Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 06 GIUGNO 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Regionalismo differenziato. Question time di Conte: “Criteri unitari per l’erogazione dei servizi in ogni angolo del Paese”


Per quanto riguarda i livelli essenziali delle prestazioni, "si individueranno fabbisogni su indicatori comuni a tutte le Regioni e saranno definiti da un comitato paritetico composto da rappresentanti delle Regioni e dello Stato, rispondendo a criteri unitari per l'erogazione dei servizi in ogni angolo del Paese. Non è previsto in alcun modo il riferimento ad indicatori collegati all'introito fiscale". Così il premier rispondendo al Senato al question time di De Petris (Leu).

21 FEB - "Il percorso del regionalismo differenziato dovrà tenere in considerazione non solo la peculiarità delle realtà territoriali, ma anche la piena realizzazione della solidarietà nazionale, nell'ambito della tutela dell'unità giuridica, di quella economica e dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, prescindendo dai confini territoriali".
 
Così il premier, Giuseppe Conte, intervenendo questa mattina al Senato per rispondere ad un question time sulla garanzia dei livelli essenziali delle prestazioni nell'ambito del regionalismo differenziato presentato da Loredana De Petris (Leu).
 
Questa la risposta integrale del premier Conte.
"Signor Presidente, gentile senatrice, l'interrogazione in oggetto mi consente di chiarire un passaggio, sicuramente molto significativo, che ci occuperà nei prossimi giorni, nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.
 
È opportuno evidenziare come il processo di attuazione dell'autonomia differenziata sia previsto dalla Costituzione - sembra scontato dirlo - con riferimento all'articolo 116, terzo comma, che assegna la possibilità di attribuire forme e condizioni particolari di autonomia alle Regioni a Statuto ordinario. Gioverà ricordare anche l'ambito delle materie nelle quali possono essere riconosciute tali forme ulteriori di autonomia, ovvero tutte quelle materie che l'articolo 117, terzo comma, attribuisce alla competenza legislativa concorrente e un ulteriore numero di materie riservate dallo stesso articolo 117, secondo comma, alla competenza legislativa esclusiva dello Stato, ovvero l'organizzazione della giustizia di pace, le norme generali sull'istruzione e la tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali. È disposto, come sapete, che le competenze siano attribuite con legge dello Stato, approvata a maggioranza assoluta dei componenti, sulla base di un'intesa tra lo Stato e la Regione interessata.


Ricordo che sin dalla redazione del contratto per il Governo per il cambiamento è chiaramente evidenziato che il percorso del regionalismo differenziato dovrà tenere in considerazione non solo la peculiarità delle realtà territoriali, ma anche la piena realizzazione della solidarietà nazionale, nell'ambito della tutela dell'unità giuridica, di quella economica e dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, prescindendo dai confini territoriali.
In questa fase, com'è noto, l'Esecutivo sta completando un'intensa e complessa attività istruttoria e di negoziazione, propedeutica alla redazione di un testo condiviso con le Regioni richiedenti. Il Governo è disponibile ad aprire un confronto con il Parlamento in merito al contenuto di questo progetto nelle forme che verranno nei prossimi giorni definite, nel rispetto delle prerogative del Parlamento. Il Governo è ben consapevole della centralità delle Camere nell'ambito di un processo di trasferimento di competenze legislative che assume un rilievo costituzionale e che vede il Parlamento necessariamente e doverosamente coinvolto.

Per quanto riguarda la richiesta di definire preventivamente i livelli essenziali delle prestazioni, informo che le bozze di intesa richiamano al loro interno sia i fabbisogni standard, sia i livelli essenziali delle prestazioni. La definizione dei fabbisogni standard, in attuazione dell'articolo 116, terzo comma della Costituzione, non riguarda la spesa per l'esercizio delle funzioni delle Regioni, bensì la spesa sostenuta dallo Stato nelle Regioni per le funzioni oggi in capo allo stesso. Dunque, di fabbisogni su indicatori comuni a tutte le Regioni si tratterà e saranno definiti da un comitato paritetico composto da rappresentanti delle Regioni e dello Stato, rispondendo a criteri unitari per l'erogazione dei servizi in ogni angolo del Paese. Non è previsto in alcun modo il riferimento ad indicatori collegati all'introito fiscale.
 
A riguardo, nell'ambito delle risorse finanziarie in conformità all'istruttoria svolta dal Ministero per gli affari regionali e le autonomie con il Dicastero dell'economia e delle finanze, posso sin d'ora precisare che il trasferimento avverrà in base al costo storico, cioè verrà individuato quanto lo Stato spende sul territorio della Regione interessata per la specifica materia da trasferire; la determinazione del costo sarà individuata da un'apposita commissione paritetica Stato-Regioni. Il costo così individuato sarà trasformato in parte di compartecipazione sui tributi erariali e stabilito con decreto del Presidente del Consiglio, sul quale saranno coinvolte le Commissioni parlamentari competenti e la Conferenza unificata. Le risorse finanziarie allocate dallo Stato nelle altre Regioni rimarranno invariate. Entro un anno dall'emanazione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, dovranno essere individuati i fabbisogni standard delle competenze statali nelle singole Regioni (tutte, non solo quelle che hanno chiesto l'autonomia differenziata). A tal fine, sarà costituito un apposito comitato paritetico Stato-Regioni composto da rappresentanti delle amministrazioni statali e rappresentanti di tutte le Regioni a Statuto ordinario.

Posso assicurare che il complesso procedimento che si sta dipanando coniugherà, in piena conformità con la nostra architettura costituzionale, il rafforzamento, sì, dell'autonomia regionale ove richiesto, ma con la salvaguardia della solidarietà e della coesione nazionali".
 
Replicando, Vasco Errani (Lei) ha definito la rispota di Conte "così generica da non rassicurarci". "Ciò che noi temiamo di più, Presidente, è che, come dimostrano le sue parole o il testo del contratto di Governo, si affronti una questione che riguarda i diritti essenziali dei cittadini, cito solo la sanità e l'istruzione, che sono sistemi nazionali, e penso che nessuno, tanto meno lei, vorrà immaginare che ci siano insegnanti regionali o medici regionali. La sua risposta è insoddisfacente perché si finge di non vedere qual è il problema di fondo. Stiamo, ancora una volta, rovesciando il percorso: prima l'autonomia, poi si dovrebbero definire i livelli essenziali e i fabbisogni standard. Lei capisce che questa cosa non regge", ha aggiunto.

"E se aveste la pazienza di verificare quello che è successo dal 2001 col Titolo V della Costituzione, potreste verificare che è stata la Corte costituzionale, meritoriamente, a definire i confini reali della legislazione nazionale e della legislazione regionale. Questo perché il Parlamento non è stato in grado di definire i livelli essenziali delle prestazioni e i principi fondamentali. Se diamo più autonomia - certo, il terzo comma dell'articolo 116 è Costituzione e noi siamo per applicarlo, ma con tutte le garanzie - su quello che riguarda le norme generali dell'istruzione, quali sono i principi fondamentali sull'istruzione che debbono essere garantiti dalle legislazioni regionali? Questo è il punto. E se si rovescia questo percorso, faremo confusione e avremo il federalismo fai da te, che è peggio del centralismo dello Stato, e peggio ancora saranno i centralismi regionali. Di questo dovete prendere consapevolezza. Noi siamo pronti a fare una discussione di merito seria".

"Allora sgombriamo il campo. Io ho colto la sua attenzione sul coinvolgimento del Parlamento, ma - intendiamoci - il coinvolgimento del Parlamento non è una qualche audizione e un dibattito; coinvolgere il Parlamento vuol dire abbandonare il percorso dell'articolo 8 della Costituzione, che non c'entra niente con l'autonomia, e costruire un percorso affinché il Parlamento svolga la sua funzione legislativa", ha concluso Errani.

21 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy