Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 GIUGNO 2019
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Io, infermiera, interessata alla Questione medica

09 APR - Gentile  Direttore,
le scrivo per partecipare al dibattito sulla “questione medica” portando  una mia testimonianza;   sono un’ infermiera convinta che questo dibattito giovi anche alla “questione infermieristica”, ignorata dagli ordini provinciali e dalla federazione degli ordini degli infermieri. Il contrario di quello che  accade ai medici che possono invece contare su confronti in ampi spazi di discussione  dedicati e Stati Generali.
 
Ho letto  l’articolo del Dott.Pizza (QS, 5 aprile 2019), in risposta a quello della  Dott.ssa Labate (24 marzo 2019), e l’ho apprezzato perché non è comune osservare in presidenti di ordini professionali la conoscenza  che il Dott. Pizza dimostra di avere e soprattutto  la capacità di utilizzarla, bene o  male; non è comune  che  un presidente di ordine riservi un’attenzione profonda ai problemi del pensiero, o abbia interesse concreto per un intellettuale come  Cavicchi, il cui   pensiero è cosi  avanzato e concreto da risultare spesso scomodo perché impegnativo.

 
Meno interessante, a mio avviso, quello della Dottoressa Labate che mostra in quell’articolo una conoscenza, un sapere filosofico  esteso  del quale però sembra non servirsi quando, da  neoliberista convinta,   mostra nostalgia per  le mutue, o quando scrive per aprire un dibattito senza riferirsi agli interlocutori di quel dibattito.
 
La Dottoressa Labate sembra  usare   quel sapere filosofico acquisito  non  a vantaggio  della “questione”, ma  per soddisfare evidentemente  altri bisogni. Dico questo perché Labate nel suo mostrare  conoscenza dice di  “azzardare  una risposta certamente non esaustiva, ma di contestualizzazione della problematica (…)” ma non si “azzarda”  a contestualizzare ed a declinare la sua conoscenza.
 
Ella,  sembra non sapere che in Italia la Fnomceo, a partire dalle 100 tesi di Cavicchi, fa  sul serio. Non rammenta mai questo importante e significativo impegno di Fnomceo, non ha bisogno di citare Cavicchi, e ciò che concretamente ha già fatto,  perché questi è, prima e di più, sociologo, e poi e meno, filosofo; trovandosi perfettamente in sintonia con Panti che chiedeva esperti al convegno, non riconoscendo come esperti  i partecipanti al convegno.
 
Ma non dico questo perché Cavicchi debba essere  citato per forza, ma perché non siamo all’inizio di un dibattito, non si parte da zero, siamo oltre il dibattito e ciò che è fatto e si continua a fare deve essere considerato, per apprezzarlo o no, e per partire da ciò che già c’è ed essere pragmatici.  La questione quindi non è, come lamenta Labate,  di non poter  intervenire democraticamente in un dibattito, la questione è che Labate scegliedi non intervenire  al dibattito ed a ciò che ne è conseguito, perché  ignora il dibattito stesso, dimostrando   poco interesse per le  soluzioni della “questione”.
 
Fossi stata però nel Dott. Pizza non avrei avuto la necessità di contrapporre, mostrandolo, un più ampio sapere rispetto a quello di Labate e mi sarei concentrata di più sul pensiero delle 100 tesi in modo che sempre più menti possano avere coscienza dell’impresa  e del valore che esse hanno per  superare la stasi e  l’empirismo ingenuo.
 
In questo percorso, affascinante e intellettuale,  ho avuto l’onore di imbattermi anche io, e, seppur con modestia, sento  di aver dato anche una mano.
 
Ascoltai per la prima volta il  Prof. Cavicchi all’Istituto Superiore di Sanità, non ricordo esattamente l’anno,  dove tenne una lezione magistrale sulla Complessità. Ricordo, come fosse ora, di aver partecipato a quel convegno perché ero alla ricerca di un pensiero improbabile, per sbarazzarmi dal pensiero prevedibile e  bearmi di  pensiero dal” rischio incontrollabile”, pensiero inesistenze nelle realtà direzionali  infermieristiche.
 
Ascoltai la lezione magistrale con orecchio non esperto, non scaltrito, ma ebbi modo lo stesso  di cogliere nel pensiero del professore non la visione armoniosa di chi contempla soltanto  i concetti dei quali parla, non la visione di chi usa l’occhio teoretico attraverso il quale vede solo cigni bianchi, ma la visione di chi sa disperdersi coraggiosamente nell’esperienza e riesce perciò a farti credere che poco più in là c’è anche qualche cigno nero, e alla fine lo vedi anche.
 
Entrai  in quel convegno scettica, convinta che il mio corpo di conoscenze sarebbe aumentato grazie all’ascolto di un pensiero costruito su osservazioni confermative e  non avrei mai immaginato che ne sarei uscita  “semiscettica” (K.R.Popper): avevo visto un cigno nero e potevo certamente affermare che non tutti i cigni erano  bianchi.
 
Provai un grande senso di gratitudine verso quel pensiero che non mi ha mai abbandonato. Iniziai cosi a leggere i suoi libri, tutti,  attraverso i quali ho potuto servirmi di una razionalità che mi ha permesso di avere un certo grado di autonomia intellettuale professionale, e soprattutto quei libri mi hanno insegnato a prendere decisioni empiriche, a non avere paura della incertezza, e sapere come agire quando le informazioni scarseggiano .
 
Quando uscì il  libro “Una filosofia per la medicina” (Dedalo Edizioni, 2011) lavoravo al Centro oncologico fiorentino come dirigente sanitaria responsabile della innovazione organizzativa e assistenziale. L’uscita del libro coincise con la realizzazione del Patto di Ospitalità, un’intesa politico sociale tra parti sociali ed istituzioni sanitarie che realizzai declinando il pensiero del prof. Cavicchi sulla ospitalità. Scopo di questo lavoro era quello di creare forme sociali di reciprocità, di scambio di pareri e quindi maggiori opportunità situazionali rispetto ai bisogni di relazione, di prossimità che i cittadini dichiarano di avere ancora oggi. Il Patto, che allego,  fu stipulato in presenza dei cittadini di Sesto, sostenuto  dal prof. Cavicchi e firmato dal Direttore Generale e dal Sindaco di Sesto fiorentino.
 
Fu una esperienza impegnativa, ma non difficile perché il pensiero di Cavicchi era chiaro e lucido e non fu impossibile intuirne le implicazioni pratiche. Grata e soddisfatta decisi di presentare il libro “Una filosofia per la medicina” al Centro oncologico con un convegno denso di pensiero, come restituzione di un bene donato. La direzione apicale mi lasciò carta bianca e con il professore ebbi l’onore di invitare al convegno importanti personalità con le quali discutemmo e ipotizzammo soluzioni possibili, ma imprevedibili.
 
L’unica volta nella mia vita professionale in cui ho avuto il piacere di discutere in presenza anche della presidenza nazionale infermieristica. Per tutto questo cito spesso  Cavicchi nei miei articoli.
 
Marcella Gostinelli
Infermiera

09 aprile 2019
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Allegato

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy