Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 08 LUGLIO 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Competenze avanzate. Ecco come si applicherà il contratto per gli incarichi di “specialista” ed “esperto”. Il documento delle Regioni


Le Regioni hanno messo a punto un documento su cui c'è l'unanimità della Commissione Salute e che approderà alla Conferenza dei presidenti del 20 febbraio in cui si indicano requisiti, tempi e modi per attribuire al personale del comparto le funzioni di professionista specialista e professionista esperto previste dal contratto e per fare in modo che l'attribuzione sia omogenea su tutto il territorio. Con questo accordo potrebbero essere superate le polemiche sulla Delibera del Veneto che per prima, ma da sola, aveva aperto la strada alle nuove competenze. IL DOCUMENTO.

19 FEB - Professionista specialista e professionista esperto: li prevede per il comparto sanità l’ultimo contratto, quello 2016-2018, ma finora nessuna aveva spiegato in cosa consistono queste due qualifiche e come si differenziano.

Ci hanno pensato le Regioni che hanno scritto la parola 'fine' alle tante ipotesi fin qui fatte e messo a punto un documento, già pronto a metà dello scorso anno, per applicare il contratto e in via transitoria, perché le aziende sanitarie diano piena valorizzazione alle esperienze di sviluppo professionale già presenti, le cose siano fatte in modo omogeneo per indire avvisi unici per l’attribuzione di incarichi professionali per un determinato ambito di competenza avanzata/specialistica avendo potenzialmente a disposizione sia professionisti sanitari formati con percorsi accademici, sia con formazione complementare regionale, potendo così selezionare il candidato più competente.

Un documento che di fatto è già stato recepito a ottobre scorso nella delibera della Regione Veneto contestata dai medici e che ha portato a un muro conro muro medici e infermieri. Polemica che potrebbe ora essere superata (ma questo si vedrà dalle reazioni soprattutto dei medici) dal documento delle Regioni che riporta e ufficializza gli stessi schemi. La delibera Veneta nasceva infatti come sviluppo a livello regionale del documento ora all'esame della Conferenza.

Considerata la potenziale offerta di master definita dall’Osservatorio nazionale per le professioni sanitarie che ha elaborato un elenco di circa 90 master, per 21 delle 22 professioni sanitarie (non risultano proposte per gli Educatori professionali sociosanitari), le Regioni ritengono che i percorsi formativi complementari regionali, possano avere una tipologia legata alle problematiche organizzativo-assistenziali delle aziende sanitarie locali.

I master descritti dall’Osservatorio sono divisi in 3 raggruppamenti per tipologia di contenuto: Master Trasversali rivolti a tutte o parte delle professioni con contenuti prevalentemente organizzativo-gestionali, didattici e di ricerca; Master interprofessionali rivolti a due o più professioni su tematiche cliniche a forte integrazione interprofessionale; Master specialistici di ciascuna professione che rappresentano lo sviluppo di competenze specialistiche di ogni professione.

Per definire le aree di competenze “core” dei professionisti con pratica/competenza avanzata il documento delle Regioni propone di considerare quelli indicati dalla letteratura internazionale in materia: pratica clinica, leadership e management, educazione, ricerca e consulenza; le competenze sviluppate in tali aree consentono di differenziare la caratterizzazione del professionista con competenza avanzata da quella dei professionisti all’inizio della loro esperienza professionale o con esperienza consolidata in un determinato contesto.

E per chiarire le differenze tra i livelli di competenza dei professionisti la proposta prevede tre livelli in base all’esperienza professionale maturata e/o alla formazione:

-competenza di livello base quella del professionista sanitario neo-inserito in una specifica area,

- competenza di livello 1 quella maturata dal professionista sanitario a seguito di esperienza professionale in una particolare area, anche attraverso formazione specifica,

- competenza di livello 2 quella maturata dal professionista che ha sviluppato competenza di livello 1 e che acquisisce competenze avanzate con percorsi formativi complementari regionali, oppure quella maturata dal professionista sanitario che già opera in contesti che richiedono l’impiego delle competenze avanzate e che ha frequentato percorsi formativi riconoscibili come equivalenti ai percorsi di formazione complementare regionale oppure quella maturata dal professionista in possesso del master di 1° livello.

Ora, con il documento concordato, le Regioni sulla base dei bisogni di salute del territorio e in coerenza con l’organizzazione delle aziende sanitarie potranno definire propri elenchi di ambiti di competenza avanzata/specialistica, riconducibili a quattro macro-aree di aggregazione: formazione, clinico-assistenziale, clinico-gestionale e ricerca considerando: le tipologie di incarichi a prevalente contenuto professionale attribuiti nelle aziende sanitarie prima dell’attuale CCNL, gli ambiti di potenziale sviluppo di competenze in riferimento ai PSSR, le ulteriori proposte rilevate attraverso il confronto con le rappresentanze professionali.

L’elenco degli ambiti di competenza avanzata/specialistica è la base su cui identificare le priorità di progettazione e realizzazione di percorsi formativi regionali atti all’acquisizione delle competenze come previsto dal contratto.

E le Regioni definiranno il metodo e i criteri qualitativi e quantitativi per il riconoscimento dei percorsi formativi pregressi a professionisti che già operano in ambiti che richiedono l’impiego di competenza avanzata, e che hanno frequentato, nei 5 anni antecedenti la sottoscrizione del contratto, corsi, di almeno 40 ore di teoria, pertinenti agli ambiti di competenza avanzata/specialistica individuati, appartenenti alle seguenti tipologie:

- corsi organizzati da associazioni ora riconosciute come società scientifiche dal Ministero della Salute in attuazione dell’articolo 5 della legge 8 marzo 2017, n. 24 e del decreto ministeriale 2 agosto 2017:

- corsi di perfezionamento, aggiornamento professionale e di alta formazione, ai sensi del DPR 162/1982, L.341/1990 e DM 270/2004;

- corsi promossi/autorizzati dalla Regione i cui obiettivi erano orientati allo sviluppo di competenze diverse da quelle, base o di livello 1, richieste per lavorare in un determinato contesto o con specifiche tipologie di assistiti.

Quindi le Regioni nel loro documento, in cui si fornisce anche un modello di attestato di "competenza avanzata" – rifacendosi alle esperienze internazionali in campo infermieristico (il Nurse Practitioner con competenze diagnostico-prescrittive di tipo medico, il Clinical Nurse Specialist, con competenze di tipo specialistico, l’Advanced Nurse Practitioner, con competenze relativa a una particolare area pratica e formazione clinica avanzata, il Nurse Therapist e altri) hanno chiarito che:

il concetto di pratica avanzata, e di competenza avanzata collegato, comprende sia l’acquisizione e l’attuazione di pratiche specialistiche, intese come attività su specifici settori professionali, sia di pratiche su ampi settori professionali per la presa in carico di problemi professionali complessi;

l’acquisizione di competenze avanzate richiede esperienza professionale specifica e percorsi formativi dedicati;

gli argomenti “core” per lo sviluppo di competenza avanzata sono nella maggior parte di casi riconducibili alle seguenti aree: pratica clinica, leadership e management, educazione, ricerca, consulenza.
 

 

19 febbraio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy