Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 19 AGOSTO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Arrestato Mario Mantovani, vicepresidente della Lombardia. L’accusa è concussione, corruzione aggravata e turbativa d’asta

I fatti contestati risalgono al periodo tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. In quell’epoca Mantovani era  assessore regionale alla Sanità, Senatore, sottosegretario di Stato e sindaco di Arconate. In carcere altre due persone, Giacomo Di Capua, dipendente della Regione, e Angelo Bianchi, ingegnere del provveditorato interregionale alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria. IL COMUNICATO DELLA PROCURA

13 OTT - Arrestato stamani Mario Mantovani. Sul vice presidente della Regione Lombardia, fino poche settimane fa anche assessore regionale alla Sanità, pende l'accusa di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti. L'inchiesta della Gdf e della Procura di Milano ha portato in carcere anche Giacomo Di Capua, dipendente della Regione e “stretto collaboratore” di Mantovani, come si legge in una nota emessa dalla Procura di Milano, e Angelo Bianchi, ingegnere del provveditorato interregionale alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria, coinvolto per concorso in concussione “rivestendo il ruolo di R.U.P. di gare aventi quale Stazione Appaltante il citato Provveditorato” e indagato anche per corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti.

I reati contestati nell'indagine sono stati commessi tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. Mantovani, si legge nella nota della Procura, è coinvolto nel provvedimento “in qualità, all’epoca, di Senatore della Repubblica e Sottosegretario di Stato, assessore alla Salute di Regione Lombardia e sindaco del Comune di Arconate”.


La Procura informa infine che sono state effettuate perquisizioni e sequestri di documenti per “ulteriori ipotesi di reato”, cioè “abuso d’ufficio” e “turbativa d’asta”, che sono “ascrivibili a Mario Mantovani in concorso con altri soggetti”. I sequestri e le perquisizioni sono avvenute a Milano, Pavia, Varese, Vercelli e Rimini, presso gli uffici della Lombardia, 9 abitazioni e 17 enti/società riconducibili agli arrestati e “ad altri 12 indagati”.

13 ottobre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy