Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Approvato Odg per aprire tavolo contrattazione "integrativa" Comparto e Dirigenza sanità

30 NOV - Nel corso della discussione di questa mattina a Montecitorio per la legge di stabilità, è stato approvato un Ordine del giorno - il 9/2679-bis-A/257, a firma Cardinale, Burtone, Sbrollini - che impegna il governo a valutare la possibile riapertura della contrattazione integrativa per i lavoratori della sanità italiana.
 
Per la precisione, nel testo si impegna il governo: "(a valutare l'opportunità di) autorizzare l'Aran, ricevuto l'atto di indirizzo del Comitato di settore e della Presidenza del Consiglio dei ministri, ad aprire un tavolo di contrattazione integrativo per il Comparto sanità e l'area della dirigenza III e IV, con l'obiettivo di stabilire i criteri di finanziamento degli istituti della contrattazione aziendale attraverso i risparmi di spesa conseguiti e certificati a seguito dell'impegno dei personale dipendente consentendo la ripresa della contrattazione pubblica nel comparto e consentire una migliore e più funzionale organizzazione per la realizzazione del patto per la Salute".  

30 novembre 2014
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy