Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 06 DICEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Arrestato Mario Mantovani, vicepresidente della Lombardia. L’accusa è concussione, corruzione aggravata e turbativa d’asta

I fatti contestati risalgono al periodo tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. In quell’epoca Mantovani era  assessore regionale alla Sanità, Senatore, sottosegretario di Stato e sindaco di Arconate. In carcere altre due persone, Giacomo Di Capua, dipendente della Regione, e Angelo Bianchi, ingegnere del provveditorato interregionale alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria. IL COMUNICATO DELLA PROCURA

13 OTT - Arrestato stamani Mario Mantovani. Sul vice presidente della Regione Lombardia, fino poche settimane fa anche assessore regionale alla Sanità, pende l'accusa di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti. L'inchiesta della Gdf e della Procura di Milano ha portato in carcere anche Giacomo Di Capua, dipendente della Regione e “stretto collaboratore” di Mantovani, come si legge in una nota emessa dalla Procura di Milano, e Angelo Bianchi, ingegnere del provveditorato interregionale alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria, coinvolto per concorso in concussione “rivestendo il ruolo di R.U.P. di gare aventi quale Stazione Appaltante il citato Provveditorato” e indagato anche per corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti.

I reati contestati nell'indagine sono stati commessi tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. Mantovani, si legge nella nota della Procura, è coinvolto nel provvedimento “in qualità, all’epoca, di Senatore della Repubblica e Sottosegretario di Stato, assessore alla Salute di Regione Lombardia e sindaco del Comune di Arconate”.


La Procura informa infine che sono state effettuate perquisizioni e sequestri di documenti per “ulteriori ipotesi di reato”, cioè “abuso d’ufficio” e “turbativa d’asta”, che sono “ascrivibili a Mario Mantovani in concorso con altri soggetti”. I sequestri e le perquisizioni sono avvenute a Milano, Pavia, Varese, Vercelli e Rimini, presso gli uffici della Lombardia, 9 abitazioni e 17 enti/società riconducibili agli arrestati e “ad altri 12 indagati”.

13 ottobre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy