Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 02 DICEMBRE 2020
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Covid. Emilia Romagna, da oggi test sierologici gratuiti e rapidi disponibili nelle farmacie

L’iniziativa, annunciata nei giorni scorsi, è rivolta a bambini e alunni 0-18, nonché maggiorenni iscritti alle superiori - con rispettivi genitori, nonni, fratelli e familiari, purchè conviventi - e studenti universitari assistiti in regione. Sono già più di 660 le farmacie che hanno aderito al progett. Donini: “Una campagna mai vista in Italia: 2 milioni di test per raggiungere quasi la metà della popolazione. Ci auguriamo la massima risposta”. In caso di positività agli anticorpi l'Ausl dispone subito il tampone nasofaringeo.

19 OTT - Parte oggi, nel concreto, la campagna da due milioni di test sierologici in farmacia dell’Emilia Romagna. La prima in Italia di questo genere, che vede il coinvolgimento già di 667 farmacie, ed è rivolta agli studenti di ogni ordine e grado (0-18 anni e maggiorenni, se iscritti alle superiori), familiari conviventi (tra cui genitori, nonni, fratelli e sorelle di alunni, sempre fino alla scuola secondaria superiore), e agli universitari, purché assistiti in Emilia-Romagna.

Lo screening gratuito e rapido - si svolge in soli 15 minuti - sarà disponibile su prenotazione nelle farmacie, il cui numero di adesioni, fa sapere la Regione, “è in continuo aumento”. Rimarrà attiva fino al 30 giugno 2021, con la possibilità di sottoporsi al test anche più di una volta lungo l’anno scolastico.

Una massiccia indagine epidemiologica, con cui la Regione rafforza ulteriormente l’attività di prevenzione e controllo contro il Coronavirus, resa possibile grazie all’accordo siglato con le associazioni di categoria territoriali delle farmacie convenzionate, pubbliche e private.


Con una stima prevista di almeno 400.000 test nel primo mese, l’Emilia-Romagna è pronta a investire in maniera significativa sull’individuazione e circoscrizione del contagio da virus SARS-CoV-2: ogni test in farmacia costa infatti al Servizio sanitario 16,76 euro, ma per il cittadino tutto sarà gratuito.

“Una campagna che potenzialmente si rivolge a quasi la metà della popolazione emiliano-romagnola, perché in attesa del vaccino questa battaglia contro il virus la può vincere solo la nostra capacità di individuare, circoscrive e spegnere sul nascere eventuali nuovi focolai - dichiara nella nota Raffaele Donini, assessore alle Politiche per la salute -. Una indagine epidemiologica del genere non ha precedenti in Italia, e noi abbiamo scelto di concentrare questi sforzi sui nostri figli, sugli studenti e sulle studentesse di ogni ordine e grado, perché vogliamo una scuola più sicura possibile, il prima possibile. E portiamo avanti questa campagna alla nostra maniera, come l’Emilia-Romagna ha sempre fatto- conclude Donini-: gratuitamente, in maniera universalistica, giocando di squadra con una componente fondamentale del nostro sistema sanitario, le farmacie convenzionate. Ci auguriamo che la risposta dei cittadini sia massima”.

Sono per ora 667 le farmacie convenzionate, pubbliche o private, che hanno già aderito all’iniziativa, il 50% del numero complessivo presente in regione, ma le porte rimangono aperte per chi avesse intenzione di farlo in futuro. A Piacenza hanno già risposto positivamente 65 farmacie (66%), a Parma 77 (54%), a Reggio Emilia 76 (49%), a Modena 73 (36%), a Bologna 154 (52%), a Ferrara 49 (38%), a Ravenna 59 (54%), a Forlì-Cesena 69 (59%), a Rimini 45 (46%).

Posso accedere al test gratuito tutti i bambini e ragazzi da 0 ai 18 anni e i maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore, con i loro genitori, fratelli e sorelle e gli altri familiari conviventi. Non solo, perché la Regione ha voluto includere anche un’altra fascia significativa della popolazione: gli universitari che hanno il medico di medicina generale in Emilia-Romagna.

Per effettuare il test è sufficiente prendere appuntamento con il farmacista, consultando l’elenco degli aderenti sul sito https://salute.regione.emilia-romagna.it/sierologico-farmacie, che sarà costantemente aggiornato. In caso di minori, un genitore o tutore deve dare il proprio consenso ed essere presente al momento del controllo, che avverrà sempre nel rispetto di tutte le misure di sicurezza, dall’uso obbligatorio e corretto della mascherina all’igienizzazione delle mani all’ingresso, dal controllo della temperatura corporea al distanziamento.

Il farmacista registrerà sul Portale regionale delle Farmacie i dati della persona che si sottopone al test; in caso di positività, il cittadino sarà contattato dai Servizi di santità pubblica dell’Azienda sanitaria di assistenza per eseguire il tampone nasofaringeo.

19 ottobre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy