Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 SETTEMBRE 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medici. Nello Smi regna il caos. Due congressi separati e due segretari generali. Il destino del sindacato nelle mani della magistratura

Dopo mesi di bagarre all'interno del Sindacato medici italiani si è giunti alla probabile tappa finale che preclude a una scissione o comunque a una querelle a colpi di querele e denunce su chi dovrà guidare ed ereditare la sigla SMI. Al primo congresso convocato dalla segretaria uscente Onotri la riconferma della stessa Onotri alla segretaria mentre oggi un'altra ala del sindacato ha eletto alla segreteria Francesco Esposito. 

09 GIU - Dura spaccatura nello Sindacato medici italiani (SMI). Dopo mesi di bagarre all’interno dell’organizzazione, (che conta circa 8.000 iscritti) si fa sempre più largo la strada della scissione. E intanto regna il caos tra convocazioni di due distinti congressi, due segretari generali, siti separati e battaglie legali. Nell’attesa che sia la magistratura a chiarire la querelle molti sono i segnali di una profonda spaccatura tra la segretaria Onotri e buona parte della dirigenza.
 
Per iniziare, sono stati convocati due Congressi, il primo (Congresso ordinario elettivo) si è tenuto a Napoli l’8 e il 9 giugno e ha visto la riconferma alla segreteria di Pina Onotri (VEDI TUTTI GLI ELETTI). “Noi riaffermiamo con orgoglio – ha affermato Onotri -, che il Sindacato dei medici italiani, è in prima fila per affrontare i temi più vicini alle richieste dei medici italiani: diritto e universalismo delle cure, equità di accesso ai servizi sanitari, pari dignità, nella malattia, dei cittadini, difesa della sanità pubblica”.

 
Ebbene, però, come dicevamo un’altra metà dello SMI, guidata dal vice segretario nazionale Mirella Triozzi (ASCOLTA INTERVISTA) in aperto contrasto con la Onotri, ha indetto invece un ‘Congresso straordinario’ a Tivoli il 9-10 giugno in cui è stato eletto segretario generale Francesco Esposito. (VEDI TUTTI GLI ELETTI).
 
A rendere anche mediaticamente vivida la spaccatura la presenza di due siti web distinti dello SMI (sindacatomedicitaliani.itsindacatomedicitaliani.org).
 
Nell’attesa che siano, come pare, i Tribunali a dirimere la questione potete leggere in allegato due note che abbiamo ricevuto negli scorsi giorni dalle due parti in causa (LETTERA 1LETTERA 2).

09 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy