Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 SETTEMBRE 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Direzione servizi infermieristici. Cartisano (Spif Ar): “Dalla Calabria una proposta in linea con la giurisprudenza”

Con l'applicazione corretta della Legge 251 del 2000, possiamo migliorare le cure e l'assistenza, agire anche l'acquisizione controllata di nuovi posti di lavoro nel pubblico e nella sanità accreditata e contribuire così adeguatamente anche all'elevazione dell'attività professionale libera, qualificata e democratica.

03 FEB - Oggi la Regione Calabria parla correttamente con una proposta di legge molto chiara e, in linea con la giurisprudenza, di successo per questa forma di organizzazione e di concorso per la Direzione dei Singoli Servizi Infermieristici, Riabilitativi e altri ancora. Nei riguardi della Professione Infermieristica, semmai per esperienza internazionale siamo stati i più fervidi sostenitori della loro autonomia e gestione dell'Area di pertinenza, anche con qualche maggiore riconoscimento per impegno della quale, loro dovuto anche dall'area medica, del tutto particolare per la molteplicità di competenze di cui sono necessariamente dotati e gli altrettanti campi d'intervento di cui la Sanità ha grande bisogno.
 
Giustamente come ha voluto il Parlamento Italiano, la legge n. 251 del 2000 ha previsto che ogni Area Professionale (definita per legge), abbia il proprio dirigente e che esso si rapporti direttamente con il Direttore Generale, il Direttore Sanitario e il Direttore Amministrativo, senza interposte persone o incaricati per non confondere “all'italiana” quanto viene pianificato e messo in opera in ogni settore delle professioni sanitarie sia all'interno dell'Azienda Ospedaliera e/o quella Territoriale.


Non esiste una Laurea per un incarico superiore e diversificato dalle Lauree Specialistiche esistenti per dirigere e neppure esistono casi simili nel resto dell'Europa, senza significative qualificate competenze e produzioni scientifiche, e/o numericamente encomiabili per richiedere una qualifica di questo tipo.
Ma siamo in Italia e a volte tali scempi sono l'evidente “studio” e “sogno” di certi politici di portare a senso unico la titolarità per tali livelli di gestione, ma per motivi a noi del tutto incomprensibili.

Continuando ad approfondire la raccolta degli interessi scientifici, assistenziali e terapeutici che ci uniscono, come Professionisti della Salute, con l'applicazione corretta della Legge 251 del 2000, possiamo solo migliorare le cure e l'assistenza, possiamo agire anche l'acquisizione controllata di nuovi posti di lavoro nel pubblico e nella sanità accreditata e contribuire così adeguatamente anche all'elevazione dell'attività professionale libera, qualificata e democratica come un nostro dovere verso i cittadini e alle istituzioni a noi molto chiaro.
 
Antonio G. Cartisano
Presidente Nazionale SPIF AR

03 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy