosegretaria Sandra Zampa.

06 dicembre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy