Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 SETTEMBRE 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Verso il Fascicolo sanitario elettronico: elementi di riflessione. Ecco il volume della Sit e Lavse-Cnr. In esclusiva alcuni capitoli del libro

Pubblichiamo in esclusiva alcuni capitoli del volume Verso il Fascicolo sanitario elettronico: elementi di riflessione presentato oggi a Roma e frutto del lavoro congiunto tra Sit e Lavse-Cnr. Obiettivo: "Fare del Fse un’occasione di riflessione sul sistema assistenziale e non la causa dell'ennesimo spreco di risorse" 

24 MAR - “Ci piacerebbe che, in un Paese dove ormai il verbo riflettere, inteso come discussione aperta, partecipativa e fattiva, sembra non essere più coniugato, si avviasse un'ampia e profonda riflessione 'olistica' sul Fse, una riflessione concreta e nello stesso tempo non 'infinita' che faccia evolvere l'attuale Fse verso quello che viene indicato come il Fse di 2 generazione; in tal modo il Fse diventerà un’occasione di riflessione sul sistema assistenziale, e non la causa dell'ennesimo spreco di risorse, inammissibile in un periodo di spending review". Con queste parole ha concluso il suo intervento Fabrizio L. Ricci, dirigente di ricerca del laboratorio virtuale di sanità elettronica dell'Istituto di tecnologie biomediche del Cnr di Roma, coordinatore del gruppo di studio sul Fse composto dagli esperti della Società Italiana di Telemedicina e sanità elettronica ed i ricercatori del Cnr, il cui lavoro è stato illustrato questa mattina nella conferenza stampa di presentazione del volume “Verso il Fascicolo Sanitario Elettronico: elementi di riflessione”, curato dallo stesso Ricci, insieme ad Antonio V. Gaddi, vice presidente Sit, Angelo Rossi Mori, ricercatore del Lavse-Cnr e Giancarmine Russo, segretario generale della Sit, pubblicato dalla R.A. Edizioni, di cui Quotidianosanità, in anteprima esclusiva, può fornire ai suoi lettori un ampio estratto.


I lavori sono stati introdotti dal presidente della Sit Gianfranco Gensini che, dopo i saluti ed i ringraziamenti di rito, ha spiegato i motivi per cui la Sit ha deciso di istituire, nel luglio scorso, questo gruppo di studio in collaborazione con il Lavse-Cnr: “Nel corso della discussione consiliare – ha spiegato Gensini - mi resi conto subito che questo gruppo di studio era indispensabile se volevamo realmente che questo nuovo strumento che l’eHealth ci offriva andasse nella direzione da noi enunciata nel Manifesto Italiano della Medicina e della Chirurgia Telematica di Firenze 2010: una sanità elettronica, armonica e sostenibile, a misura di medico e di paziente, rispettosa della sua privacy, in cui sia riaffermato il primato della clinica che dovrebbe guidare qualsiasi processo di cura. L’aumento della durata media della vita, l’espansione delle patologie croniche, la comorbilità, la polimorbilità e la complessità in medicina, pongono a tutti noi delle sfide inimmaginabili fino a pochi decenni fa. La telemedicina e la sanità elettronica offrono a medici, pazienti e sistemi sanitari degli strumenti formidabili, e tra questi sicuramente vi è l'Fse, per garantire una migliore uniformità, accessibilità, usabiltà, efficienza, efficacia, appropiatezza e sicurezza delle cure, ma solo se sarà il driver clinico a guidare i processi, nell’interesse superiore del malato e della collettività”.

Ha fatto seguito la relazione del coordinatore Ricci che ha illustrato il manifesto Sit & Lavse-Cnr sul Fse, presentato nel novembre scorso al Forum risk management in sanità di Arezzo  ed i componenti del gruppo di studio, ai quali, successivamente, si è aggiunto anche Pier Angelo Sottile, presidente della commissione Uninfo per l'informatica medica, con un contributo sugli standard e le regole tecniche.

E' stata poi la volta del vicepresidente Sit Antonio V. Gaddi che ha rimarcato la scarsa utilità clinica dell'attuale Fse, in quanto una mera collezione di referti online: “E’ necessaria riportare – ha affermato Gaddi - l’approccio al Fse nell'alveo del suo reale utilizzo clinico partendo dagli scenari, capaci di offrire una visione olistica del processo di cura: il processo di assistenza si svolge sul piano clinico, ma anche su quello socio-assistenziale, burocratico-amministrativo, con l'aiuto del paziente, con una continua valutazione dei costi efficacia, qualità, etc.”.
A seguire c'è stato poi l’intervento di Augusta Iannini, vice presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali.
 
“Come Autorità garante posso assicurare – ha risposto la presidente Iannini ad una specifica domanda posta a distanza da Chiara Rabbito, coordinatrice nazionale Sit del gruppo di ricerca sulla privacy – che anche ai fini di governance, oltre che di studio e di ricerca scientifica, non possono essere utilizzati i dati identificativi degli assistiti e dei documenti clinici presenti nel FSE. Piuttosto, a titolo personale, ho alcune perplessità “sull'oscuramento dell'oscuramento” in quanto, se da un lato tutela al massimo la privacy del paziente, dall'altro potrebbe creare dei problemi alla corretta erogazione dell'assistenza, mentre per quanto riguarda l'anonimizzazione del dato e l'attribuzione di un codice identificativo univoco dell'assistito che non consenta l'identificazione diretta dell'interessato, occorre essere consapevoli che alcuni limitati soggetti ed in determinate circostanze stabilite dalla legge, possono comunque risalire al nominativo del paziente”.
 
“Per l’utilizzo del Fse – ha proseguito la Iannini – è fondamentale una corretta informativa ed un valido consenso. Nello studio del gruppo di ricerca, infatti, è stimato che il 40% dei pazienti non darebbe il consenso al trattamento dei propri dati. L’informativa rischia di essere composta da diverse pagine, con l’alta probabilità che non venga letta e ci si limiti ad apporre la sola firma e a sbarrare alcuni quadratini. Quindi – come sempre - occorre bilanciare e contemperare l'esaustività con la stringatezza. Infine occorre sottolineare che il cittadino può concedere il consenso al trattamento dei propri dati, quindi revocarlo e darlo di nuovo, senza alcun limite di volte e senza che questo pregiudichi in alcun modo l'assistenza e la continuità di cura”.
 
E' stata poi la volta di Stefano Forti, responsabile e-Health della Fondazione Bruno Kessler di Trento che ha focalizzato il suo intervento sul possibile ruolo attivo del cittadino sulla propria salute (patient empowerment, patient engagement), magari attraverso un uso “guidato” del proprio taccuino o mediante apposite apps.
 
Forti ha anche posto l'accento sulla possibile integrazione con la telemedicina, anche alla luce della recente approvazione delle linee di indirizzo sulla telemedicina.
 
Infine l'intervento di Massimo Mangia, responsabile e-Health di Federsanità-Anci, che ha sottolineato come il Fse, sia solo un tassello di un eco-sistema partecipato / federato dove app, sistemi informativi aziendali, risorse web condividano dati e offrano servizi ai pazienti e ai professionisti della salute per realizzare un vero sistema di salute digitale in rete, ma per far questo, visti anche i ritardi accumulati, occorre andare oltre l'attuale Fse ed iniziare a pensare ad un fascicolo di 2^ generazione.
 
La conferenza si è conclusa con l'intervento del segretario generale della Sit Giancarmine Russo: “Nel ringraziare tutti i partecipanti, desidero precisare che i rilievi e le perplessità espresse in questa sede sull'attuale Fse, erano doverosi in quanto società scientifica e gruppo di ricerca Sit & Lavse-Cnr sul fascicolo, per evidenziarne le attuali criticità e stimolare una riflessione di ordine generale e metodologico, ma di certo non siamo e non possiamo, in quanto società scientifica della telemedicina e della sanità elettronica italiana, non essere che favorevoli ad un uso pervasivo dei nuovi strumenti di e-Health; vorremmo solo che fossero pensati ed utilizzati meglio e su questo, insieme agli amici del Cnr, siamo disponibili a dare il nostro piccolo contributo. Occorre andare verso un fascicolo di nuova generazione che al posto di una collezione di pdf tipo referti on line, consenta di utilizzare i dati clinici degli assistiti onde realizzare, tramite la loro elaborazione, quella rivoluzione culturale di cui ha accennato, all'inizio della giornata odierna, il nostro presidente Gensini: la system medicine e la personalizzazione della cura. Di queste tematiche avremo modo di parlarne in maniera esaustiva in occasione del nostro 4° congresso nazionale che si terrà il 1 e 2 luglio a Milano, presso l'Università Bicocca e che vedrà anche la partecipazione del Cern di Ginevra che abbiamo voluto coinvolgere proprio sul tema della system medicine e dei big dati, ed al quale voi tutti siete invitati a partecipare.”

 Claudia R. Carrera
 
Il volume "Verso il Fascicolo Sanitario Elettronico: elementi di riflessione", può essere acquistato sia in formato cartaceo che in ebook su questo sito: http://www.reputationagency.eu/node/54.

24 marzo 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy