Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 SETTEMBRE 2022
      
      Federsanità
segui quotidianosanita.it

Ad Aosta si parla di costi standard ospedalieri. A confronto i risultati di dieci regioni

Confronto l'11 novembre sui costi standard delle attività sanitarie ospedaliere. Il lavoro curato dal netzork Nisan sarà discusso da diversi rappresentanti regionali. Federsanità Anci sarà rappresentata dal DGdella Asl TO 5 Maurizio Dore.

06 NOV - N.I.San (Network Italiano Sanitario per la condivisione dei costi standard) è una rete costituitasi nel 2009, che annovera ad oggi ventuno componenti (aziende ospedaliere, aziende sanitarie, IRCCS) provenienti da 10 regioni italiane, i quali gestiscono in condivisione i risultati relativi all'elaborazione dei costi standard delle attività sanitarie svolte da ciascuno, secondo uno strumento tecnico omogeneo di elaborazione dei costi denominato CSO - Controllo Strategico Ospedaliero. Questa attività di rete ha prodotto i costi standard dei ricoveri per gli anni 2007, 2008, 2009, 2010 e 2011, basati sulla determinazione della media del costo per singolo episodio di ricovero.
 
Come sottolinea Adriano Lagostena, Direttore Generale dell’Ospedale Galliera di Genova e Coordinatore del N.I.San, che sarà a breve ospite ad Aosta, “il vero valore dell’individuazione di costi standard è che esso consente di avviare una politica di benchmark tra aziende, in modo tale da sapere in che modo si colloca una singola azienda sanitaria rispetto ad uno standard. Questo diviene uno strumento fondamentale di gestione sia a livello di azienda che a livello regionale. Spesso – conclude Lagostena - si ritiene che l’efficienza sia nemica dell’efficacia. Invece attraverso l’utilizzo dei costi standard, si potrebbe migliorare concretamente anche l’efficacia delle prestazioni”.Fine modulo
 
Il costo standard rappresenta dunque un obiettivo a cui tendere per aumentare l’efficienza dell’azienda, ma, quel che è più importante, è che non viene calcolato “a tavolino”, ma deriva da una verifica reale sul campo. La sperimentazione di N.I.San vuole contribuire a calcolare sul campo questo costo. L’obiettivo della rete viene così riassunto da Lagostena: “Nel momento in cui le aziende sanitarie sono in grado di utilizzare strumenti di gestione aziendale per calcolare quanto costano, hanno immediatamente anche il bisogno di sapere se tale valore è alto o basso rispetto a uno standard. Si sente cioè l’esigenza di un confronto”.
 
Il confronto con le altre realtà nazionali - precisa Lorenzo Ardissone, Direttore amministrativo dell’Azienda USL Valle d’Aosta - rappresenta uno strumento di governo dell’Azienda Sanitaria Regionale in particolare in un momento di riduzione delle risorse disponibili, e questo per evitare la politica dei tagli lineari che, il più delle volte, rischia di penalizzare i comportamenti virtuosi. Il costo standard come esempio di confronto con le altre realtà – prosegue Ardissone– è importante per costruire reti di scambio di informazioni utili alla riflessione organizzativa finalizzata al mantenimento dei livelli di servizi che chiedono gli utenti. Si tratta quindi di un confronto che non deve essere finalizzato al giudizio, ma al governo dei processi nel migliore modo possibile”.
 
IL CONVEGNO DI AOSTA – 11 novembre 2013, ore 13,45 – Auditorium della Cittadella dei Giovani, via Garibaldi, 7
L’evento è stato organizzato dalla SC Controllo di Gestione e Sistemi Informativi Direzionali, diretta dal dott. Lorenzo Noto, con il supporto della SC Comunicazione. Saranno presenti, tra gli altri, i rappresentanti della maggior parte delle strutture sanitarie italiane aderenti alla rete N.I.San.
Al termine dei saluti di benvenuto da parte del Direttore amministrativo dell’Azienda USL Valle d’Aosta, Lorenzo Ardissone, e dell’Assessore regionale alla Sanità, Salute e Politiche sociali, Antonio Fosson e di Maurizio Dore, Direttore generale della Asl Torino 5, per rappresentare Federsanità ANCI, prenderà la parola il Direttore generale dell’A.O. “Ospedali Galliera” di Genova e Coordinatore del N.I.San., Adriano Lagostena, per affrontare il tema della “sostenibilità e dei costi standard”. L’esperienza dell’Azienda sanitaria valdostana all’interno della rete, sarà descritta da Lorenzo Noto e Sandra Grumolato, della SC Controllo di Gestione e da Giovanna Bonfant della SC Analisi Cliniche. Infine, Alberto Pasdera, Coordinatore scientifico della rete N.I.San., illustrerà i costi standard dei ricoveri riferiti al 2011. Il convegno sarà moderato da Elisa Pintus, docente di Economia delle Amministrazioni Pubbliche presso l’Università della Valle d’Aosta.

06 novembre 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Sicurezza delle cure

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy