Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 14 AGOSTO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medicina convenzionata. Milillo (Fimmg): “Bene Ministro su Intesa. Ora Regioni ratifichino documento con rapidità”


Il segretario del sindacato dei medici di famiglia plaude alle parole del Ministro durante il question time di ieri. E poi si rivolge alle Regioni: ” L'iter al loro interno che l'accordo sta subendo può essere interpretato solo come un atto dovuto di adesione conoscitiva, che si deve caratterizzare per la sua rapidità, per non rendere vane le attese di tutti”

12 MAR - “Prendiamo atto con soddisfazione che l'accordo politico  del 4 marzo scorso tra i sindacati medici e il Presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità è stato oggetto ieri di un'interrogazione alla Camera al ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Apprezziamo le parole positive espresse dal ministro e dagli Onorevoli interroganti nei confronti del documento che è visto come un elemento importante per lo sblocco della trattiva per il rinnovo degli AACCNN, considerati un passo essenziale ed ineludibile per portare a compimento il processo di riordino dell'assistenza territoriale, come previsto dall'articolo 5 del patto per la salute 2014-2016”. È quanto dichiara in una nota Giacomo Milillo, Segretario Nazionale della Fimmg commentando le dichiarazioni del Ministro di ieri durante il question time.

"Il Ministro in particolare ha dichiarato che non appena le giungerà il testo in via ufficiale procederà a tutti gli accertamenti tecnici necessari per verificare se e in che termini sia eventualmente necessario apportare modifiche all'atto di indirizzo e che tipo di provvedimenti sarà più opportuno adottare, al fine di garantire la rapida conclusione della trattativa e la sigla dei nuovi accordi" ha ricordato Milillo , augurandosi che al più presto ci sia la ratifica del documento da parte delle Regioni e si possa riprendere la trattativa.


“Giunge notizia - ha aggiunto Milillo - che la ratifica del documento da parte del Comitato di settore Regioni-sanità è stata rimandata alla Commissione delle Regioni e che la riunione fissata per ieri è stata rinviata. Fimmg non può fare a meno di ricordare come la firma da parte del Presidente del Comitato di settore sul documento non sia stata subordinata a una successiva approvazione del Comitato e che rappresenti quindi espressione di un mandato plenipotenziario”.
 
“L'iter interno alle Regioni che l'accordo sta subendo - ha proseguito - può essere interpretato solo come un atto dovuto di adesione conoscitiva, che si deve caratterizzare per la sua rapidità, per non rendere vane le attese di tutti, anche, come testimoniato ieri in aula, del mondo politico. Diversamente si assisterebbe a possibili interpretazioni dell'atteggiamento delle Regioni in senso dilatorio, fino a suscitare il sospetto della volontà di sconfessare la firma appena apposta in calce all'accordo”.
 
“Fimmg – conclude Milillo - confida che il Comitato di Settore, proprio per dare una risposta trasparente e preventiva a tutto ciò, avvii con immediatezza le procedure necessarie alla ripresa ed al buon fine della trattativa di rinnovo degli AACCNN”.

12 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy