Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 18 DICEMBRE 2017
Provincia Autonoma di Bolzano
segui quotidianosanita.it

Vaccini obbligatori. Il caso “Bolzano”. Kompatscher incontra Lorenzin e assicura impegno per maggiore copertura

Il presidente altoatesino ha ammesso la presenza di alcune resistenze, ma ha anche precisato che “gli ultimi dati a disposizione sono confortanti: i bambini non in regola sono passati da oltre mille a meno di 400”. Lorenzin, riferisce Kompatscher, ha dimostrato “comprensione”. Per il governatore l'approvazione di un decreto legge per la trasmissione diretta dei dati tra Asl e scuola e viceversa “renderebbe tutto l’iter più logico, rapido e meno burocratico”.

25 OTT - Si è svolto ieri l’annunciato incontro tra il presidente della Pa di Bolzano, Arno Kompatscher, e il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sui ritardi e le criticità rilevati nella provincia sull’applicazione della nuova legge che rende obbligatori i vaccini per l’accesso a scuola.

“Ho riferito alla ministra - spiega Kompatscher in una nota - ciò che stiamo facendo sul territorio per quanto riguarda la prevenzione vaccinale, con l’invio delle lettere informative da parte dell’Azienda sanitaria alle famiglie, le quali sono poi tenute a presentare la documentazione alle scuole”.

Nella nota si spiega che “pur ammettendo di aver incontrato alcune resistenze nelle fase iniziale”, il presidente altoatesino ha precisato come “gli ultimi dati a disposizione sono confortanti: se prima erano oltre mille i bambini sprovvisti della documentazione necessaria riguardante le vaccinazioni obbligatorie, ora sono meno di 400, e continueremo a lavorare affinché tutti si presentino ai colloqui informativi e intraprendano i passi successivi”.


Il goverantore ha riferito che Lorenzin ha dimostrato “comprensione per la particolare situazione a livello locale, figlia anche di un approccio culturale diverso”, ma ha comunque auspicato una crescita del tasso di copertura vaccinale ribadendo la centralità della cosiddetta immunità di gregge.

“Una novità positiva – ha concluso Kompatscher - è rappresentata dall’annuncio di un decreto legge in fase di preparazione che consentirà di superare l’ostacolo rappresentato dalle norme sulla privacy per quanto riguarda la trasmissione diretta dei dati dall’Azienda sanitaria alle scuole e viceversa. Una misura del genere renderebbe tutto l’iter più logico, rapido e meno burocratico”.

25 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS P.A. Bolzano

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy