Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Lotta al dolore. Il 3 ottobre si celebra la giornata internazionale. Amato (Pd): “Associamo alla parola dolore dignità, accesso a cure e sostegno alle famiglie”

Verrà presentata il prossimo 25 settembre al Senato l’iniziativa, è promossa dalla Presidenza della Repubblica e con il patrocinio del Senato, del Parlamento e del Ministro della Salute, 100 città senza dolore, ndividuati gli indicatori e fatto il punto sullo stato dell'arte dell'antalgica, regione per regione e, di conseguenza, colmate le carenze".

23 SET - Verrà presentata il 25 settembre prossimo nella Biblioteca del Senato la “Giornata mondiale sul dolore: 100 città senza dolore”. L’iniziativa è promossa dalla Presidenza della Repubblica e con il patrocinio del Senato, del Parlamento e del Ministro della Salute. A darne annuncio è la parlamentare abruzzese del Pd Maria Amato medico e componente la commissione Affari sociali della Camera dei deputati .
 
“Il dolore, un tema che ci riguarda tutti, un sintomo che diventa stato di vita, che se lasciato crescere, la vita se la prende in tutti i suoi tempi, alterandone tempi, lavoro e relazioni. Una vita senza dolore è una conquista ma è soprattutto un diritto”, ha detto. La legge 38/10 sul dolore, tra le prime in Europa, tutela all’art. 1 “il diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative e alla terapia del dolore. “Associate alla parola dolore ritroviamo dignità, qualità di vita, accesso alle cure, sostegno alla famiglia, LEA: sono questi elementi che fanno di questa legge un manifesto per il diritto alla cura del dolore. Il dolore - commenta la Amato - non è solo un sintomo ma uno stato che riduce marcatamente la qualità della vita”.


“ Nelle proposte attuative, la legge introduce l'obbligo della rilevazione del dolore all’interno della cartella clinica, istituisce due reti nazionali per le cure palliative e per la terapia del dolore che garantiscano ai pazienti risposte assistenziali su base regionale e in modo uniforme su tutto il territorio nazionale, - spiega - e avvia la semplificazione delle procedure di accesso ai medicinali impiegati nella terapia del dolore, impone un percorso di formazione del personale medico e sanitario. La legge è davvero un vanto per l'Italia ma siamo ancora lontani dal realizzare quella uniformità sul territorio nazionale di cui si parla, sicuramente si è facilitato l'accesso ai farmaci, sensibilizzato sul tema, in alcune situazioni realizzato l'ospedale senza dolore, fatto grandi passi in avanti sulle cure palliative”.

“Per avere la certezza che siamo lontani dagli obiettivi basta pensare che in molti punti nascita non si pratica il parto indolore, che nella formazione del personale l'antalgica non è un fondamentale, che nei sistemi organizzativi non e' sempre prevista una Unità operativa di terapia del dolore, che il dolore perdiatrico per molti è ancora 'il grande mistero' e che il dolore cronico in molte circostanze non viene trattato”, prosegue Amato.
 
"Non si deve per forza avere un cancro o essere morente per vedere riconosciuto il proprio dolore: è sul dolore cronico e su quello pediatrico la sfida del nostro tempo, sulla formazione ma soprattutto sulla equità. Va verificato il livello di attuazione della legge, individuati gli indicatori e fatto il punto sullo stato dell'arte dell'antalgica, regione per regione e, di conseguenza, colmate le carenze. Niente più che una bella legge sul dolore, - conclude la Amato - non omogeneamente attuata dal sistema sanitario, brucia sulla pelle dei pazienti e nella coscienza di chi li deve curare.”

23 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy