Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ebola. Un film di Consulcesi per la formazione degli operatori

L'iniziativa è stata presentata da Consulcesi Group durante una tavola rotonda presso il Ministero della Salute. Si tratta di un lungometraggio realizzato in lingua inglese con la consulenza scientifica dei medici e delle strutture (l’istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” e l’Università “Sapienza” di Roma) che hanno fronteggiato il virus.

15 LUG - Per affrontare Ebola e le altre pandemie che minacciano la salute globale è imprescindibile un coordinamento mondiale per la salute a distanza. Necessità messa a fuoco oggi, nel corso di una tavola rotonda istituzionale svoltasi presso il Ministero della Salute di viale Ribotta. I partecipanti hanno concordato che davanti all’emergenza il sistema non ha retto e mostrato tutte le sue criticità ed i suoi punti deboli, evidenziando l’importanza di formare ed informare adeguatamente e in modo omogeneo i cittadini e soprattutto il personale sanitario nel mondo a livello di eccellenza.

In quest’ottica si inserisce ‘e-bola’ è il primo film al mondo ad unire cinema e formazione, chee nasce proprio da questa esigenza di raccontare un effetto oggi virale, la malattia, attraverso la “viralità” di una storia, comune, reale e globale. Consulcesi Club ha presenta nell’occasione il prodotto audiovisivo: un lungometraggio realizzato in lingua inglese con la consulenza scientifica dei medici e delle strutture - l’istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” e l’Università “Sapienza” di Roma - che hanno fronteggiato il virus. Il film e-bola è il primo di una serie di “film formazione” visibili da tutti on line, uno strumento completamente gratuito di aggiornamento professionale per i professionisti sanitari di tutto il pianeta. Il progetto presentato nel corso della Tavola rotonda patrocinata dal Ministero della Salute, punta a creare un coordinamento internazionale per la formazione a distanza per affrontare le presenti e future emergenze sanitarie coinvolgendo le istituzioni italiane e internazionali. Il progetto si completa, infatti, con le pillole informative accreditate Agenas. L'iniziativa ha ricevuto il patrocinio del ministero degli Esteri. 


“Ebola – dichiara il CEO di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – è il primo argomento di un percorso innovativo che riguarda il mondo della formazione medica a livello internazionale. Con questa pellicola abbiamo sperimentato un nuovo modo di formare, interessando l’operatore sanitario insieme al grande pubblico. In che modo? Non trattando esclusivamente l’aspetto scientifico ma cercando anche di rendere più fruibile una storia tragicamente vera. Abbiamo scelto il tema Ebola perché è l’epidemia peggiore del 21esimo secolo, che resiste da 40 anni e non riesce ad essere debellata. I due casi avuti in Italia hanno confermato quanti rischi corra il personale sanitario coinvolto. La formazione e l’informazione sono le principali armi a loro disposizione. Lo scopo di e-bola e degli altri “film formazione” è proprio quello di fornire ai camici bianchi di tutto il mondo gli strumenti più adeguati per affrontare le emergenze sanitarie a livello internazionale. Tutto questo assume ancora più importanza se legato alla completa gratuità grazie all’iniziativa firmata Consulcesi Club”.

"Fondamentale investire nella formazione e nell’informazione. C’è un calo d’attenzione nei confronti delle malattie infettive quando invece sarebbe necessario continuare ad investire. La preparazione è l’elemento chiave. Non si possono commettere gli errori del passato e sarebbe necessario anche prevede una exit strategy”, ha sottolineato Giuseppe Ippolito, direttore scientifico Inmi Lazzaro Spallanzani. 

Nel film, un gruppo di giovani ricercatori, membri selezionati di una task force in arrivo da Paesi diversi di Europa, America e Asia, sono uniti da un unico obiettivo, fronteggiare il nemico comune, l’Ebola, un virus mortale, descritto in Sudan e in Congo nel 1976 e che ha registrato più di 27 mila casi di contagio e oltre 11 mila morti. Un’infezione virale che viene trasmessa con facilità attraverso il contatto con sangue o liquidi corporei. Attraverso il lavoro e l’interscambio di questi giovani di culture diverse, e-bola racconta la storia di una malattia che per sua intrinseca natura è sovranazionale e riguarda tutti gli esseri umani senza alcuna distinzione.

“Non è stato facile – spiega il regista di e-bola, Christian Marazziti – portare avanti una drammaturgia con delle tematiche scientifiche. Il pericolo, in questi casi, è cadere in una trappola. Bisogna fare attenzione, infatti, a non essere didascalici perché si rischia di perdere la tensione e la drammaturgia del film stesso. Cinema e Scienza hanno sempre convissuto, l’importante è mantenere un equilibrio. Equilibrio in questo caso più che necessario, dovendo il film da un lato avere una storia comunque avvincente e dall’altro fornire informazioni e dati scientifici e tecnici oggettivi”.

Dal 15 luglio e-bola è disponibile in streaming Gratuitamente per tutti su www.ebola-movie.com
 

15 luglio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy